20/01/2005, 00.00
VATICANO – ASIA
Invia ad un amico

Tsunami: mons. Migliore all'Onu, duri nel tempo la solidarietà con le vittime

Città del Vaticano (AsiaNews) - Deve durare nel tempo la solidarietà che persone e governi hanno manifestato verso le popolazioni asiatiche colpite dallo tsunami. E' l'auspicio del Vaticano, espresso alla plenaria dell'assemblea generale delle Nazioni Unite da mons. Celestino Migliore, osservatore permanente della Santa Sede all'Onu.

La solidarietà che, ha detto mons. Migliore, ha mosso l'intervento di "persone e governi" di fronte al maremoto nel sud-est asiatico non deve essere solo una reazione alla impressione iniziale suscitata dalle notizie di decine di migliaia di morti, ma durare nel tempo, visto che la portata del disastro naturale richiede interventi "a medio e lungo termine".

"E' chiaro - ha detto il rappresentante pontificio - che l'emergenza si estende nel medio e lungo termine; bisogna sperare che la solidarietà dei privati cittadini e dei governi non muoia una volta che il mondo si sia ripreso dallo shock iniziale della calamità".

Mons. Migliore ha ricordato che la Santa Sede si è mossa immediatamente dopo l'evento, ha subito attivato la sua struttura di assistenza per portare cibo, abiti e altri generi di prima necessità alle popolazioni colpite dallo tsunami, sia attraverso il pontificio consiglio Cor Unun che per mezzo del gran numero di agenzie cattoliche diffuse nel mondo. (FP)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il Natale dei cattolici in Russia, pieno di memoria e gratitudine
23/12/2019 08:00
Tsunami, ultimo bilancio: 226 mila tra morti e dispersi
15/07/2005
Tsunami: vicini a 100.000 vittime; 5 milioni di sfollati
30/12/2004
Cordialità e segnali di reciproca fiducia tra Stato ebraico e Vaticano
17/04/2008
Funzionario Onu: fino a 200 mila i morti dello tsunami
11/01/2005


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”