22/08/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Vescovi siro-malabaresi: Sì alla cremazione per i defunti cattolici del Kerala

La decisione è in parte legata alla riduzione dello spazio nei cimiteri. Il Sinodo invita i fedeli a preservare "l'offerta di preghiere" ai cari estinti e di ricorrere a crematori pubblici per gli ultimi riti.

Kochi (AsiaNews/Agenzie) - La Chiesa siro-malabarese del Kerala ha deciso di permettere ai propri fedeli di cremare i corpi dei defunti, in alternativa alla tradizionale sepoltura. Lo ha annunciato oggi il Sinodo dei vescovi, sottolineando però che "la pratica cristiana di offrire preghiere ai cari estinti dovrà essere preservata".

Tutte le diverse denominazioni cristiane dello Stato - inclusi ortodossi, ortodossi siriaci, marthomiti e anglicani - iniziano a riscontrare problemi di spazio per i propri cimiteri. P. Paul Thelakat, portavoce ufficiale della Chiesa cattolica di rito siro-malabarese, spiega che la decisione dei vescovi "non è una diretta conseguenza" di questa carenza.

"Sia la cremazione che la sepoltura - sottolinea - presentano problemi. Se la sepoltura richiede spazio, consegnare i corpi alle fiamme può provocare danni ambientali se avviene in luoghi privati. Solo i crematori pubblici sono attrezzati per condurre questo rito senza conseguenze".

La cremazione dei corpi, aggiunge il sacerdote, "è permessa nel Diritto canonico in casi eccezionali, sebbene la sepoltura resti la forma più accettata per i riti funebri nel cristianesimo". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Card. Alencherry: Accoglienza dei migranti, la missione della nuova eparchia di Melbourne
14/01/2014
Card. Vithayathil: una guida coraggiosa per il bene dei fedeli e della Chiesa in India
02/04/2011
Papa: la società di oggi non capisce più il matrimonio indissolubile e aperto alla vita
07/04/2011
Papa: Grazie alla Chiesa dell'India - e del Kerala - per la sua testimonianza di fede!
24/11/2014
Papa: anche sotto le lacrime e il sangue provocate dalla violenza e dalla persecuzione, c’è la luce
16/06/2016 13:22