28/10/2013, 00.00
IRAN
Invia ad un amico

Teheran, scompaiono i manifesti anti-Usa. Ma le aperture di Rouhani dividono il Paese

I manifesti erano stati stampati per celebrare i 34 anni della crisi degli ostaggi all'ambasciata Usa. La municipalità di Teheran nega qualsiasi coinvolgimento: a staccare i poster sarebbero state le stesse agenzie di pubblicità. In Parlamento continua la battaglia fra Rouhani e i conservatori sulla nomina dei ministri. Bocciato Reza Salehi Amiri, protagonista delle manifestazioni dell'onda verde.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Dalle strade di Teheran scompaiono i poster anti-americani, per dimostrare all'occidente la volontà di collaborare dopo la distensione dei rapporti fra il presidente riformista Rouhani e il suo omologo statunitense Barack Obama. La mossa giunge a pochi giorni dal 34mo anniversario della crisi degli ostaggi americani a Teheran, avvenuta durante la rivoluzione di Khomeini. Tuttavia, le autorità locali prendono le distanze e respingono ogni responsabilità sulla vicenda.

Hadi Ayyazi, portavoce dell'amministrazione della capitale, sottolinea che "i poster erano stati affissi senza alcuna autorizzazione ufficiale". A prendere l'iniziativa sono state le stesse agenzie pubblicitarie autrici dei manifesti. Tuttavia, non tutte le società impegnate nell'affissione di volantini e cartelloni pubblicitari hanno aderito all'indicazione. Alcuni poster restano ancora per le strade. Uno in particolare riporta la scritta "L'onestà americana" e ritrae negoziatori iraniani e statunitensi al tavolo delle trattative. I delegati Usa indossano giacca e cravatta, ma calzano stivali e pantaloni militari, Ehsan Mohammad - Hassani, responsabile della Oj, agenzia pubblicitaria produttrice del poster, si giustifica dicendo che "quella rappresentazione non è un'obiezione contro i negoziati fra Iran e Stati Uniti". La parziale rimozione dei manifesti anti-Usa ha aperto anche un dibattito sugli slogan cantati durante le cerimonie ufficiali. A tutt'oggi il coro più gettonato è "Morte all'America", ma molti iraniani stanno pensando di accantonarlo, per non inficiare la ripresa delle relazioni fra due Paesi.

A soli tre mesi dal suo insediamento come presidente, l'ayatollah Hassan Rouhani ha dato una svolta riformista alle relazioni fra l'Iran e i suoi detrattori, in particolare gli Stati Uniti. Dopo 34 anni di chiusura totale, lo scorso 27 settembre il capo di Stato iraniano e Barack Obama, presidente Usa, hanno parlato al telefono, rompendo un gelo che durava dal 1979.  La chiamata diretta fra i due leader ha portato nuove speranze nel Paese e per una riduzione delle sanzioni economiche e per un cambiamento significativo nei negoziati sul nucleare. Rouhani e il suo entourage devono però fare i conti con una forte opposizione interna, che tenta in tutti i modi di ostacolare le sue aperture.

Lo scorso 15 agosto il Parlamento ha respinto la nomina di 3 (su 18) ministri, considerati troppo riformisti. Nelle scorse settimane, Rouhani ha presentato una nuova lista. Ieri il Parlamento iraniano, dominato dai conservatori, ha approvato due nuovi membri del governo moderato: Ali Asghar Fani, ministro dell'Istruzione e Reza Faraji Dana, al ministero della Ricerca. Tuttavia, la Camera ha respinto Reza Salehi Amiri, uno dei politici più vicini all'ala riformista che sarebbe dovuto diventare ministro dello Sport e dei giovani. A pesare sul curriculum di Amiri è il suo ruolo di primo piano nelle manifestazioni dell'onda verde avvenute nel 2009 dopo la rielezione di Mahmoud Ahmadinejad.   

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Polizia schierata per frenare la festa iraniana del fuoco
17/03/2010
I primi passi di Rouhani verso un nuovo Iran. I dubbi di Israele
13/09/2013
Hassan Rouhani: Un governo forte non pone limiti alla libertà delle persone
05/07/2013
Teheran, libero attivista per i diritti umani, già condannato a morte
05/09/2014
Teheran, migliaia di firme per liberare i leader dell’Onda Verde
14/08/2019 08:00


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”