25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/11/2005, 00.00

    VATICANO

    Il Papa: inizia l'Avvento, "tempo di speranza e di attesa"



    La preparazione al Natale è anche "tempo in cui occorre che i cristiani risveglino nel loro cuore la speranza di potere, con l'aiuto di Dio, rinnovare il mondo" e di preparazione alla "meta finale", l'ultima venuta di Cristo.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - L'inizio dell'Avvento, "tempo di grande suggestione religiosa, perché intriso di speranza e di attesa spirituale", periodo di gioia, ma anche "tempo in cui occorre che i cristiani risveglino nel loro cuore la speranza di potere, con l'aiuto di Dio, rinnovare il mondo" è stato l'argomento del quale Benedetto XVI ha parlato oggi a quasi 40.000 persone presenti, malgrado la giornata grigia e piovosa in piazza San Pietro per la recita dell'Angelus.

    Nella sua riflessione, Benedetto XVI ha anche indicato nell'Avvento un ivito alla "vigilanza" nell'attesa dell'ultima venuta di Cristo.

    "Con l'odierna domenica – ha detto - inizia l'Avvento, un tempo di grande suggestione religiosa, perché intriso di speranza e di attesa spirituale: ogni volta che la Comunità cristiana si prepara a fare memoria della nascita del Redentore, avverte in se stessa un fremito di gioia, che si comunica in certa misura all'intera società. In Avvento il popolo cristiano rivive un duplice movimento dello spirito: da una parte, alza lo sguardo verso la meta finale del suo pellegrinare nella storia, che è il ritorno glorioso del Signore Gesù; dall'altra, ricordandone con emozione la nascita a Betlemme, si china dinanzi al Presepe. La speranza dei cristiani è rivolta al futuro, ma resta sempre ben radicata in un evento del passato. Nella pienezza dei tempi il Figlio di Dio è nato dalla Vergine Maria: "Nato da donna, nato sotto la legge", come scrive l'apostolo Paolo (Gal 4,4)".

    "Il Vangelo – ha detto ancora - ci invita oggi a restare vigilanti nell'attesa dell'ultima venuta di Cristo. 'Vegliate!', dice Gesù, 'poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà" (Mc 13,35.37). La breve parabola del padrone partito per un viaggio e dei servi incaricati di farne le veci pone in evidenza quanto sia importante essere pronti ad accogliere il Signore quando, all'improvviso, arriverà. La Comunità cristiana aspetta con ansia la sua 'manifestazione', e l'apostolo Paolo, scrivendo ai Corinzi, li esorta a confidare nella fedeltà di Dio e a vivere in modo da essere trovati 'irreprensibili' (cfr 1 Cor 1,7-9) nel giorno del Signore. Molto opportunamente, perciò, all'inizio dell'Avvento la liturgia ci pone sulle labbra l'invocazione del Salmo: 'Mostraci, Signore, la tua misericordia, e donaci la tua salvezza' (Sal 84,8)".

    "Potremmo dire – ha proseguito il Papa - che l'Avvento è il tempo in cui occorre che i cristiani risveglino nel loro cuore la speranza di potere, con l'aiuto di Dio, rinnovare il mondo. A questo proposito vorrei ricordare anche oggi la Costituzione del Concilio Vaticano II Gaudium et spes sulla Chiesa nel mondo contemporaneo: è un testo profondamente pervaso di speranza cristiana. Mi riferisco in particolare al n. 39, intitolato "Terra nuova e cielo nuovo". Vi si legge: "Sappiamo dalla rivelazione che Dio prepara una nuova abitazione e una terra nuova, in cui abita la giustizia (cfr 2 Cor 5,2; 2 Pt 3,13)… Tuttavia l'attesa di una terra nuova non deve indebolire, bensì piuttosto stimolare la sollecitudine nel lavoro relativo alla terra presente". I buoni frutti della nostra operosità li ritroveremo, infatti, quando il Cristo consegnerà al Padre il suo regno eterno e universale. Maria Santissima, Vergine dell'Avvento, ci ottenga di vivere questo tempo di grazia vigilanti e operosi nell'attesa del Signore".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/11/2010 VATICANO
    Papa: Avvento, tempo di attesa, come tutta l’esistenza umana
    All’Angelus, Benedetto XVI dice che l’attendere caratterizza la vita dell’uomo in ogni sua fase. Nei saluti ripete l’esortazione a pregare perché sia sempre rispettata la vita nascente. “Possa in futuro del mondo diventare la civiltà dell’amore e della vita”

    16/03/2005 Vaticano
    Il Papa saluta dalla finestra e ricorda la "Gaudium et spes"

    La pace nasce dalla giustizia perché comporta la ferma determinazione di rispettare gli altri, individui e popoli, nella loro dignità, oltre alla costante volontà di incrementare la fraternità tra i componenti della famiglia umana.



    29/11/2012 VATICANO
    Gaudium et Spes, quando la famiglia divenne vera e propria "Chiesa domestica"
    In un momento nel quale affioravano i primi segnali della futura crisi, il Concilio dovette affrontare il tema della santità del matrimonio e della famiglia, valorizzando l'amore personale e sviluppando l'immagine di famiglia come "comunità di vita e d'amore". I tempi hanno superato la visione conciliare. Gli interventi di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

    27/11/2011 VATICANO
    Papa: Avvento, l’attesa di Cristo in un mondo post-moderno, dove Dio sembra assente
    All’Angelus Benedetto XVI spiega il senso dell’Avvento che dà inizio al nuovo anno liturgico. Nel mondo di oggi, nelle città anonime, Dio sembra essersi ritirato e l’uomo sembra essere padrone di tutto. Dio non è “padrone”, ma “Padre e amico”. Un appello per i lavori della Commissione Onu sul clima.

    29/11/2009 VATICANO
    Papa: Cristo, fondamento della speranza di cui hanno bisogno tutti gli uomini
    All’inizio del nuovo anno liturgico, Benedetto XVI sottolinea che Gesù Cristo è la speranza di cui hanno bisogno popoli ricchi e popoli in via di sviluppo; credenti e non credenti. Un pensiero per i malati di Aids, soprattutto i bambini e i più poveri. Saluti ai partecipanti alla marcia per affermare il valore religioso storico e culturale del crocifisso, dopo la sentenza della Corte europea.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®