17/11/2010, 00.00
COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Pyongyang, il “terzo Kim” ordina la decimazione dei quadri del Partito

di Joseph Yun Li-sun
Proprio come il padre, il feroce Kim Jong-un ha lanciato una “campagna contro la corruzione” che nasconde in realtà una purga con cui consolidare il proprio potere. I dirigenti, racconta una fonte, “sono terrorizzati: non sanno dove cadrà la scure e quali teste taglierà”.

Seoul (AsiaNews) – Dopo le alluvioni e l’ennesima carestia, un’altra disgrazia ha colpito la Corea del Nord: Kim Jong-un, terzogenito del dittatore Kim Jong-il e suo erede, ha infatti lanciato una campagna di purghe contro i funzionari del governo e del Partito dei lavoratori, al potere nel Paese dal 1953. Camuffata da “campagna contro la corruzione”, la decimazione dei quadri locali nasconde invece una vendetta personale del feroce 27enne, che non ha intenzione di rischiare il proprio potere quando il padre morirà.

Su suo ordine, la polizia politica coreana ha avviato una serie di ispezioni e arresti contro funzionari del Partito sospettati di corruzione. Secondo quanto riferisce a Seoul la North Korea Intellectuals Solidarity, un’associazione di cittadini nordcoreani fuggiti in Corea del Sud, all’inizio di novembre è partita un’ispezione di una settimana nella provincia nordorientale di Hamgyong del Nord, al confine con la Cina. Le indagini hanno portato all'arresto di 15 funzionari di alto livello, molti dei quali responsabili delle guarnigioni di frontiera, accusati di aver intascato tangenti per chiudere un occhio davanti ai tentativi di defezione e ai traffici illeciti.

Una fonte locale racconta: “Condotta da Kim Jong-un, la ricerca degli alti funzionari corrotti è in corso nel Paese. Il personale di grado gerarchico elevato sta tremando dalla paura, in quanto non si sa dove cadranno le teste”. Le purghe di Kim Jong-un trovano numerosi precedenti nella condotta del padre, Kim Jong-il, che negli anni Novanta ha ordinato numerose esecuzioni ogni qual volta si è presentata una situazione difficile da gestire.

Nel 1997 il “Caro leader” aveva fatto fucilare l’allora responsabile per l'agricoltura So Kwan-hi, che ha pagato con la vita le drammatiche conseguenze della carestia - decisa dal dittatore - che ha ucciso un milione di persone. Allo stesso modo, lo scorso marzo, sarebbe stato lo stesso Kim Jong-un ad avallare l’esecuzione di Pak Nam-gi, ex responsabile per le Finanze, principale sostenitore della fallimentare riforma valutaria di novembre 2009.

Proprio la ferocia del giovane, nominato dal padre vice segretario del Partito e vice presidente della Commissione militare centrale, avrebbe convinto Kim Jong-il a sceglierlo fra i numerosi figli e pretendenti al trono di Pyongyang. Per assicurarsi l’investitura, Jong-un – come rivelato da AsiaNews diversi mesi fa – ha condotto una campagna di violenze e intimidazioni nei confronti dei fratelli e della zia che ha molto colpito Kim Jong-il.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
14/07/2007
Pyongyang condanna a otto anni di lager un cristiano americano
07/04/2010
Nord Corea, prete cattolico gestirà un centro sociale a Pyongyang
10/11/2008
Seoul: nel 2005 accolti quasi 1400 rifugiati dal Nord
24/01/2006
Corea, nord e sud insieme per la rinascita di un tempio buddista
20/11/2006