1 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/10/2010
HONG KONG – CINA
“Grande gioia” per il card. Zen a Shanghai, per la prima volta dopo 6 anni
di Zhen Yuan
Il vescovo emerito di Hong Kong visita la sede dell’Expo, dove incontra il vescovo Jin Luxian e il suo ausiliare, mons. Xing Wenzhi, che ha studiato nello stesso seminario del cardinale, quello del santuario mariano di Sheshan. L’incontro fra i vescovi “condizionato dal terribile sistema cinese”. Il ricordo di Liu Xiaobo.

Hong Kong (AsiaNews) – Il vescovo emerito di Hong Kong, card. Joseph Zen Ze-kiun, ha visitato in maniera “pubblica” Shanghai l’11 e il 12 ottobre scorso. Per la prima volta dopo sei anni, il porporato ha potuto recarsi nella sua terra di orogine. Una visita “piena di gioia” per il presule, che ha visitato l’Expo ed è andato a trovare il vescovo della città, il 95enne mons. Aloysius Jin Luxian, e il suo ausiliare mons. Joseph Xing Wenzhi.

Entrambi i presuli sono proprio di Shanghai: il card. Zen sottolinea ad AsiaNews che il secondo, 47 anni, “ha studiato nel seminario di Sheshan, quello dove ho studiato anche io”. Sheshan si trova alla periferia di Shanghai e ospita il santuario mariano più importante della Cina.

“Aver incontrato dopo tanti anni due fratelli nel Signore – ha detto il card. Zen ad AsiaNews – mi ha dato una grande gioia”. Tuttavia, scrive il vescovo del Territorio, “ricordando l’incontro con questi due fratelli mi fa pensare a una mosca nella pomata. Siamo grandi amici, ma sapevamo che c’erano parole che non potevano essere pronunciate e argomenti ‘sensibili’ che non potevano essere affrontati, perché il ‘sistema’ non lo vuole”.

Questo sistema, scrive ancora il vescovo, “è terribile! È divenuto un muro nei cuori delle persone e un lucchetto sopra le loro bocche. Non siamo forse adulti patrioti? Ma non possiamo parlare degli affari nazionali. Non siamo forse leader cattolici? Ma non possiamo discutere delle prospettive della Chiesa”.

In conclusione, mons. Zen si è chiesto “quando il popolo cinese potrà avere la libertà di aprire il proprio cuore e dire la verità” e ha chiesto al Signore di dare anche alla gente di Chiesa “la forza spirituale di Liu Xiaobo, vincitore del premio Nobel per la pace”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/10/2010 HONG KONG – CINA
Hong Kong, la Via Crucis per i perseguitati si farà
di Annie Lam
10/10/2012 VATICANO - HONG KONG – CINA
Card. Tong: Evangelizzare è una sfida e un'opportunità, e molti si convertono, anche in Cina
23/07/2010 HONG KONG
Il card. Zen si racconta alla fiera del libro di Hong Kong
di Annie Lam
31/07/2006 Hong Kong – Cina – giornata della gioventù asiatica
Card. Zen: "Pechino ha proibito ai giovani cattolici cinesi di unirsi a noi"
27/12/2010 HONG KONG – CINA
Mons. Tong: Pechino liberi Liu Xiaobo, il clero cattolico e chi lotta per i diritti umani

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate