13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/07/2016, 11.30

    CINA-VATICANO

    È morto mons. Vincenzo Huang Shoucheng, vescovo di Mindong

    Wang Zhicheng

    Il vescovo non era riconosciuto dal governo cinese. Cattolici ufficiali e sotterranei lo apprezzavano come un pastore umile e capace. La diocesi di Mindong è per la quasi totalità costituita da fedeli della Chiesa sotterranea: su 90 mila cattolici, più di 80 mila sono clandestini. Le autorità vorrebbero che i funerali avvengano con basso profilo, senza far indossare alla salma le insegne episcopali. Ma i fedeli resistono. Mons. Huang ha passato 35 anni fra prigionia, lavori forzati e arresti domiciliari. Il suo successore è mons. Vincenzo Guo Xijin, da lui ordinato nel 2008.

    Mindong (AsiaNews) – È morto stamane alle 11 (ora locale) mons. Vincenzo Huang Shoucheng, vescovo sotterraneo di Mindong (Fujian), una delle personalità più significative della Cina. Aveva 93 anni. Il 15 maggio scorso era stato portato in ospedale e i fedeli avevano temuto per la sua morte, ma si è ripreso dopo pochi giorni. Il vescovo, riconosciuto da ufficiali e non ufficiali come ordinario della diocesi, aveva desiderato morire in casa, nella curia e così è stato.

    Negli oltre 60 anni di sacerdozio, mons. Huang aveva passato 35 anni fra prigionia, lavori forzati e arresti domiciliari. La diocesi di Mindong è nella quasi totalità costituita da fedeli della Chiesa sotterranea: su 90 mila cattolici, più di 80 mila sono clandestini, molto organizzati e vivi, con oltre 45 sacerdoti, più di 200 suore, più di 300 laiche consacrate e centinaia di laici catechisti. Mindong ha anche un vescovo patriottico, mons. Zhan Silu, seguito da pochi fedeli; i preti ufficiali sono una diecina e contano su poche parrocchie.

    Cattolici sotterranei e ufficiali riconoscono la grandezza del vescovo defunto. Seminaristi della Chiesa ufficiale lo definiscono “umile, intelligente, un grande pastore”. “Grazie a lui – dice un sacerdote non ufficiale - la Chiesa di Mindong ha potuto crescere e rinnovarsi. Le sue sofferenze hanno portato frutti all’evangelizzazione. In questi anni sono nate e cresciute centinaia di comunità e di parrocchie”.

    A causa della preponderanza della comunità sotterranea, in questi anni il governo è stato costretto a venire a patti con la vita e le attività delle comunità come costruzioni di chiese, pellegrinaggi, ordinazioni. Nel 2008 mons. Huang ha potuto ordinare anche il suo coadiutore, mons. Vincenzo Guo Xijin, 60 anni, che gli succede nell’amministrazione della diocesi. Mons. Guo è stato approvato da Benedetto XVI.

    La data dei funerali non è stata ancora decisa. Fedeli di Mindong hanno rivelato ad AsiaNews che i membri del governo sono già in città per parlare con i sacerdoti e il vescovo successore per accordarsi sul da farsi.

    Di solito per un vescovo non riconosciuto dal governo cinese, le autorità esigono che i funerali siano semplici, la salma senza le insegne episcopali, i fedeli siano pochi. È molto probabile che in questo caso le autorità non potranno fermare il flusso delle decine di migliaia di fedeli che verranno a rendere omaggio al pastore defunto. Essi non potranno esigere che nella liturgia ci si rivolga al defunto senza definirlo vescovo, né che la salma abbia mitra, croce pettorale e anello. Un fedele ha detto ad AsiaNews: “Per noi mons. Huang è vescovo e vestiremo la salma come tale. Se le autorità vogliono, devono venire loro, davanti a tutto il popolo a togliergli le insegne episcopali”.

