29/10/2014, 00.00
RUSSIA
Invia ad un amico

In piazza Lubianka a Mosca il ricordo delle vittime del terrore staliniano

L'Ong Memorial organizza il 29 ottobre l'iniziativa 'Restituzione dei nomi', in cui per 12 ore di seguito si leggono i nomi di chi fu giustiziato negli anni '30 per motivi politici. Quasi la metà dei russi oggi pensa che rivivrà repressioni simili.

Mosca (AsiaNews) -  Davanti alla Lubianka, la famigerata sede dei servizi segreti sovietici e ora russi, dalla mattina alla sera del 29 ottobre si leggono i nomi di tutte le vittime degli anni '30, mentre secondo i sondaggi quasi la metà dei russi oggi pensa sia possibile che si ripetano le persecuzioni degli anni del terrore staliniano.

L'iniziativa, che si svolge da otto anni sotto il titolo "Restituzione dei nomi", è organizzata dalla Ong per i diritti umani Memorial alla vigilia della 'Giornata della Memoria delle vittime delle repressioni politiche", che si celebra in Russia ogni 30 ottobre. Il ritrovo è nel piccolo parco che sorge intorno alla pietra portata dal lager delle isole Solovki - tra i primi campi di lavoro sovietici e tra i più crudeli - e dove vengono letti ad alta voce i nomi dei fucilati a Mosca tra gli il 1937 e il 1938, biennio noto come "Grande Terrore", e che solo nella capitale russa vide uccise 30.000 persone. Secondo quanto riferito da una rappresentante di Memorial, Elena Zhemkova, verranno letti i nomi di migliaia di vittime accompagnati semplicemente dall'età, professione e data dell'esecuzione. Stessa cerimonia si ripete il 30 ottobre al poligono di Butovo, poco fuori Mosca, dove sorge la chiesa dei Nuovi martiri e confessori e dove furono giustiziati numerosi cristiani, sia cattolici che ortodossi. Il defunto Patriarca di Mosca, Alessio II, aveva definito Butoov "uno due tanti Golgota russi".

Secondo un recente sondaggio, condotto dal Fondo per l'opinione pubblica, il 48% dei russi pensa che vivrà repressioni politiche di massa, simili a quelle degli anni '30. Il 14% degli intervistati, invece, ritiene che vi sia una "alta probabilità". Secondo la ricerca, i due terzi dei russi dichiara che l'Urss ha condotto persecuzioni politiche di massa, fatto negato dal 16% dei rispondenti. Il 40% indica in Stalin il responsabile delle repressioni e il 9% in "tutto il popolo". Il 15%, invece, non incolpa nessuno "perché allora era così".

Il Grande Terrore, anche chiamato semplicemente "Il Trentasette" è simbolo del sistema di uccisioni di massa organizzate ed eseguite dal potere centrale sovietico. Tra il 1937 e il 1938 furono arrestati più di 1,7 milioni di persone con imputazioni politiche. Se poi si contano le vittime delle deportazioni e gli "elementi socialmente dannosi" condannati, il numero dei repressi supera i due milioni. Più di 700mila arrestati furono giustiziati. Le repressioni toccarono profondamente i rappresentanti della nuova élite sovietica: politica, militare, economica. L'eliminazione di persone, i cui nomi erano noti a tutto il Paese e della cui lealtà non vi era motivo di dubitare, accresceva il panico e la psicosi di massa. (N.A.) 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Per i 70 anni della vittoria sul nazismo, in Russia aprirà il primo museo dedicato a Stalin
23/03/2015
Russia, chiude per "troppe pressioni" l'unico gulag trasformato in museo
04/03/2015
Preghiere ma non manifestazioni: i tatari di Crimea commemorano la deportazione
19/05/2016 11:52
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
“Riabilitare Brezhnev”: è polemica a Mosca
29/05/2013