26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/08/2012, 00.00

    VIETNAM

    Đà Lạt, progetti di micro-credito della Caritas per poveri e minoranze

    J.B. Vu

    L’iniziativa sostenuta dal lavoro di volontari ha preso il via nel 2010. Essa si rivolge in particolare ai membri delle minoranze etniche, nelle aree rurali e montagnose. Oltre 900 famiglie hanno potuto “sfuggire alla povertà”. Volontario cattolico: con l’aiuto di Dio è possibile trovare la forza per promuovere queste iniziative.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) - La Caritas della diocesi di Đà Lạt, nella provincia di Lâm Đồng (sud Vietnam), ha avviato un progetto di "micro-credito" per sopperire ai bisogni dei più poveri, i quali vivono al di sotto della soglia di povertà fissata a un dollaro al giorno. Il progetto ha preso il via nel 2010 ed è rivolto in particolare alle popolazioni appartenenti alle minoranze etniche, costrette spesso a vivere in condizioni di disagio all'interno di piccole comunità, senza nemmeno il fabbisogno minimo con cui sopravvivere. In questi due anni, secondo le stime interne, l'iniziativa ha permesso a oltre 900 famiglie di "sfuggire alla povertà". E per meglio raggiungere il suo scopo e centrare i molteplici obiettivi di crescita e sviluppo, l'ente cattolico ha favorito la nascita di gruppi di volontari al servizio dei poveri e degli emarginati dalla società.

    Un fedele della diocesi spiega che in un primo momento "le persone coinvolte nel progetto erano timide, impaurite e non si lasciavano coinvolgere totalmente". Col tempo l'atteggiamento è cambiato e "vi è molta più partecipazione" alle attività del gruppo.

    Il modello di micro-credito funziona attraverso il prestito di piccole somme di denaro, destinate ai poveri con una particolare attenzione alle minoranze che vivono nelle aree rurali o nelle regioni di montagna. In questo modo essi possono avviare attività, aiutarsi in modo reciproco e promuovere piccole realtà imprenditoriali.

    Il progetto si intitola:"I poveri possono darsi una mano per uscire dalla povertà". Fra i suoi obiettivi vi è la possibilità di far studiare i figli delle famiglie povere, preservando e sviluppando al contempo la cultura tradizionale di questi gruppi minoritari. Per la comunità cristiana di Đà Lạt è motivo di orgoglio il successo registrato sinora dall'iniziativa Caritas nel settore dello sviluppo sostenibile.

    Un volontario dell'ente cattolico diocesano spiega ad AsiaNews che, superate le difficoltà iniziali, "passo dopo passo ho imparato guardando all'opera delle suore e degli altri lavoratori impegnati nel sociale". Egli aggiunge che "con l'aiuto di Dio" è possibile trovare la forza e il coraggio per promuovere questo tipo di iniziative: "io sono solo un catalizzatore - conclude - e cerco di creare le condizioni per cui altri possano beneficiare del progetto di micro-credito". 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/10/2010 INDIA
    India, dove il micro-credito spinge al suicidio
    Il sistema, ideato e lanciato dal Nobel Yunus, si è trasformato in un sistema di sfruttamento feroce, dove gli agenti di riscossione spingono i debitori a uccidersi per recuperare (grazie a un fondo assicurativo) l’intera somma prestata. In un mese e mezzo, 45 suicidi accertati dallo Stato. La condanna di un attivista: “Un sistema peggiore di quello nazista”.

    17/05/2012 VIETNAM
    Aborti, frutto di egoismo e materialismo, male oscuro del progresso vietnamita
    Il Pil nel primo quadrimestre del 2012 registra una crescita del 4%. Tuttavia, la società rischia di disgregarsi insieme alla famiglia. Picco nelle interruzioni di gravidanza: a Ho Chi Minh City sono pari alle nascite. Governo e religioni devono collaborare per ricostruire i nuclei familiari e l’intera comunità.

    19/09/2015 FILIPPINE
    Card Rosales: Pondo ng Pinoy, i 25 cents di carità che aprono le porte del paradiso
    L’emerito di Manila rilancia la raccolta fondi ideata nel 2004. Attraverso piccoli gesti di “amore” si crea una vasta rete di solidarietà. Una carità “democratica” in cui “tutti danno qualcosa”. Ricordando papa Francesco, il porporato invita ad affezionarsi alle sofferenze dei poveri.

    25/07/2009 VIETNAM
    Enciclica: gli insegnamenti del Papa visti dal popolo e dalla Chiesa vietnamiti
    In Vietnam la crescita economica degli ultimi anni ha messo in secondo piano la formazione etica dell’uomo. L’impatto con la crisi globale sta facendo emergere problematiche sociali ogni giorno più evidenti. La Caritas in Veritate è un aiuto alla Chiesa e alla popolazione vietnamita per costruire una nuova visione della vita e combattere in modo concreto il materialismo del governo.

    23/02/2009 VIETNAM
    Il lavoro di orientamento e di formazione in una parrocchia di Ho Chi Minh City
    Grazie all’aiuto dell’episcopato italiano, nella parrocchia di San Paolo, distretto di Binh Tan, è stata costruita e inaugurata una “grande casa” che può ospitare 500 persone che prendono parte a corsi di formazione.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®