05/11/2011, 00.00
ISRAELE – PALESTINA
Invia ad un amico

Tel Aviv blocca le due navi dirette a Gaza, attivisti identificati ed espulsi

Si è concluso dopo 48 ore il viaggio della nave canadese Tahrir e l’irlandese Saoirse, con a bordo 27 fra attivisti e giornalisti. Le imbarcazioni si trovavano in acque internazionali, a circa 70 km dalla costa. La manovra di abbordaggio della marina israeliana si è svolta senza incidenti.
Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Si è concluso con un abbordaggio il viaggio delle prime due imbarcazioni della “Freedom Wawes”, che intendevano violare il blocco imposto da Israele su Gaza. La nave canadese Tahrir e l’irlandese Saoirse, con a bordo 27 fra attivisti e giornalisti – tra cui un palestinese – trasportavano medicine e beni di prima necessità per la popolazione della Striscia, da anni vittima dell’embargo deciso da Tel Aviv, in risposta agli attentati degli estremisti filo-palestinesi. Partite dalle coste turche, dopo 48 ore di navigazione le due imbarcazioni sono state intercettate ieri pomeriggio dalla marina israeliana e costrette ad attraccare al porto di Ashdod.

Tutti e 27 i passeggeri a bordo sono stati consegnati alle autorità israeliane e custodite in un centro nei pressi di Tel Aviv. Le forze di polizia e l’ufficio immigrazione hanno identificato attivisti, giornalisti e membri dell’equipaggio, quindi hanno trasportato le persone al vicino aeroporto della città per imbarcarli sui voli diretti nei Paesi di origine. I funzionari israeliani hanno inoltre precisato che quanti si rifiutano di partire “volontariamente”, potranno godere della tutela di un legale e appellarsi entro 72 ore contro il provvedimento di via.

La Tahrir e la Saoirse si trovavano in acque internazionali quando sono state intercettate dalla marina israeliana, tra i 64 e i 96 km al largo della costa di Gaza. Tel Aviv riferisce che le imbarcazioni sono state abbordate in modo pacifico dopo i reiterati inviti a modificare la rotta e non si sono registrati incidenti. Un attivista a bordo della Tahrir riferisce che è “una vittoria per il movimento” l’aver raggiunto acque internazionali e assicura che “la prossima volta ci avvicineremo ancora di più”.

La partenza delle prime due navi di questa “onda” ha destato preoccupazioni in seno alla comunità internazionale: il 31 maggio scorso, infatti, la marina israeliana ha bloccato con la forza un primo gruppo di attivisti, con un blitz sfociato in uno scontro a fuoco che ha causato nove morti e numerosi feriti. L’attacco ha originato una forte tensione fra Tel Aviv e Ankara, perché le vittime erano di nazionalità turca. A settembre il governo turco aveva minacciato di far scortare le imbarcazioni da navi da guerra, ma nei giorni scorsi il proposito è stato "per ora" accantonato.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Stato di allerta in tutto Israele. “Vicini alla guerra o a una nuova Intifada”
31/05/2010
La Marina israeliana pronta a fermare le due navi che vogliono arrivare a Gaza
04/11/2011
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Il Consiglio di Sicurezza Onu domanda un’inchiesta sull’attacco alle navi per Gaza
01/06/2010
Ankara e Gerusalemme tentano la “diplomazia del fuoco”
07/12/2010


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”