20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/06/2011, 00.00

    TAGIKISTAN

    A Dushanbe i ragazzi possono andare in Chiesa solo per i funerali



    Nuove leggi, in discussione in parlamento, puniscono con il carcere i genitori che “consentono” ai figli minori anche soltanto di andare in chiesa o in moschea o di fare catechismo. Per impedire il diffondersi dell’estremismo. Ma molti denunciano la violazione di diritti elementari.
    Dushanbe (AsiaNews/F18) – La Camera bassa del Parlamento tagiko ha approvato il 15 giugno la controversa legge sulla Responsabilità dei genitori sull’educazione dei figli, proposta su iniziativa del presidente Emomali Rahmon. La nuova legge conferma e inasprisce il divieto per chi ha meno di 18 anni di partecipare a qualsiasi attività religiosa, eccetto i funerali. La violazione del divieto è punita con gravi sanzioni e il carcere per i genitori.

    La nuova legge, come già la precedente del 2009, obbliga i genitori a “non permettere che i figli minorenni partecipino ad attività di organizzazioni religiose, eccetto quelle facenti parte in modo ufficiale della istruzione religiosa (con eccezione di funerali e altre occasioni di lutto)”.

    L’agenzia Forum 18 denuncia che il divieto colpisce sia le funzioni religiose che il catechismo che ogni altra attività, i ragazzi non potranno nemmeno accompagnare i genitori in chiesa o nella moschea. Altrimenti i genitori possono essere condannati a gravi multe o persino al carcere da 5 a 8 anni (12 per gli organizzatori), anche se il ragazzo partecipa a simili incontri a loro insaputa, la legge attribuisce loro un dovere di vigilanza generale. Anche la legge che punisce i genitori è stata modificata e aggravata, sempre il 15 giugno. La nuova legge penale punisce pure chi “organizza e conduce incontri, seminari, dimostrazioni, cortei stradali” religiosi senza autorizzazione, con il carcere fino a due anni per la prima violazione e fino a 5 anni per il recidivo.

    In pratica, potranno avere un’istruzione religiosa solo i ragazzi che vanno a scuola in madrasse e licei islamici o in istituti religiosi cristiani riconosciuti dallo Stato, nei quali l’insegnamento religioso sia previsto come curricolare. Peraltro simili istituti sono oggi poche decine, insufficienti per l’educazione religiosa dei giovani del Paese, e il Comitato statale per gli affari religiosi ha detto a F18 che non ritiene, per ora, di approvarne altri.

    Ora la nuova legge sarà sottoposta alla Camera Alta, ma nessuno dubita circa la sua rapida approvazione. I sostenitori della legge la giustificano con la necessità di combattere l’estremismo religioso ed evitare che i ragazzi finiscano sotto l’influsso di gruppi religiosi estremisti appartenenti a organizzazioni islamiche terroriste. Tuttavia la legge non indica cosa intenda per insegnamento religioso estremista.
    All’osservazione che il divieto punisce tutti, anche chi insegna catechismo al figlio, il deputato Sattor Kholov, relatore a favore della legge, risponde che sarà compito dei giudici distinguere e non punire l’insegnamento religioso non estremista.

    Faredun Hodizoda, esperto politico, osserva che il divieto è “eccessivo” e che persino durante l’epoca sovietica i ragazzi potevano frequentare le moschee.  Altri critici osservano che nel Paese non c’è un radicato estremismo religioso e che la legge impedisce di fatto ai ragazzi di ricevere un’istruzione religiosa. Il parlamentare Muhiddin Kabiri, leader del Partito del rinascimento islamico (Irp), osserva che la legge “viola ancora di più i diritti dei cittadini” alla libertà religiosa.

    Esperti ritengono che la nuova legge restringerà la già scarsa libertà religiosa prevista dalla legge del 2009. Da allora molte moschee sono state distrutte, i cristiani processati e condannati per riunioni e attività “illegali” e i Testimoni di Geova sono stati banditi dal Paese.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/07/2011 TAGIKISTAN
    A Dushanbe i minorenni non possono entrare in chiesa senza autorizzazione
    Nuovo emendamenti proibiscono ai minori proprio ogni attività religiosa, puniti i genitori che “non lo impediscono”. Lo Stato dice di voler prevenire l’estremismo islamico e tutelare i minori. Ma i cristiani sono preoccupati perché di fatto, è uno strumento per colpire qualsiasi gruppo religioso.

    09/08/2017 10:56:00 TAGIKISTAN
    Dushanbe, pastore protestante coreano condannato per 'estremismo'

    Bakhrom Kholmatov, 42 anni, è stato condannato a tre anni di carcere. Le autorità sostengono che il suo centro cristiano "Sonmin Sonbogym" sia illegale. La Commissione americana sulla libertà religiosa internazionale considera il Tagikistan un "Paese che desta particolare preoccupazione".



    04/07/2007 TAGIKISTAN
    Una nuova legge potrebbe bandire le minoranze religiose
    In discussione al parlamento una proposta di legge che vieta l’insegnamento religioso nelle case e ai bambini minori di 7 anni. Saranno riconosciuti solo i gruppi religiosi con almeno 400 fedeli nella zona, quando nel Paese i cristiani sono poche migliaia.

    02/04/2011 TAGIKISTAN
    Dushanbe, lo Stato viola libertà religiosa e diritti umani in modo sistematico
    L’agenzia Forum 18 denuncia la persecuzione, da anni, contro tutte le attività religiose non sottoposte al rigido controllo statale: moschee e chiese demolite, gruppi religiosi vietati, fedeli arrestati o multati. Vietato persino il catechismo per i figli.

    13/10/2007 TAGIKISTAN
    Tre moschee demolite e altre chiuse, in pericolo anche l’unica sinagoga
    Le autorità dicono che hanno demolito le moschee perché “non autorizzate” e per “ragioni architettoniche”. Ma fedeli e politici lamentano un tentativo di impedire “l’espansione” dell’islam al di fuori dello stretto controllo del Consiglio degli ulema. In pericolo anche la sinagoga.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®