08/10/2014, 00.00
BAHRAIN - REGNO UNITO
Invia ad un amico

Regno Unito: Il principe del Bahrain potrà essere indagato per torture

L'Alta corte di Londra revoca l'immunità diplomatica a Nasser bin Hamad Al-Khalifa, 27 anni. È accusato di aver partecipato alle sevizie sui prigionieri della rivolta pro-democrazia del 2011. Appassionato di corse di cavalli, per lui la Gran Bretagna è "una seconda casa".

Manama (AsiaNews/Agenzie) - Il principe del Bahrain, Nasser bin Hamad Al-Khalifa, non gode più di immunità diplomatica nel Regno Unito e potrà quindi essere perseguito per le accuse di tortura rivolte contro di lui. Lo ha stabilito ieri l'Alta corte di Londra, rivedendo un ricorso presentato da un torturato. Per Sayed Al-Wadaei, direttore dell'ufficio legale del Bahrain Institute for Rights and Democracy, si tratta di "una vittoria per il popolo del Bahrain".

I giudici hanno ribaltato la decisione presa dal Crown Prosecution Service (Cps), che aveva stabilito che il reale non poteva essere perseguito in quanto protetto dall'immunità. Il principe Nasser, 27 anni, non sarà subito arrestato, ma la sentenza dei giudici permetterà alla polizia britannica di aprire un'indagine contro di lui.

Egli - dicono i beninformati - considera il Regno Unito "la sua seconda casa", e vi soggiorna spesso soprattutto perché appassionati delle corse di cavalli.

La vicenda risale al 2012, quando il Cps ha ricevuto un dossier che accusava il principe Nasser di aver partecipato alle torture di prigionieri durante una rivolta pro-democrazia esplosa in Bahrain nel 2011. Il reale era nell'isola per le Olimpiadi di Londra. Associazioni per i diritti umani ne avevano chiesto l'arresto, ma con la decisione della Cps le autorità hanno permesso a Nasser di tornare nel Regno.

L'identità del sopravvissuto che ha presentato ricorso contro la decisione del Cps, è stata mantenuta anonima per motivi di sicurezza.

L'International Federation for Human Rights ha definito la decisione dell'Alta corte di Londra "una svolta decisiva" e ha criticato le autorità francesi per non aver risposto allo stesso modo a un analogo ricorso, presentato lo scorso agosto durante una visita del principe a Parigi.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Parlamento egiziano approva l’immunità per i militari autori della repressione del 2013
17/07/2018 08:51
Islamabad: l’opposizione chiede le dimissioni del presidente Zardari
17/12/2009
Turchia: primo passo verso la sospensione dell’immunità parlamentare
21/05/2016 09:10
Riyadh riporta in patria il diplomatico, presunto stupratore di due donne nepalesi
17/09/2015
Dopo cinque anni riprendono i colloqui di pace tra Manila e i ribelli maoisti
16/07/2009


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”