19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/10/2017, 12.22

    QATAR

    A Doha, una conferenza per affrontare la persecuzione dei cristiani. Esaltare i valori condivisi



    L'incontro è avvenuto al Doha Institute for Higher Studies.  Non esiste una “bacchetta magica” per risolvere il problema dell'intolleranza. Occorre piena cittadinanza e stato di diritto.

    Doha (AsiaNews/Agenzie) – Si è tenuta nel Qatar una conferenza che ha messo a tema le violenze che costringono i cristiani alla fuga dal Medio oriente. A riportarlo è l’emittente televisiva Al Jazeera. Fra gli argomenti toccati nei due giorni di dibattito, le continue violenze in Egitto e l’esodo cristiano dall’Iraq.

    L’evento si è tenuto al Doha Institute for Higher Studies con la partecipazione di professori universitari, esperti di scienze politiche, ricercatori e scrittori. L’obiettivo era quello di affrontare la questione delle persecuzioni religiose nell’interesse di tutti, inclusa la maggioranza islamica.

    I partecipanti hanno concordato che non esiste una “bacchetta magica” per risolvere il problema d’intolleranza all’interno della regione. Essi sostengono che la democrazia e lo stato di diritto potrebbero essere utilizzati per ridefinire il ruolo della religione. Durante la conferenza è stata spesso rievocata l’epoca “d’oro” dell’impero ottomano all’inizio del 20mo secolo, quando l’approccio più egualitario dello Stato ha portato alla nascita di un movimento pan-arabo e l’emergere di leader nazionalisti cristiani.

    “Non si può semplicemente separare i cristiani dal resto della regione araba”, commenta Azmi Bishara. Il problema che riguarda le minoranze è quello che colpisce anche la maggioranza islamica, e cioè la mancanza di diritti civili. Per Bishara, l’unica reale soluzione sono “equa cittadinanza e democrazia”.

    Nella conferenza si è giunti alla conclusione che il mondo arabo ha bisogno di raggiungere pace sociale e sviluppo economico, e che è necessario un nuovo patto che non circoscriva le differenze religiose, ma esalti i valori condivisi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/03/2007 QATAR
    La prima chiesa cattolica a Doha dopo 14 secoli
    Il futuro parroco, p. Tom Veneration, spiega ad AsiaNews che ormai la comunità dei fedeli del Qatar è composta da oltre 100mila fedeli. Questi sono tutti stranieri, perché il governo garantisce libertà alle confessioni cristiane ma vieta ogni opera di conversione. La chiesa aprirà a fine anno, e sarà dedicata a Nostra Signora del Rosario.

    13/09/2014 MEDIO ORIENTE
    Patriarca Laham: Unità fra musulmani e cristiani, per salvare il mondo arabo
    Il patriarca greco-cattolico ha aperto la conferenza ecumenica di In Defense of Christians (Idf, 9-11 settembre). La società araba "ha bisogno di tutti noi e insieme possiamo costruire un mondo migliore". È necessario rifiutare di essere considerati "la culla del fondamentalismo, della violenza, del terrorismo".

    17/05/2008 LIBANO - MEDIO ORIENTE
    Dialoghi interlibanesi a Doha : un “terreno neutro” ?
    L’incontro nel Qatar fra tutti i partiti politici libanesi avviene dopo che il Paese ha ancora una volta rischiato la guerra civile. Davanti alle pressioni regionali e internazionali, l’unica via di uscita è salvaguardare una “neutralità positiva”, salvando la vocazione del Libano alla convivenza. L’analisi di un esperto.

    04/07/2013 EGITTO - MEDIO ORIENTE
    Il Golfo applaude al cambiamento egiziano. Il silenzio del Qatar
    Arabia Saudita ed Emirati Arabi hanno inviato messaggi di congratulazioni al nuovo presidente ad interim Adli Mansour. Essi offrono il loro appoggio al nuovo Egitto. Nessun messaggio dal Qatar, il più grande alleato dei Fratelli Musulmani e di Mohamed Morsi. In risposta agli eventi del Cairo, le autorità di Doha presidiano l'ambasciata egiziana.

    27/09/2013 NEPAL – QATAR
    Qatar 2022, dopo la strage dei migranti Kathmandu richiama la sua ambasciatrice
    Dai villaggi più poveri del Nepal ai cantieri di Doha 2022: l’assegnazione dei prossimi mondiali al Qatar incentiva una moderna forma di schiavismo. Oltre un milione di migranti ‘intrappolati’ nel Paese: migliaia sono nepalesi.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®