14/01/2008, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Scetticismo e paura fra i riabilitati del Baath

La Justice and Accountability Law, approvata sabato, permette ai quadri medi del partito di Saddam di tornare a ricoprire cariche pubbliche dopo l’epurazione seguita alla caduta del regime. Entro tre mesi i baathisti possono essere perseguiti e, se innocenti, recuperare il posto di lavoro. Ma c’è chi teme un’ondata di “vendette”.
Baghdad (AsiaNews/Agenzie) – La nuova legge che riabilita i quadri medi del partito Baath lascia perplessi gli ex alti funzionari di Saddam, che temono discriminazioni da parte del governo e ritorsioni dai connazionali sciiti. Salutata dal presidente Usa George W. Bush come un “importante passo verso la riconciliazione nazionale”, la Justice and Accountability Law è stata approvata il 12 gennaio all’unanimità dai 143 parlamentari presenti su 275. Dopo l’invasione americana del 2003, migliaia di sunniti del Baath sano stati esclusi dal governo e dalle amministrazioni pubbliche, lasciando allo sbaraglio uffici chiave e ministeri statali e alimentando le fila del terrorismo e della “resistenza” anti-Usa.
 
La nuova norma prevede a grandi linee: la possibilità per i quadri di livello intermedio e inferiore del Baath di tornare a lavorare nel settore pubblico e accorda la pensione a tutti i baathisti; rimangono, invece, banditi i quadri alti. Si stabilisce un periodo di tre mesi entro il quale gli ex Baath possono essere perseguiti legalmente, se giudicati non colpevoli possono fare richiesta di reinserimento e da quel momento saranno immuni da procedimenti sull’operato dell’era Saddam.
 
Abu Ali, un ex alto funzionario del Baath, è scettico: “La maggior parte di chi ha commesso crimini sotto Saddam è fuggito subito dopo la caduta del regime e chi è rimasto sono in maggioranza gli innocenti”. “Ora – continua – chiunque può cercare vendetta, facendo causa ad un ex membro del partito”. “I più interessati – sottolinea un insegnante sunnita, che ha perso il posto di lavoro – sono gli sciiti; ho paura che si possa anche arrivare ad inscenare cause false pur di mandare in carcere un baathista”.
 
Dal canto suo Jalal al-Din al-Sagheer, parlamentare del Supremo Consiglio islamico iracheno (Siic), spiega che la Justice and Accountability Law “non è una punizione contro i baathisti, ma vuole colpire solo i membri criminali del partito, mentre tutti gli altri potranno godere di nuovo dei loro diritti”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Processo a Saddam fissato per il 19 ottobre
03/09/2005
Leader curdo: Il 90% degli irakeni vuole impiccare Saddam Hussein
07/09/2005
Leader curdo: Nessun dialogo coi baathisti sgozzatori e assassini
03/03/2005
Uccisi un giudice del tribunale speciale e suo figlio
02/03/2005
Elezioni in Iraq, baathisti tornano dall'Italia per votare
28/01/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”