22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/12/2009, 00.00

    ISRAELE - VATICANO

    Ancora scritte ebraiche anticristiane al Cenacolo

    Joshua Lapide

    “Noi abbiamo ucciso Gesù” e “Fuori i cristiani”. Gli estremisti hanno urinato sulla porta, un gesto divenuto quasi quotidiano. Il legame fra le scritte e le dichiarazioni di un vice-ministro israeliano secondo il quale il Vaticano reclama la sovranità sul Monte Sion.

    Gerusalemme (AsiaNews) - Un ulteriore oltraggio è stato commesso la notte fra il 14 e il 15 dicembre scorso contro la chiesa francescana adiacente il Santo Cenacolo sul Monte Sion, attigua al Luogo Santo dell'Ultima Cena (nella foto: la visita di Benedetto XVI nel maggio 2009).

    Graffiti osceni sulle porte proclamavano messaggi come "Noi abbiamo ucciso Gesù", "Fuori i cristiani" (in inglese ed ebraico), e "F....off", il tutto adornato con la Stella di Davide, per non lasciare alcun dubbio circa l'affiliazione religiosa dei delinquenti.

    Per evidenziare il messaggio, gli assalitori hanno urinato sulla porta, lasciando pure un lungo sentiero dell'urina lungo la stradina che porta alla chiesa.

    Secondo alcuni preti del luogo, il gesto di urinare davanti a questo Luogo santo è divenuto una pratica quasi giornaliera. Fonti cristiane fanno notare il legame fra le scritte oltraggiose e le false dichiarazioni attribuite dalla stampa ad un viceministro israeliano, che avrebbe accusato il Vaticano di rivendicare la sovranità sul Monte Sion. Sarebbero dunque queste dichiarazioni ministeriali ad aver incitato elementi ebraici estremisti ad aumentare questi attacchi, che sono ormai divenuti abituali.

    Giorni fa un'altra scritta in ebraico, sul muro della Dormizione, vicino al Cenacolo, proclamava "Morte ai cristiani" (v.12/12/2009 “Morte ai cristiani”: scritte ebraiche vicino al Cenacolo a Gerusalemme ).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/12/2009 ISRAELE
    “Morte ai cristiani”: scritte ebraiche vicino al Cenacolo a Gerusalemme
    La scritta è stata subito cancellata per non acuire la tensione fra cristiani ed ebrei. I responsabili sono forse dei giovani ebrei ortodossi. Nella zona del Cenacolo avvengono molte altre offese a preti, suore e ai Luoghi santi. Dubbi sulla capacità (o volontà) dello Stato a tutelare i Luoghi della cristianità.

    17/01/2010 ISRAELE - VATICANO
    Rabbino Rosen: Israele tratta il Vaticano in modo oltraggioso
    A poche ore dall’incontro fra Benedetto XVI e la comunità ebraica di Roma, David Rosen accusa lo Stato di Israele di non onorare gli accordi fatti con il Vaticano nel ’94, al varo dei rapporti diplomatici. Egli accusa anche “xenofobi” di diffondere voci false contro il Vaticano.

    23/04/2009 VATICANO - ISRAELE
    “Progresso significativo” nei dialoghi Santa Sede- Israele
    La Commissione bilaterale si è radunata oggi in Israele e ha diramato un Comunicato congiunto che parla con toni di speranza. I dialoghi vanno avanti dal 1999. Prossimo incontro della Plenaria, con mons. Parolin e con il viceministro Ayalon, a ridosso della visita del papa in Terrasanta, il 30 aprile, sempre in Israele.

    31/10/2009 VATICANO - ISRAELE
    Israele restringe i visti per sacerdoti e religiosi in Terra Santa
    Negato il visto a due sacerdoti africani; il visto per sacerdoti europei ridotto a un anno. Le autorità ecclesiastiche preoccupate e (per ora) timorose di alzare la voce per paura delle conseguenze. La causa delle restrizioni: il fondamentalismo del partito Shas. L’Accordo fondamentale del ’93 stabilisce la libertà della Chiesa nel poter “dispiegare” il suo personale nella terra di Gesù. A rischio il carattere universale e internazionale della Chiesa. Sta per scoppiare una nuova “crisi dei visti”.

    07/01/2010 VATICANO - ISRAELE
    Incontro “fruttuoso e cordiale” della Commissione Santa Sede-Israele
    Il comunicato congiunto elenca i prossimi raduni il 10 febbraio in Israele e il 27 maggio in Vaticano. L’Accordo fondamentale non fa “tabula rasa” dei diritti acquisiti dalla Chiesa per 19 secoli, molto tempo prima che nascesse lo Stato d’Israele.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®