27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/04/2005, 00.00

    INDONESIA - VATICANO

    Indonesia: i cattolici sperano in un papa tra tradizione e dialogo

    Mathias Hariyadi

    Jakarta (AsiaNews) – I cattolici in Indonesia, il paese musulmano più popoloso al mondo, sono fiduciosi che il nuovo papa continuerà lungo il cammino di Giovanni Paolo II, impegnato nel  dialogo, la pace e la difesa della vita.

    Secondo p. Benny Susetyo, segretario esecutivo della Conferenza episcopale dell'Indonesia, questo pontificato è un "annuncio positivo" per l'Indonesia, dove i cristiani sono solo una minoranza. "Egli è un uomo di carisma e porta speranza a tutti i cattolici". Il sacerdote ha spiegato che, come successore di Giovanni Paolo II, Benedetto XVI conosce molto bene l'importanza del dialogo interreligioso: "Egli di sicuro continuerà  l'impegno a favore di relazioni migliori tra cristiani e musulmani in Indonesia".

    La fermezza del nuovo pontefice su temi come controllo delle nascite, aborto, contraccezione, fa ben sperare l'arcivescovo di Pontianak, mons. Hieronimus Bumbun. "Mi auguro – ha detto - che il papa difenderà  l''ortodossia' cattolica pur rimanendo aperto al confronto e al dialogo con le altre religioni, come ha fatto il suo predecessore". Il vescovo spiega che 'ortodossia' non vuol dire 'chiusura', ma "preservare l'essenza vera della cristianità, così come l'ha insegnata Gesù". "Sono convinto - ha concluso -  che il papa si opporrà a qualsiasi forma di controllo delle nascite, contraccezione e condannerà l'aborto".

    Messaggi di congratulazione per il nuovo pontefice anche dal governo. Il ministero degli Esteri indonesiano in un comunicato ufficiale ha dichiarato che Jakarta accoglie con calore papa Benedetto XVI, che "incoraggerà la comunità a migliori valori morali".

    Come paese musulmano l'Indonesia "non cesserà mai di lavorare a favore del dialogo e della tolleranza tra musulmani e cristiani".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/04/2005 INDONESIA - VATICANO
    Musulmani in Indonesia: il papa getterà ulteriori ponti tra le religioni


    19/04/2005 vaticano
    Benedetto XVI, cooperatore della Verità


    22/04/2005 Vaticano
    Prima udienza di Benedetto XVI al collegio dei cardinali


    21/04/2005 VATICANO
    I movimenti applaudono Benedetto XVI
    Messaggi di gioia per la nomina del nuovo pontefice da parte del movimento dei Focolari, Comunione e Liberazione e comunità di S. Egidio.

    05/04/2005 INDONESIA-VATICANO
    Gus Dur: Giovanni Paolo II "incessante promotore della pace"
    In una lettera aperta, l'ex presidente indonesiano, musulmano, ricorda il pontefice defunto. Alle sue condoglianze si associano tutte le maggiori cariche, politiche e religiose, del Paese.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®