13/03/2020, 12.48
CINA-USA
Invia ad un amico

È plausibile l’ipotesi del coronavirus originato da un laboratorio a Wuhan

di Renzo Milanese

Non ci sono prove inconfutabili, ma segnali, voci, testimonianze e coincidenze. Per gli Usa il virus è un “coronavirus cinese”, o “di Wuhan”, opera di laboratori in Cina. Pechino accusa: E’ stato portato a Wuhan da militari Usa lo scorso ottobre! Da ottobre-novembre le autorità sapevano della pericolosità del virus, ma hanno censurato la notizia.

Hong Kong (AsiaNews) – È plausibile e non scartabile a priori l’ipotesi che il coronavirus, divenuto una pandemia, abbia origine in un laboratorio a Wuhan. È quanto afferma p. Renzo Milanese, missionario del Pime a Hong Kong dal 1972. Il sacerdote precisa che il virus potrebbe essere “fuggito” e non “creato” in laboratorio. Citando studi e ricerche, oltre che testimonianze di autorevoli giornalisti del territorio, egli giunge alla conclusione che “sembra innegabile che un centro [di ricerche] sia stato direttamente coinvolto con ricerche sui virus, anche se non necessariamente sulla creazione di un virus”.

Va sottolineato che su questa conclusione non vi sono prove inconfutabili, e per ora sembra difficile giungere a tanto, dato che molte testimonianze, video e articoli cinesi sull’argomento vengono puntualmente oscurati.

L’ipotesi che il Covid-19 fosse il frutto di ricerche compiute da un laboratorio di Wuhan impegnato nello studio delle guerre batteriologiche è emerso alla fine di gennaio ed è sostenuto anche da personalità politiche degli Stati Uniti, come Mike Pompeo, che definisce il virus “il coronavirus cinese”, o “di Wuhan”.

Ma ieri, la Cina ha decretato una lotta a colpi di Twitter, accusando gli Stati Uniti di essere la fonte del virus. Zhao Lijian, portavoce del ministero cinese degli Esteri ha scritto che “Potrebbe essere stato l’esercito Usa ad aver portato l’epidemia a Wuhan… L’America ci deve una spiegazione!”. L’accusa appare legata alla partecipazione di membri dell’esercito Usa ai Giochi mondiali militari, tenutisi a Wuhan nell’ottobre scorso, che ha radunato rappresentanti da oltre 100 nazioni.

Rimane il fatto che dati governativi cinesi documentano i primi malati di coronavirus (o meglio: di un virus simile alla Sars) fin dal 17 novembre 2019. Il governo, dopo aver fatto tacere dottori e giornalisti sull’epidemia, ha lanciato l’allarme solo il 23 gennaio.

 

Sull’ipotesi se il virus Covid-19 sia stato creato o fuggito da un laboratorio, mi baso sulle notizie che arrivano a Hong Kong dalla Cina popolare. Il materiale a mia disposizione sono video di rinomati giornalisti in Hong Kong. I video sono in cantonese e sono pubblicati in Youtube, ma alcuni sono stati cancellati dopo qualche giorno per ordini superiori. Bisogna anzitutto distinguere fra “virus creato” e “virus fuggito”.

Il virus “creato”

La prima ipotesi (“virus creato” in laboratorio) è definita da Pechino una "teoria del complotto". Essa circola a Hong Kong da prima del 20 gennaio, quando è stata riconosciuta l'esistenza del virus e la sua diffusione da persona a persona; tre giorni dopo è stato annunciato l'isolamento della città di Wuhan. 

Per questa teoria non ci sono prove, ma sospetti a partire da indizi e dal “si dice”.

Un fatto strano è che il 18 settembre 2019 a Wuhan si è tenuta un’esercitazione per controllare la possibile diffusione di un coronavirus. Il fatto era stato riportato su siti internet e giornali locali, ma la notizia è poi sparita. Le autorità hanno poi chiarito che l'esercitazione si riferiva a coronavirus del tipo Sars. 

Il 29 gennaio 2020 in America sono stati arrestati scienziati canadesi e statunitensi, compreso l'arresto di Charles Lieber (Harvard University). Questi scienziati sono legati al "Programma dei 1000 geni/persone" che coopera fra l'altro col Wuhan Institute of Virology. E qui si entra in una storia di spionaggio e controspionaggio su delicate ricerche scientifiche.

Su tutte c'è una argomentazione molto diffusa, che viene assunta come vera dalla gente: più il governo si impegna a negare, più significa che quella cosa è vera. Da parte loro, gli scienziati cinesi sono stati mobilitati in forze a offrire prove che il virus non è stato creato in laboratorio.

Il virus “fuggito”

L’ipotesi che il virus sia fuggito dal laboratorio è stata espressa anzitutto dal noto giornalista Siu Yeuk(Yuk) Yuen (蕭若元), in un video del 30 gennaio 2020. Il video era anche su Youtube, ma è stato cancellato; è ancora presente su Facebook (vedi qui). Non so se sparirà a breve.

Secondo Siu, in ottobre un laboratorio di Wuhan (dalla sigla P4), dopo aver raccolto vari campioni da ospedali locali, ha trovato nel cadavere di un anziano un nuovo tipo di coronavirus. Avvisate le autorità, queste avrebbero chiesto una più dettagliata relazione scientifica che è stata consegnata il 26 novembre. Il 30 novembre incomincia a circolare la notizia che c'è un nuovo pericoloso virus.

Un altro giornalista molto noto, Chau Sze Tat (仇思達) in un video del 16 febbraio 2020 descrive il dibattito in corso sull’origine, sul focolaio del Covid-19.

Egli cita un articolo scritto da due professori, uno della South China University of Technology di Guangzhou e uno della Wuhan University of Science and Technology. Secondo questi, il focolaio sarebbe da ricercare nel CDC, un centro di ricerca di Wuhan, dove esperimenti con pipistrelli avrebbero infettato i ricercatori e alcuni pipistrelli infetti sarebbero fuggiti dal centro. Chau Sze Tat dubita che nella ricerca del focolaio iniziale sia introdotto un altro centro per allontanare i sospetti sul più famoso e delicato P4. Cita altre notizie, diffuse e poi smentite ufficialmente, che legano il focolaio del virus a persone legate a un centro di ricerca a Wuhan. Quale sia il centro può essere discusso, ma a questo punto sembra innegabile che un centro sia stato direttamente coinvolto con ricerche sui virus, anche se non necessariamente sulla creazione di un virus. In altre parole, nella fase iniziale il virus è passato da un centro di ricerche a Wuhan. È anche fuori discussione che le autorità fossero a conoscenza della pericolosità del virus, non hanno informato nessuno e hanno cercato di tenere nascosti i fatti.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Wuhan ritorna alla normalità. L’epidemia ‘importata’ dall’Italia
23/03/2020 08:59
‘Inappropriata’: la pubblica sicurezza di Wuhan si scusa con la famiglia di Li Wenliang
20/03/2020 13:07
Wuhan, solo 11 nuovi casi di infezione e sette morti
13/03/2020 08:34
Dall’8 aprile riaprono le comunicazioni con Wuhan. Esclusi (o nascosti) i casi 'asintomatici'
24/03/2020 11:30
Wuhan, ancora nessun nuovo infetto. All’Italia il triste record di morti per coronavirus
20/03/2020 08:38