01/05/2005, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Primo Regina Caeli per Benedetto XVI

La finestra dello studio del Palazzo apostolico si riapre, dopo la morte di Giovanni Paolo II, con un'augurio alle Chiese ortodosse che oggi celebrano la Pasqua. Benedetto XVI ricorda la festa di S. Giuseppe Lavoratore e scherza con i fedeli riuniti in piazza. Saluta le Acli presenti e prega affinchè vi sia lavoro e che questo sia "dignitoso".  Dopo la recita del Regina Caeli, rivolge un pensiero per le popolazione del Togo, "sconvolte da dolorose lotte interne".

Città del Vaticano (AsiaNews) - Riportiamo di seguito il testo integrale del messaggio che papa Benedetto XVI ha letto in occasione della recita del suo primo Regina Coeli da pontefice:

Carissimi Fratelli e Sorelle!

Mi rivolgo a voi per la prima volta da questa finestra, che l'amata figura del mio Predecessore ha reso familiare a innumerevoli persone nel mondo intero, e pensiamo anche ad un'altra finestra. Di domenica in domenica Giovanni Paolo II, fedele ad un appuntamento diventato un'amabile consuetudine, ha accompagnato per oltre un quarto di secolo la storia della Chiesa e del mondo e noi continuiamo a sentirlo più che mai vicino. Il mio primo sentimento è ancora di gratitudine verso coloro che mi hanno sostenuto in questi giorni con la preghiera e verso quanti da ogni parte del mondo mi hanno inviato messaggi e voti augurali.

Vorrei salutare con particolare affetto le Chiese ortodosse e le Chiese ortodosse orientali, che proprio oggi in questa domenica celebrano la Risurrezione di Cristo. A questi nostri cari fratelli rivolgo il tradizionale annuncio di gioia: Christós anesti! Sì, Cristo è risorto, è veramente risorto. Auguro di cuore che la celebrazione della Pasqua sia per loro una corale preghiera di fede e di lode a Colui che è il nostro comune Signore, e che ci chiama a percorrere con decisione il cammino verso la piena comunione.

Quest'oggi iniziamo il mese di maggio con una memoria liturgica tanto cara al popolo cristiano, quella di San Giuseppe Lavoratore, e voi sapete che io mi chiamo Giuseppe. Fu istituita dal Papa Pio XII di venerata memoria proprio cinquant'anni or sono, per sottolineare l'importanza del lavoro e della presenza di Cristo e della Chiesa nel mondo operaio. E' necessario testimoniare anche nell'odierna società il "Vangelo del lavoro", di cui parlava Giovanni Paolo II nell'Enciclica Laborem exercens. Auspico che non manchi il lavoro specialmente per i giovani, e che le condizioni lavorative siano sempre più rispettose della dignità della persona umana.

Penso con affetto a tutti i lavoratori e saluto quelli raccolti in Piazza San Pietro appartenenti a numerose associazioni. In particolare saluto gli amici delle ACLI (Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani), che celebrano quest'anno il sessantesimo di fondazione, ed auguro loro di continuare a vivere la scelta della "fraternità cristiana" come valore da incarnare nel campo del lavoro e della vita sociale, perché la solidarietà, la giustizia e la pace siano i pilastri su cui costruire l'unità della famiglia umana.

Rivolgo, infine, il pensiero a Maria: a Lei è particolarmente dedicato il mese di maggio. Con la parola e, più ancora, con l'esempio il Papa Giovanni Paolo II ci ha insegnato a contemplare Cristo con gli occhi di Maria, specialmente valorizzando la preghiera del Santo Rosario. Con il canto del Regina Caeli, affidiamo alla Vergine tutte le necessità della Chiesa e dell'umanità.

Ancora qualche saluto.

In questi giorni mi ritrovo spesso a pensare a tutti i popoli che soffrono a causa di guerre, malattie e povertà. In particolare, oggi sono vicino alle care popolazioni del Togo, sconvolte da dolorose lotte interne. Per tutte queste nazioni imploro il dono della concordia e della pace.

Saludo ahora cordialmente a los fieles de las parroquias Santa Joaquina Vedruna, de Barcelona, y Santa Catalina de Siena, de Madrid, que participan en esta oración mariana. Queridos hermanos: que la visita a las tumbas de los Apóstoles os confirme en vuestro compromiso de total entrega a Cristo y a su Iglesia.

Saluto con affetto i fedeli provenienti da Budapest e da Pécs, in Ungheria; i Fratelli e le Sorelle Laici Canossiani; i bambini della Scuola Materna di Abbasanta, in Sardegna, con i loro insegnanti e i genitori; e il Reggimento Genio Ferrovieri di Bologna.

E, finalmente, una buona domenica a voi tutti e grazie per l'attenzione!

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ankara, due milioni di giovani vittime del lavoro minorile. Anche profughi siriani
01/05/2017 09:49
Solo virtuale la festa del Primo Maggio a Mosca
01/05/2020 09:16
Krasnojarsk, flash-mob con ‘Gesù Risorto’. La Pasqua alternativa in Siberia
05/05/2021 08:18
Colombo. Primo maggio: una Messa per i lavoratori
02/05/2022 11:35
Vescovi indiani: nella Festa dei lavoratori, non dimentichiamo il migrante sfruttato e trafficato
01/05/2017 09:28


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”