21/05/2015, 00.00
TIBET – CINA
Invia ad un amico

Tibet, padre di quattro figli si dà fuoco per protesta contro il dominio cinese

Le auto-immolazioni salgono a 140 dal 2009, anno in cui è iniziata questa forma estrema di manifestazione contro Pechino. Tenzin Gyatso, 35 anni, è stato portato via dalla polizia in condizioni critiche: non è chiaro se sia morto o ancora vivo. Il governo centrale lancia raid e perquisizioni nelle aree tibetane in vista dell’80mo compleanno del Dalai Lama.

Lhasa (AsiaNews) – Un uomo di etnia tibetana, sposato e padre di quattro figli, si è dato fuoco nella provincia cinese del Sichuan per protestare contro la dominazione di Pechino sulla regione del Tibet. Non è chiaro se Tenzin Gyatso, 35 anni, sia sopravvissuto: fonti locali dicono che la polizia lo ha portato via ancora vivo, ma in condizioni critiche. Questa protesta estrema porta a 140 il numero totale di tibetani che si sono auto-immolati in Tibet e nelle province cinesi confinanti dal 2009, anno in cui è iniziata l’ondata di suicidi con il fuoco.

Una fonte tibetana racconta a Radio Free Asia che l’uomo “si è dato fuoco nei pressi di un ponte vicino agli edifici governativi di Khangsar” nella contea di Kardze. Mentre bruciava, racconta ancora la fonte, “il personale di sicurezza stanziato nell’area si è precipitato nell’area e ha spento il fuoco. Lo hanno portato via ma non è chiaro se sia morto o ancora vivo”.

Secondo i residenti locali, Gyatso avrebbe iniziato a covare rancore nei confronti di Pechino per i raid compiuti dalla polizia in vista dell’80mo compleanno del Dalai Lama, leader tibetano in esilio in India dal 1959. In occasione della ricorrenza, che si celebrerà il prossimo 6 luglio 2015, il mondo della diaspora tibetana e la popolazione locale intendono portare avanti una “catena di preghiera” per il benessere del capo spirituale del buddismo tibetano.

Il governo centrale cinese teme nuove proteste di massa, e ha già iniziato controlli e carcerazioni preventive nelle province con forte presenza tibetana. Secondo la fonte di Radio Free Asia “le forze di sicurezza sono arrivate, hanno iniziato a perquisire le persone e le abitazioni e a portare via alcuni tibetani per interrogarli. Altri sono stati arrestati perché non avevano un’espressione che piaceva alla polizia”. Questo modo di fare, conclude, “ha spinto Gyatso verso l’auto-immolazione”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sichuan, monaco tibetano condannato a 7 anni di carcere duro
21/08/2012
Tibet, si auto-immola una giovane madre: sale a 115 il numero delle vittime
17/04/2013
Tibet, il 2013 non ferma le auto-immolazioni: muore con il fuoco un adolescente
14/01/2013
Dalai Lama ai tibetani: Adesso basta con le auto-immolazioni
14/06/2013
Tibet, altre 2 autoimmolazioni in meno di 24 ore
25/03/2013


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”