16/03/2021, 14.56
INDIA - CINA
Invia ad un amico

​Facilitazioni di Pechino per viaggiatori indiani, ma solo se prendono vaccini cinesi

L’attuale divieto di ingresso in Cina preoccupa in modo particolare i 23mila giovani indiani che studiano nelle università cinesi. L'annuncio porterà loro poco sollievo poiché i vaccini prodotti in Cina non sono disponibili in India. Il ministero degli Esteri cinese ha detto lunedì che la Cina "è pronta a promuovere il riconoscimento reciproco dei vaccini con altri Paesi", ma ci si aspetta che questo processo richieda tempo.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Diverse missioni cinesi all'estero, compresa la sua ambasciata a Nuova Delhi, hanno annunciato ieri che inizieranno a "facilitare" i viaggiatori a condizione che abbiano preso "vaccini COVID-19 di fabbricazione cinese".

Agli indiani è stato impedito di recarsi in Cina dal novembre dello scorso anno, quando la Cina ha sospeso visti validi e permessi di soggiorno non solo per i viaggiatori provenienti dall'India, ma per la maggior parte dei Paesi che indicano preoccupazioni COVID-19. Il divieto ha destato particolare preoccupazione per molti studenti indiani iscritti alle università cinesi, che non hanno potuto tornare in Cina. Ci sono almeno 23mila indiani che studiano in Cina, la maggior parte in facoltà di medicina.

L'annuncio del 15 marzo porterà loro poco sollievo poiché i vaccini prodotti in Cina non sono disponibili in India. Il ministero degli Esteri cinese ha detto lunedì che la Cina "è pronta a promuovere il riconoscimento reciproco dei vaccini con altri Paesi", ma ci si aspetta che questo processo richieda tempo.

Per ora, la limitata riduzione del divieto di viaggio si applicherà solo ai viaggiatori che hanno assunto vaccini cinesi. In un avviso dell'ambasciata cinese a Nuova Delhi si legge: "Allo scopo di riprendere gli scambi interpersonali in modo ordinato, a partire dal 15 marzo 2021, le ambasciate e i consolati cinesi in India forniranno alle persone che hanno fatto il vaccino cinese anti COVID-19 e hanno il certificato di vaccinazione le misure di facilitazione", anche per coloro che si recano in Cina per "contratti di lavoro, ripresa del lavoro e altre attività pertinenti" e familiari di cittadini cinesi, a condizione che abbiano assunto vaccini cinesi. L'annuncio non ha detto se esso riguarda anche gli studenti.

Gli studenti indiani, che rappresentano il quarto più grande segmento di studenti internazionali in Cina, hanno affrontato ostacoli particolari, ha riferito il South China Morning Post il mese scorso, con molte delle app cinesi utilizzate per l'insegnamento online bandite lo scorso anno, quando l'India ha limitato più di 200 app cinesi sulla scia degli scontri di giugno al confine nella Galwan Valley.

Dopo che WeChat è stato bandito e gli studenti si sono lamentati con i loro college, un'università, ha riferito il giornale, ha iniziato a utilizzare DingTalk e Tencent's Meeting di proprietà di Alibaba per le lezioni online. Alla fine, anche quelle app sono state bandite.

La preoccupazione più grande per gli studenti, che dovranno superare esami impegnativi in ​​India dopo la laurea per poter esercitare, è la loro incapacità di ricevere una formazione di laboratorio poiché non possono tornare.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Al via il Capodanno cinese: comincia l’Anno del Cane
15/02/2018 11:52
Jeddah: le autorità saudite aprono alle insegnanti donne per studenti maschi
02/09/2019 12:05
Al Festival di Venezia la lotta delle donne saudite per l’emancipazione e i diritti
30/08/2019 11:38
Le donne saudite potranno viaggiare senza permessi maschili
02/08/2019 08:49
L’Uzbekistan è secondo nella ‘top ten’ turistica delle mete asiatiche
11/07/2018 12:39