22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/12/2006, 00.00

    CINA

    A Shanghai una clinica materna con tennis e golf, ma per una migrante solo la strada



    Una suite di lusso costerà 9880 yuan al giorno e molte stanze sono già prenotate. Intanto il governo locale dà un sussidio annuo di 50 yuan ai bambini malati.

    Shanghai (AsiaNews/Agenzie) – Un lussuoso ospedale per le nuove mamme sarà aperto a Shanghai durante il periodo natalizio, dotato di campo da tennis e piscina. Intanto una settimana fa una donna migrante ha dato alla luce la figlia nella strada.

    Il nuovo ospedale, nel distretto di Putuo, darà gli stessi servizi di un hotel a cinque stelle. Oltre a primari servizi medici, comprende campo da tennis, piscina, una palestra per ginnastica yoga e un corso di golf. Ci saranno corsi per insegnare alle neo mamme come prendersi cura dei bambini e come mantenersi in forma e ben curate. La suite presidenziale costerà 9.880 yuan (1.263 dollari Usa) al giorno, ma le stanze normali saranno intorno a 1.300 yuan (166 dollari).

    L’iniziativa appare avere successo e Wang Yiliang, un dirigente dell’ospedale, ha detto che molte stanze sono già state prenotate da residenti, ma anche da persone di Hong Kong, Macao e Taiwan che ora vivono a Shanghai. Sta per iniziare l’anno del maiale, ritenuto favorevole alla maternità.

    Nella Cina che sempre più vive le contraddizioni dei Paesi capitalisti, il 14 dicembre è stato celebrato il 10° anniversario del Fondo mutuo di sussidio per l’ospedalizzazione dei bambini di Shanghai. Il fondo, sostenuto dal governo locale, aiuta tutte le famiglie con bambini della scuola primaria e media, anche chi non è residente nella città, con un contributo che va da 50 (6,25 dollari) a 60 yuan annui per le spese mediche.

    Intanto una settimana fa Cao Zhangjie, migrante dell’Anhui ora residente a Shanghai, ha partorito in una strada del distretto Minhang, dopo che era stata presa da doglie premature e che i parenti non erano riusciti a trovare un’autoambulanza o un taxi. Il marito ha detto che durante l’intera gravidanza non ha avuto alcun controllo ospedaliero.

    Il sistema sanitario cinese costringe la maggior parte dei cittadini a pagarsi le cure mediche, dalle medicine al ricovero in ospedale. I fondi per i servizi medici, poi, sono sempre in diminuzione, costringendo gli ospedali ad “autofinanziarsi”. Così, spesso, aumentano il prezzo delle medicine, mentre per i pazienti assistiti da un’assicurazione sanitaria si offrono cure non necessarie, per ottenere il rimborso. Nel 2005 il Centro per lo sviluppo e la ricerca del Consiglio di Stato ha ammesso che “la riforma medica è fallita”, citando lo spreco di risorse e la contrazione dei servizi medici offerti a fronte dell’aumento della popolazione. Secondo il “Libro verde sulla salute”  del maggio 2006 dell’Accademia cinese delle scienze sociali, il sistema è inefficiente e non equo, con “mancanza di fondi pubblici, inadeguato controllo e interventi sbagliati del Governo in alcuni settori”.

    Nel dicembre 2005 da un’indagine a cura del servizio sanitario è risultato che circa il 48,9% dei cinesi non va in ospedale quando sta male, perché le cure ospedaliere "sono troppo costose”.

    La stessa indagine ha rivelato che il governo paga solo il 15% delle cure erogate (era il 39% nel 1986) e il 60% è pagato dagli stessi malati.

    Ma gli ospedali privati sono un’attività redditizia, con oltre 200 strutture esistenti alla fine del 2005 e molte altre in progetto. Secondo David Wood, presidente del ChinaCare Group di Pechino specializzato nel settore medico ospedaliero, una clinica materna è un buon investimento. Infatti – dice Wood - mentre un ospedale normale richiede strutture mediche tra i 20 e i 30 milioni di dollari per 250-500 letti, un ospedale per la maternità può costare solo 3 milioni. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/03/2007 INDIA
    Ogni anno in India per problemi sanitari 77mila donne muoiono di parto
    Il governo non riesce a contenere il fenomeno, più grave nelle campagne. Permangono problemi come la mancanza di sangue e di strutture sanitarie. La diffusa violenza contro le donne in gravidanza causa danni e morte ai bambini. L’azione della Chiesa.

    01/04/2005 cina - vaticano
    Cina: "auguri al papa", ma ancora accuse di "interferenze"


    01/10/2008 CINA
    Aumentano le grandi ditte coinvolte nello scandalo del latte cinese
    Le grandi marche corrono ai ripari e assicurano analisi sistematiche e l’uso di latte non cinese. Ma nel Myanmar nessuno avverte le mamme, che apprezzano molto l’economico prodotto.

    30/05/2005 CINA – HONG KONG
    Senza nessun aiuto i sopravvissuti dalla Sars, resi invalidi dalla cura


    18/09/2014 TAIWAN
    Taipei e gli scandali alimentari, un danno da 130 milioni di euro
    Dopo l'inchiesta sulla Chang Guann Co. - colpevole di produrre olio alimentare con alimenti di scarto - il governo corre ai ripari: inchieste, condanne, multe e ispezioni "più vigorose" per fermare una deriva che rischia di distruggere il mercato dell'alimentazione nazionale.



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®