11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/05/2017, 11.05

    VATICANO

    Papa a 10 nuovi sacerdoti: Eletti dal Signore non per fare carriera, ma per il servizio



    Nella Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, papa Francesco ha ordinato 10 giovani provenienti dai seminari diocesani romani fra i 26 e i 38 anni. Vi è anche un asiatico, dell’Azerbaijian. L’omelia rituale costellata di commenti a braccio, talvolta sferzanti. “Non fate omelie troppo elaborate, intellettuali, parlate in modo semplice”. “La doppia vita è una malattia brutta nella Chiesa”. “Siate gioiosi, nella gioia del servizio di Cristo, anche in mezzo alle sofferenze, alle incomprensioni, ai propri peccati”. “Non siate signori, chierici di Stato, ma pastori del popolo di Dio”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Questi nostri figli e fratelli sono stati chiamati all’ordine del presbiterato… Sono stati eletti dal Signore non per fare carriera, ma per questo servizio”. È il primo dei commenti a braccio che papa Francesco ha espresso oggi durante la messa nella basilica di san Pietro,  nella quale ha ordinato al sacerdozio 10 diaconi. Quella di oggi è la quarta domenica di Pasqua, in cui la Chiesa celebra la Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, giunta la suo 54mo appuntamento.

    I candidati ordinati oggi provengono dai seminari diocesani romani. Il più giovane ha 26 anni; i più anziani hanno 38 anni. Fra di essi, quattro appartengono alla diocesi di Roma; due dal seminario missionario romano “Redemptoris Mater”; uno della Congregazione dei Fratelli di Nostra Signora della Misericordia; uno della Famiglia dei Discepoli; uno della diocesi di Nocera Inferiore–Sarno. Vi è anche un neo-ordinato asiatico: David Behbud Mustafayev, 35 anni, della Prefettura apostolica dell’Azerbaijian.

    Dopo le letture che presentano la figura del Buon pastore, papa Francesco ha pronunciato l’omelia rituale, prevista dal Pontificale romano per l’ordinazione dei presbiteri. Ma sebbene il testo sia piuttosto tradizionale, ricordando la missione del presbitero, il suo servizio liturgico, di preghiera, ecc.., il pontefice si è distaccato qua e là dal testo preparato per inserire suoi commenti ed esortazioni, talvolta sferzanti.

    Così, dopo aver esortato a leggere e meditare “assiduamente la Parola del Signore per credere ciò che avete letto, insegnare ciò che avete appreso nella fede, vivere ciò che avete insegnato”, ha aggiunto: “Parlate in modo semplice, come parlava il Signore. Non fate omelie troppo elaborate, intellettuali, parlate in modo semplice”.

    Ricordando che occorre nutrire il popolo di Dio anche con “il profumo della vostra vita”, ha aggiunto: “La parola, senza l’esempio di vita non serve. Meglio tornare indietro. La doppia vita è una malattia brutta nella Chiesa”.

    E all’invito di portare “la morte di Cristo nelle vostre membra” e camminare “con Lui in novità di vita”, ha detto: “Un presbitero che forse ha studiato tanta teologia, una, due o tre lauree, ma non ha imparato a portare la croce di Cristo, non serve. Sarà un buon accademico, un buon professore, ma non sacerdote”.

    L’omelia prevede poi l’elenco dei sacramenti che il sacerdote amministra in nome della Chiesa. Citando il sacramento della riconciliazione, Francesco ha commentato: “Per favore, in nome di Cristo e della Chiesa, vi chiedo di essere misericordiosi, sempre. Non caricare sulle spalle dei fedeli pesi che non possono portare, neppure voi. Gesù rimproverò a questi dottori e li chiamò ipocriti”.

    E per il sacramento degli infermi, ha aggiunto: “Uno dei compiti, forse noioso, anche doloroso è andare a trovare gli ammalati. Certo ci sono i diaconi, i laici, ma fatelo voi. Non privatevi del toccare la carne del Cristo sofferente: questo santifica voi”.

