02/03/2016, 08.51
GIORDANIA - SIRIA
Invia ad un amico

Scontri fra militari giordani e sospetti jihadisti al confine con la Siria

Le violenze sono avvenute a Irbid, 80 km a nord della capitale. Le autorità hanno imposto il coprifuoco. A innescare gli scontri un'operazione delle forze di sicurezza contro gruppi estremisti. Altre fonti parlano di “criminali”, senza specificare.  Feriti anche due ufficiali giordani. 

Amman (AsiaNews/Agenzie) - È di almeno cinque morti il bilancio degli scontri, avvenuti ieri, fra le forze di sicurezza giordane e sospetti jihadisti nella città settentrionale di Irbid, nei pressi del confine con la Siria. I combattimenti, che si sono protratti per gran parte della giornata, si sono concentrati nella città di frontiera 80 km circa a nord della capitale.  In seguito agli scontri le autorità hanno dichiarato il coprifuoco.  

Un alto ufficiale di Amman, dietro anonimato, riferisce che all’origine degli scontri vi sarebbe una operazione delle forze di sicurezza giordane contro un gruppo di uomini armati, sospettati di appartenere allo Stato islamico. Un’altra fonte, rilanciata dall’agenzia ufficiale Petra, parla di quattro “criminali” e un capitano dell’esercito giordano uccisi. 

Durante l’operazione sono rimasti feriti anche due esponenti dei servizi di sicurezza e altri due civili; una persona è finita agli arresti. 

Irbid dista alcuni chilometri dal confine siriano ed è il luogo in cui spesso la polizia giordana arresta e detiene trafficanti di droga e jihadisti, che cercano di unirsi a gruppi estremisti in Siria. La Giordania è parte della coalizione internazionale a guida statunitense che sta conducendo raid aerei e bombardamenti contro i miliziani jihadisti di Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico] in Iraq e Siria. 

Il Paese finora è stato risparmiato dalle violenze e dal conflitto, ma ha vissuto e vive il dramma dei profughi in fuga dalla guerra nei due Paesi arabi vicini. Amman ha accolto sinora più di 630mila (ma il governo parla di 1,4 milioni) dei circa 4,6 milioni di rifugiati siriani che hanno cercato riparo all’esterno.

Nelle scorse settimane fonti di AsiaNews in Giordania avevano lanciato l’allarme: la nazione è “al limite del collasso”, fatica a reggere le ondate di profughi che “continuano ad arrivare” ed è alto il rischio di “destabilizzazione”, anche se “finora il governo è riuscito a mantenere il controllo”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giordania, sgominata una cellula dello Stato islamico a Irbid
03/03/2016 08:53
Attacco al campo profughi, morti sei militari. Amman chiude il confine siriano
22/06/2016 08:58
I giordani applaudono il presidente siriano Bashar Assad (Video)
26/11/2018 08:13
Crisi siriana, la Giordania vicina al collasso si scontra con il fanatismo silenzioso
04/02/2016 09:56
Ginevra, l’Onu media la pace. In Siria si combatte e in Giordania è emergenza profughi
02/02/2016 15:50


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”