    In compenso, si sa che il governo ha domandato a mons. Guo di non indossare segni vescovili ed egli ha accettato con benevolenza. I fedeli si attendono che anche mons. Zhan Silu venga a onorare la salma di mons. Huang, che era stato suo insegnante in seminario.

    Mons. Huang Shoucheng è nato il 23 luglio 1923 a Kangcuo, vicino alla città di Fuan (Fujian). Nel 1935 è entrato nel seminario minore di Luojiang (Funing), poi nel seminario maggiore di Fuzhou.

    Il 26 giugno del 1949 è stato ordinate sacerdote insieme ad altri tre diaconi, per le mani dell’amministratore apostolico mons. Tommaso Niu Huiqing.

    Dopo un periodo di insegnamento in seminario e come parroco, il 12 novembre 1955, insieme ad altri tre sacerdoti è arrestato dalla polizia di Fuzhou e fino al 1959 passa quattro anni di prigione e altri ai campi di lavoro forzato.

    Ritorna a casa nel 1971. Durante la Rivoluzione culturale, avendo scritto alcuni libri catechetici, venne arrestato per la seconda volta il 23 dicembre del 1972, e condannato a 8 anni di carcere. Viene scarcerato nel gennaio 1980 e ritorna a Fuan.

    Nel 1985 è consacrato vescovo coadiutore della città di Luoyuan e subisce controlli polizieschi e arresti domiciliari, che però non frenano il suo impegno. Il 27 luglio del 1990, viene arrestato e incarcerato per terza volta. Ma nel mese di agosto del 1991, gli viene sospesa la pena a causa della sua salute.

    Il 20 agosto del 2005, egli ha preso possesso della diocesi di Mindong come vescovo. Il 28 dicembre 2008, ha consacrato il suo successore Mons. Vincenzo Guo Xijin come vescovo coadiutore.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/08/2016 14:52:00 CINA-VATICANO
    Domani i funerali di mons. Huang Shoucheng. I patti col governo locale sulla cerimonia e la cremazione

    Saranno celebrati domani alle 6.30 del mattino. Istallati posti di blocco per frenare il flusso dei fedeli. Solo 3mila persone ammesse in cattedrale. Proibito apporre sulla salma mitra e pastorale. Ma i fedeli hanno ottenuto di porre anello, croce pettorale, zucchetto e composizioni floreali. Permessa una minima processione verso la cremazione. La tomba, rovinata dal maltempo di questi giorni, restaurata dal governo che non vuole che le ceneri del prelato rimangano in cattedrale per l’omaggio dei fedeli. Il successore di mons. Huang è mons. Vincenzo Guo Xijin. Anche lui, come il predecessore, ha subito diversi anni di carcere.



    24/03/2010 CINA - VATICANO
    Arrestato un altro sacerdote sotterraneo nel Fujian
    Ha organizzato un campo per 300 universitari. Con lui, incriminati altri sette sacerdoti. Uno di essi, p. Luo, è stato detenuto per 15 giorni e poi rilasciato. Altri due attendono di essere arrestati. Decine di sacerdoti sono in prigione o nei campi di lavoro forzato; tre vescovi sono scomparsi da anni nelle mani della polizia. Oggi si conclude l’incontro della Commissione vaticana sulla Chiesa in Cina.

    10/04/2017 12:40:00 CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.



    30/08/2010 CINA
    Morto mons. Jonh Yang Shudao, arcivescovo sotterraneo di Fuzhou
    Il prelato, 91 anni, è morto lo scorso 28 agosto a Fuzhou (Fujian). Pilastro della Chiesa sotterranea cinese mons. Yang ha passato gran parte della sua vita in carcere. L’ultima condanna risale al 2001.

    14/07/2009 CINA - VATICANO
    Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
    Cattive interpretazioni della Lettera hanno portato confusione e sconforto nelle comunità sotterranee. I vescovi ufficiali devono avere più coraggio nella fedeltà al pontefice, rifiutando le strutture che sono contrarie alla fede cattolica. Il governo cinese continua la politica di sempre: controllo totale della Chiesa.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®