25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/09/2012
PAKISTAN – ITALIA
“Felice per la liberazione di mia figlia”: ad AsiaNews, la gioia del padre di Rimsha Masih
di Dario Salvi
Intervista alla famiglia della minorenne accusata di blasfemia, rilasciata oggi su cauzione. Misrek Masih: “mi è crollato il mondo addosso. Ho avuto paura”. Egli ringrazia gli attivisti di Apma per il lavoro svolto. La fede in Gesù “mi ha aiutato a ritrovare la speranza”. Il grazie speciale di Paul Bhatti a Shahbaz, che “mi ha indicato la strada da seguire”.

Roma (AsiaNews) -"Sono felicissimo per la liberazione di mia figlia" e "ringrazio di cuore" gli attivisti cattolici di Apma e il ministro Paul Bhatti che "hanno lavorato tantissimo per il suo rilascio". È quanto sottolinea in un'intervista ad AsiaNews Misrek Masih, padre di Rimsha, la minorenne cristiana affetta da problemi mentali, arrestata nei giorni scorsi con l'accusa di blasfemia. Questa mattina i giudici del tribunale di Islamabad hanno deciso il rilascio su cauzione della ragazza, finita in carcere ad agosto perché avrebbe profanato alcune pagine del Corano (cfr. AsiaNews 07/09/2012 Paul Bhatti: "felicità e soddisfazione" per il rilascio (su cauzione) di Rimsha Masih). In realtà si è trattato di un'accusa montata ad arte da un imam locale, che ha agito col proposito di creare risentimento verso la comunità cristiana e requisirne le proprietà. Dopo giornate cariche di tensione e paura, la famiglia può festeggiare il rilascio (dietro pagamento di una cauzione di circa 4mila euro) in attesa di riabbracciare la propria figlia.

AsiaNews ha contattato Paul Bhatti, consigliere speciale del premier per l'Armonia nazionale, che da un luogo protetto e sicuro ha permesso di ascoltare a caldo le parole e le emozioni della famiglia della minorenne accusata di blasfemia. "Siamo felici - commenta Misrek, il padre, con un filo di voce rotta dall'emozione - per la felice conclusione della vicenda". Sentimenti condivisi da tutta la famiglia, dalla madre, dalle sorelle, in particolare la più piccola di soli sette anni, Neha, che ripete: "Siamo felicissimi, siamo felicissimi che mia sorella ritorna a casa".

Ripensando al dramma che ha colpito la famiglia, Misrek Masih commenta: "Quando ho saputo dell'accusa - che ha determinato anche la fuga di 600 famiglie cristiane dal sobborgo della capitale dove vivevano - mi è cascato il mondo addosso. Ho avuto paura". Nonostante tutto, la fede in Gesù - la famiglia Masih è cattolica - lo ha aiutato a ritrovare un po' di sicurezza perduta. "La speranza e la fede in Cristo sono forti - aggiunge il padre di Rimsha - ed è lui che ci ha portato la salvezza attraverso il lavoro del ministro e di quanti si sono impegnati per ottenere la libertà di mia figlia". E attraverso  Paul Bhatti, sottolinea, "la carità di Gesù è diventata un segno visibile".

Egli desidera inoltre rivolgere attraverso AsiaNews uno "speciale ringraziamento" a tutti i membri e gli attivisti di All Pakistan Minorities Alliance (Apma), l'associazione fondata da Shahbaz Bhatti e ora guidata dal fratello Paul dopo l'assassinio del ministro cattolico per le Minoranze, massacrato a colpi di pistola dai fondamentalisti islamici nel marzo 2011. "Un grazie speciale ad Apma - conclude Misrek - insieme al governo pakistano e alle forze di polizia".

Infine, un pensiero particolare di Paul Bhatti, che in questo momento di gioia vuole ricordare il fratello Shahbaz. "È lui a guidare il mio lavoro - afferma il consigliere speciale per l'Armonia nazionale - ed è stato proprio Shahbaz a indicarmi la strada da seguire perché il caso si risolvesse in modo positivo". Al plauso per l'operato del governo e delle forze di polizia, il politico cattolico pakistano con grado di ministro federale unisce un pensiero per quanti in Italia sostengono la sua opera. "Voglio ricordare - conclude - il vescovo di Vittorio Veneto [comune in provincia di Treviso] e tutta la Comunità di Sant'Egidio".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/09/2012 PAKISTAN
Rinviato il processo di Rimsha Masih. Vescovo di Islamabad: proscioglimento immediato
di Jibran Khan
12/09/2012 PAKISTAN
Islamabad: domani a processo Rimsha Masih, bambina disabile cristiana blasfema
di Jibran Khan
07/09/2012 PAKISTAN
Paul Bhatti: “felicità e soddisfazione” per il rilascio (su cauzione) di Rimsha Masih
03/09/2012 PAKISTAN
Paul Bhatti: rimandata al 7 l’udienza per il rilascio di Rimsha Masih, ma “restiamo ottimisti”
31/08/2012 PAKISTAN
Islamabad: prolungata la custodia di Rimsha Masih. Paul Bhatti ottimista sul rilascio
di Jibran Khan

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate