23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2005, 00.00

    INDONESIA - VATICANO

    Indonesia: i cattolici sperano in un papa tra tradizione e dialogo

    Mathias Hariyadi

    Jakarta (AsiaNews) – I cattolici in Indonesia, il paese musulmano più popoloso al mondo, sono fiduciosi che il nuovo papa continuerà lungo il cammino di Giovanni Paolo II, impegnato nel  dialogo, la pace e la difesa della vita.

    Secondo p. Benny Susetyo, segretario esecutivo della Conferenza episcopale dell'Indonesia, questo pontificato è un "annuncio positivo" per l'Indonesia, dove i cristiani sono solo una minoranza. "Egli è un uomo di carisma e porta speranza a tutti i cattolici". Il sacerdote ha spiegato che, come successore di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI conosce molto bene l'importanza del dialogo interreligioso: "Egli di sicuro continuerà  l'impegno a favore di relazioni migliori tra cristiani e musulmani in Indonesia".

    La fermezza del nuovo pontefice su temi come controllo delle nascite, aborto, contraccezione, fa ben sperare l'arcivescovo di Pontianak, mons. Hieronimus Bumbun. "Mi auguro – ha detto - che il papa difenderà  l''ortodossia' cattolica pur rimanendo aperto al confronto e al dialogo con le altre religioni, come ha fatto il suo predecessore". Il vescovo spiega che 'ortodossia' non vuol dire 'chiusura', ma "preservare l'essenza vera della cristianità, così come l'ha insegnata Gesù". "Sono convinto - ha concluso -  che il papa si opporrà a qualsiasi forma di controllo delle nascite, contraccezione e condannerà l'aborto".

    Messaggi di congratulazione per il nuovo pontefice anche dal governo. Il ministero degli Esteri indonesiano in un comunicato ufficiale ha dichiarato che Jakarta accoglie con calore papa Benedetto XVI, che "incoraggerà la comunità a migliori valori morali".

    Come paese musulmano l'Indonesia "non cesserà mai di lavorare a favore del dialogo e della tolleranza tra musulmani e cristiani".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/04/2005 INDONESIA - VATICANO
    Musulmani in Indonesia: il papa getterà ulteriori ponti tra le religioni


    19/04/2005 vaticano
    Benedetto XVI, cooperatore della Verità


    22/04/2005 Vaticano
    Prima udienza di Benedetto XVI al collegio dei cardinali


    21/04/2005 VATICANO
    I movimenti applaudono Benedetto XVI
    Messaggi di gioia per la nomina del nuovo pontefice da parte del movimento dei Focolari, Comunione e Liberazione e comunità di S. Egidio.

    05/04/2005 INDONESIA-VATICANO
    Gus Dur: Giovanni Paolo II "incessante promotore della pace"
    In una lettera aperta, l'ex presidente indonesiano, musulmano, ricorda il pontefice defunto. Alle sue condoglianze si associano tutte le maggiori cariche, politiche e religiose, del Paese.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®