    L’omelia rituale poi sottolinea che “consapevoli di essere stati scelti fra gli uomini e costituiti in loro favore per attendere alle cose di Dio, esercitate in letizia e carità sincera l’opera sacerdotale di Cristo”. Il pontefice ha ribadito: “Siate gioiosi, nella gioia del servizio di Cristo, anche in mezzo alle sofferenze, alle incomprensioni, ai propri peccati”.

    “Abbiate sempre davanti agli occhi – ha concluso -  l’esempio del Buon Pastore, che non è venuto per essere servito, ma per servire, e per cercare di salvare ciò che era perduto. Non siate signori, chierici di Stato, ma pastori del popolo di Dio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/04/2007 VATICANO
    Papa: I nuovi 22 sacerdoti, immagini del Buon Pastore, nella gioia
    I candidati provengono da diverse parti del mondo. Benedetto XVI ha chiesto loro di spendere la vita sulle orme della missione di Cristo. E ha domandato a parenti, amici e comunità di pregare e accompagnare le vocazioni che nascono nella Chiesa.

    29/04/2007 VATICANO
    Con Maria, dire “sì” a Cristo e pregare per le vocazioni
    Davanti a oltre 40 mila persone, Benedetto XVI chiede a tutti di pregare per i sacerdoti, per i formatori e per le famiglie perché curino il seme della chiamata a seguire Cristo Buon Pastore.

    07/05/2017 12:10:00 VATICANO
    Papa: Cristo, Buon Pastore, è diventato la porta della salvezza dell’umanità, perché ha offerto la vita per le sue pecore

    Prima del Regina Caeli, papa Francesco spiega i simboli presenti nel vangelo di oggi. Gesù “è un capo la cui autorità si esprime nel servizio… Di un capo così ci si può fidare”. Egli una “presenza amica, forte e dolce insieme, che indirizza, protegge, consola e medica”. Troppo spesso mettiamo in ombra questa “dimensione spirituale e affettiva”. Cristo sostenga “quanti sono da Lui chiamati, affinché siano pronti e generosi nel seguire la sua voce”. Sette martiri della guerra civile spagnola beatificati ieri. Nel mese di maggio, pregare il rosario “per la pace, come ha chiesto la Vergine a Fatima”.



    17/04/2016 11:44:00 VATICANO
    Papa: La nostra vita è al sicuro nelle mani di Gesù, per questo non abbiamo più paura

    Al Regina Caeli Francesco sottolinea l’importanza dell’ascolto, da parte dei seguaci, delle parole di Cristo: “Un ascolto coinvolgente, non superficiale, al punto da rendere possibile una versa conoscenza reciproca”. Dopo la preghiera mariana, il pontefice ringrazia chi lo ha accompagnato con la preghiera nella visita a Lesbo con il patriarca Bartolomeo e l’arcivescovo Ieronimo: “L’unità nella carità di tutti i discepoli del Signore”. Il papa racconta la storia di un ragazzo musulmano, cui i terroristi hanno sgozzato la moglie perché cristiana: “E’ una martire, e lui piangeva tanto”. Una preghiera anche per le vittime dei terremoti in Ecuador e Giappone.



    14/04/2015 VATICANO
    Papa: Per una Chiesa “in uscita”, la vocazione come “esodo”. La proposta ai giovani frenati nei “loro sogni”
    Nel Messaggio per la 52ma Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni (il prossimo 26 aprile), papa Francesco chiede ai giovani di superare “le incognite”, le “preoccupazioni”, le “incertezze”, che rischiano di “paralizzare i loro slanci”. La vocazione è “lasciare sé stessi, uscire dalla comodità e rigidità del proprio io per centrare la nostra vita in Gesù Cristo”. Non è una “fuga dal mondo”, ma “un impegno concreto, reale e totale”. Una Chiesa “in uscita”, non “preoccupata di sé stessa, delle proprie strutture e delle proprie conquiste”, ma capace di “incontrare i figli di Dio” e “compatire” le loro ferite.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®