23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2017, 12.42

    MYANMAR

    ‘Riconquistate’ le città assaltate dai ‘terroristi bengali’, i Rohingya



    Per le autorità militari: “L’obiettivo dei terroristi è definire un loro territorio”. Nelle violenze hanno perso la vita più di 100 persone, circa 10mila gli sfollati. 4mila Rohingya in fuga bloccati al confine con il Bangladesh. Secondo il governo, membri di alcune Ong internazionali sono coinvolti nelle attività dei guerriglieri”.

    Yangon (AsiaNews/Rfa) – Il Consiglio nazionale per la Difesa e la Sicurezza (Ndsc) del Myanmar sta tenendo oggi una riunione di emergenza, per discutere delle violenze in corso nello Stato settentrionale del Rakhine. Militari e governo aumentano gli sforzi per impedire ulteriori attacchi da parte dei militanti musulmani Rohingya, che la scorsa settimana hanno scatenato un'altra serie di sanguinosi scontri con attacchi armati su 30 avamposti di polizia. Il governo definisce “gruppo terroristico” i militanti dell'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa), responsabili delle aggressioni.   

    Ieri, durante un briefing con la stampa, il gen. Than Htut Thein ha dichiarato: “Le truppe stanno cercando di ristabilire la sicurezza nella regione. L’obiettivo dei ‘terroristi bengali’ è definire un loro territorio. Questo accadrà se le nostre difese ad ovest verranno penetrate”. Attenendosi alle disposizioni e alle abitudini governative, il generale ha utilizzato l’espressione che identifica in maniera denigratoria i Rohingya, considerati immigrati illegali dal Bangladesh.

    Alcuni analisti sostengono che l’influente esercito birmano sfrutti il conflitto per affermare di volta in volta il proprio potere, ma nella popolazione è diffuso un sentimento di paura per possibili infiltrazioni islamiste nel Paese.

    Nel frattempo, i militari hanno tenuto un incontro con i corpi diplomatici presso il National Reconciliation and Peace Center (NRPC) a Yangon. Durante il briefing, il ministro degli Affari interni, il gen. Kyaw Swe, ha ribadito la dura posizione del governo: “Abbiamo già detto che in Myanmar i Rohingya non esistono. Essi non fanno parte dei nostri gruppi etnici. Ciò che abbiamo visto in questa regione sono i Bengali che hanno cercato di distruggere lo stato di diritto del Myanmar”. Il ministro ha infine riaffermato la convinzione del governo che membri del personale di alcune organizzazioni non governative internazionali sono coinvolti nelle attività dei guerriglieri.

    Attivisti per i diritti umani affermano che circa 10mila abitanti del Rakhine hanno già abbandonato le loro case e oltre 7mila Rohingya sono fuggiti verso il confine con il Bangladesh. In un rapporto pubblicato oggi, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Iom) sostiene che in realtà sono 18mila quelli che hanno attraversato il confine dall’inizio delle violenze. Media internazionali riferiscono che circa 4mila Rohingya in fuga dalle nuove violenze sono ora bloccati tra Myanmar e Bangladesh, le cui autorità hanno disposto il loro respingimento.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2017 16:50:00 MYANMAR
    Rohingya, 116 morti nelle nuove violenze. Il governo accusa i “terroristi bengali”

    Il 25 agosto i militanti dell’ l’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) hanno attaccato gli avamposti militari presso i villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung. I violenti scontri hanno causato la morte di 12  ufficiali delle forze armate e 104 militanti. Il Comitato per l'informazione di Stato di Aung San Suu Kyi impone ai media non usare il termine “insorti”. Evacuati oltre 4mila residenti non musulmani (soprattutto buddisti e indù). Più di 2mila musulmani Rohingya sono riusciti a raggiungere il Bangladesh. Dakha dispone respinge i nuovi profughi.



    11/09/2017 09:01:00 MYANMAR
    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya

    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.



    15/11/2017 11:40:00 MYANMAR
    Rakhine, militante Rohingya: ‘Siamo in migliaia e ben armati’

    Tra le fila dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) 5mila guerriglieri. Solo i giovani Rohingya si sottopongono all’addestramento. Il reclutamento nei villaggi iniziato più di tre anni fa. Le azioni dello scorso agosto pianificate da mesi. Alle violenze hanno preso parte anche gli abitanti dei villaggi musulmani. Almeno 150 jihadisti hanno trovato rifugio nei 15 campi profughi di Cox’s Bazar, Bangladesh.



    25/09/2017 15:56:00 MYANMAR
    Rakhine, scoperta fossa comune con i corpi di 28 indù. L’esercito accusa i Rohingya

    Rinvenuti i corpi di 20 donne e otto uomini, tra cui sei bambini sotto i 10 anni. Le Forze armate: “Uccisi con crudeltà e violenza dai terroristi bengali”. Circa 30 mila indù e buddisti sfollati nei campi profughi. Accusano le Nazioni Unite e le organizzazioni straniere di aiutare solo i musulmani Rohingya. Rallenta l’esodo dei profughi in Bangladesh. Migliaia sono ancora bloccati in Myanmar.



    03/10/2017 15:47:00 MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar

    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®