28/09/2011, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Vandali lanciano pietre e bottiglie contro una scuola in Karnataka

di Nirmala Carvalho
Nessun ferito. È il decimo incidente dal gennaio scorso contro la scuola del convento S. Giuseppe di Belgaum. Per suor Thankam Michael, preside, tali attacchi vogliono fomentare la violenza popolare.
Belgaum (AsiaNews) – “Preoccupati”, “scioccati” e “pieni di collera”: si definiscono così i genitori e il corpo docente della scuola gestita dal convento S. Giuseppe, nel distretto di Belgaum (Karnataka). Per la decima volta dall’inizio di quest’anno, il 24 settembre scorso un gruppo di ignoti ha lanciato pietre e bottiglie di vetro contro l’edificio scolastico. Tutti gli episodi sono rimasti impuniti, nonostante le proteste dell’Associazione genitori-insegnanti.

“È così dal 16 gennaio scorso – specifica ad AsiaNews suor Thankam Michael, preside – ogni volta la polizia aumenta il livello di sicurezza: adesso il convento è sorvegliato 24 ore su 24. Eppure, nessuno è mai stato arrestato. Temiamo che lo scopo di questi episodi sia di fomentare sommosse popolari”.

Al presente, la scuola del S. Giuseppe ha circa duemila studenti, di cui solo 415 sono cristiani.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Karnataka, nazionalisti indù contro la Bibbia nella scuola cristiana
28/04/2022 12:36
Nuovo attacco contro una chiesa del Karnataka. È il quarto in quattro giorni
16/12/2009
Continua la persecuzione contro le scuole cristiane in India
26/04/2019 10:58
Madhya Pradesh, sotto protezione una scuola cristiana per minacce indù
13/07/2011
Leader protestante: “indecenti” le aggressioni indù contro scuole e insegnanti cristiani
04/02/2012


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”