25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/05/2012, 00.00

    VIETNAM

    Aborti, frutto di egoismo e materialismo, male oscuro del progresso vietnamita

    Nguyen Hung

    Il Pil nel primo quadrimestre del 2012 registra una crescita del 4%. Tuttavia, la società rischia di disgregarsi insieme alla famiglia. Picco nelle interruzioni di gravidanza: a Ho Chi Minh City sono pari alle nascite. Governo e religioni devono collaborare per ricostruire i nuclei familiari e l’intera comunità.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) - La crescita economica in Vietnam ha determinato un miglioramento nella qualità di vita, ma ha anche contribuito a diffondere uno stile di vita improntato all'egoismo e al consumismo. Questi due elementi sono un fattore disgregante per la famiglia, da sempre il punto di riferimento per ogni cittadino; l'erosione dei valori sociali e morali ha inoltre innescato una serie di ripercussioni sulla popolazione e i giovani in particolare. Fra queste, il dato più significativo - e al contempo negativo - è l'impennata nel numero di aborti, che oggi nella sola Ho Chi Minh City "è pari al numero delle nascite" con dati statistici che generano una situazione di allarme sociale.

    Gli ultimi dati riferiti dal Financial Times, relativi al primo quarto del 2012, parlano di una crescita del Prodotto interno lordo (Pil) pari al 4%. Tuttavia, uno sviluppo incontrollato e poco armonico è causa di ingiustizie sociali e problemi che sono destinati ad aumentare col trascorrere del tempo. Il professor Nguyen T.N., del reparto maternità dell'ospedale di Từ Dũ nella ex Saigon, sottolinea ad AsiaNews che "il numero degli aborti è estremamente preoccupante". Ogni anno vi sono 700mila casi in tutto il Vietnam e, nella sola Ho Chi Minh City, su un totale di 8,3 milioni di abitanti, vi sono ogni anno 100mila nascite e "altrettanti" casi di interruzione volontaria della gravidanza.

    Il medico e docente riporta i dati relativi alla struttura in cui lavora: nel reparto maternità dell'ospedale Từ Dũ il numero delle nascite è di circa 45mila, ma "gli aborti superano i 30mila". E in tutto il Paese, aggiunge, il dato di "feti grandi o piccoli" uccisi dalle loro madri varia tra 1,2 milioni e 1,6 milioni. Il 5% delle future mamme ha partorito prima dei 18 anni e il 15% prima dei 20. Per spiegare il fenomeno, critici ed esperti puntano il dito contro "pragmatismo e consumismo".

    P. Joseph, dell'arcidiocesi di Saigon, spiega che "il consumismo sta erodendo le tradizioni etnico-culturali del popolo vietnamita" e conferma che le nuove generazioni sono impregnate di "egoismo e scarsa sensibilità". Egli auspica l'intervento delle autorità e una collaborazione con gli esponenti delle religioni, in particolare nei settori più sensibili quali l'istruzione e la sanità. "Le iniziative delle organizzazioni religiose - conclude il sacerdote - sono in grado di ridurre le malattie sociali in famiglia e nelle strutture sociali".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/04/2011 VIETNAM
    Sacerdote vietnamita e laici aiutano poveri, disabili e studenti bisognosi
    Ogni mese p. Paul Nguyễn Thực raccoglie 25mila dollari per iniziative benefiche. Associazioni cattoliche sostengono il lavoro del sacerdote e dei fedeli. La parrocchia fornisce cibo a 25 anziani soli. Ogni anno celebra circa 100 battesimi. “I laici devono valorizzare le loro capacità – afferma p. Paul – con l’aiuto dello Spirito Santo”.

    26/08/2009 VIETNAM
    Xuan Loc, la “ricchezza” della fede risposta alle sfide della società moderna
    La diocesi ha organizzato un corso di formazione sui temi della pastorale sociale, al quale hanno partecipato oltre 200 parrocchie. Per affrontare i problemi del Paese non basta il denaro, ma serve una vera “carità cristiana”. L’attenzione al mondo dei giovani e dei malati.

    10/02/2010 VIETNAM
    Ho Chi Minh City, la Chiesa vietnamita apre un centro per i bambini sieropositivi
    Il Mai Tam Warm Shelter, inaugurato agli inizi del 2010, ospita fino a 60 malati, che hanno contratto il virus dai genitori. Il più piccolo ha sei mesi, il più grande 16 anni,. Un centro voluto dal card. Pham Minh Man, che già nel 2004 ha avviato attività per i malati.

    09/05/2012 VIETNAM
    Imprenditori cattolici vietnamiti: contro la crisi, il lavoro per la dignità dell’uomo
    Nel 2003, su iniziativa del card di Saigon, è nata un’associazione che riunisce gli uomini di affari cattolici. Nel tempo hanno offerto lavoro e prodotto ricchezza. Tra questi il presidente della cooperativa Quang Minh, aperta a cattolici e non, con 100 dipendenti all’interno, 3mila collaboratori e un volume di affari di 3 milioni di dollari.

    24/07/2012 VIETNAM
    Poveri, malati e migranti: l’opera della Caritas per cattolici (e non) di Bà Rịa
    La provincia sud-orientale è caratterizzata da una fiorente industria del turismo e ricca di giacimenti di petrolio e gas naturali. Essa richiama una forte migrazione dal resto del Paese. Decine di migliaia le persone aiutate dall’ente cattolico, senza distinzione di etnia o fede religiosa professata.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®