03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/08/2004, 00.00

    PAPA - LOURDES - FILIPPINE

    L'amore di "Mama Mary" ha cambiato la mia vita

    Sonny Evangelista

    Difficoltà economiche, aborti, divisioni e il filo sottile della devozione alla Madonna di Lourdes

    Manila (AsiaNews) - La profonda devozione di Maria Socorro Remedios [non il suo vero nome - ndr] per la Vergine Maria è nata in un periodo della vita in cui si sentiva disperata e aveva bisogno di un punto di riferimento. Era uno dei momenti più bui della sua esistenza: si era separata dal marito tossicodipendente, il padre era gravemente ammalato, la madre mostrava i primi sintomi di una malattia mentale, la figlia rischiava l'espulsione dalla scuola. Le finanze della famiglia erano così basse che la casa era stata messa all'asta per il mancato pagamento delle tasse. Ma il fondo sentiva di averlo toccato dopo aver abortito un figlio maschio.

    Disperata e smarrita, la donna decide di rivolgersi alla Madonna e in quel momento sente una voce dolce e limpida nel cuore: "Ti ricordi quel giorno in cui hai protetto la tua bambina con il tuo stesso corpo? – le chiedeva la voce. Così farò anch'io, la tua Madre Celeste, e ti proteggerò". "Quella era la Madonna – rivela Maria Remedios – era la "Mama Mary" e si rivolgeva direttamente a me". Qualche anno prima lei e la figlia di 10 mesi erano state vittima di un incidente stradale: la loro auto si era infilata sotto un camion. "Mi sembrava di vivere una scena al rallentatore. La mia prima reazione è stata abbracciarla, raccogliere mia figlia, metterla sul grembo e farle scudo col mio corpo".

    Dopo aver ascoltato quella voce rassicurante, la donna decide di fare di tutto per rendere grazie alla Madre riscoperta. Da quel momento in poi la sua vita è cambiata. Il giorno successivo una società straniera ha comprato la fabbrica del padre, di cui la famiglia aveva dimenticato l'esistenza. "Le cose cominciarono a migliorare - confessa la donna ad AsiaNews - e anche l'atteggiamento di mia figlia verso lo studio cambiò, tanto da diventare la più brava della classe".

    Altre piccole "sorprese" e miracoli hanno contraddistinto la sua vita. Un giorno Maria Remedios doveva portare in tutta fretta il padre in ospedale. "Avevo solamente 800 pesos a casa (18 euro) e 1600 in banca". Dopo aver pregato per ore nella cappella dell'ospedale, incontra un amico di famiglia che si offre di pagare le cure mediche. "Le cose accadevano in modo assolutamente inaspettato" afferma oggi. Questo le ha fatto capire che doveva dare una svolta completa alla sua vita e dedicarsi totalmente al compito che "Mama Mary" le aveva assegnato: "Promuovere la fede cattolica fra i filippini".

    Prima della conversione Maria Remedios era figlia della generazione del divertimento sfrenato che aveva rotto tutte le regole. "Nella mia vita ho fatto tutte le esperienze che una donna di oggi potrebbe vivere e forse anche le peggiori – racconta ad AsiaNews. Fumavo 3 pacchetti di sigarette al giorno, mi arrabbiavo con facilità, non sorridevo mai, piangevo di frequente. Avevo così tante ferite aperte!". La sua redenzione è stata "veloce come il perdono di Dio" e "lenta come le profonde ferite dell'anima".

    Una volta ha visitato l'Europa. "Per un mese intero abbiamo viaggiato da una città all'altra. Non potevamo permetterci l'albergo, allora dormivamo sui treni".

    Una meta che Maria Remedios non poteva perdere era Lourdes: "Sentivo di doverci andare perché mia madre era devota alla Nostra Signora di Lourdes". "A Lourdes ho provato il dolore per i miei peccati. Ma il dolore era accompagnato dalla speranza, che pervadeva il mio animo mentre fissavo la Madonna. Lei è la tenera Madre che mi ha aiutato ad alleviare le mie sofferenze. Mi ha accompagnato durante i periodi più bui e ha rimarginato le mie ferite. Mi ha riportato sulla via della rettitudine e della grazia".

    A Lourdes Maria Remedios ha avvertito il sollievo del perdono attraverso l'intercessione della Vergine Maria e confessa che con quel pellegrinaggio ha chiuso con il passato. "Ho trascorso un'infanzia terribile e una vita familiare ancora peggiore – conclude la donna – ma "Mama Mary" ha trasformato la mia famiglia ferita e divisa in una famiglia felice. Se c'è l'amore, ferite e divisioni non sono più delle cose negative".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/08/2004 papa - lourdes
    Lourdes: il papa sfinito, Ferragosto e le Olimpiadi


    14/08/2004 PAPA – LOURDES – VATICANO
    La rosa del Papa, omaggio alla "Regina" della gioia e del dolore


    14/08/2004 papa - lourdes
    Lourdes: storia, devozione, pellegrinaggi (Scheda)


    14/08/2004 PAPA - LOURDES
    Papa: la sofferenza non è inutile; è un'offerta per il mondo
    Il bilancio della prima giornata del Papa, fra fatiche, preghiere e preoccupazione per il mondo

    14/08/2004 papa - lourdes
    Processione « aux flambeaux » per chiedere la pace




    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®