20 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/06/2012
INDONESIA
Aceh, centinaia di estremisti islamici attaccano una casa di preghiera cristiana
di Mathias Hariyadi
L’edificio, colpito con pietre e sassi durante la funzione domenicale, ha riportato seri danni. Il luogo di culto appartiene alla comunità protestante Indonesian Bethel Church e, secondo i fondamentalisti, non è in regola con i permessi di costruzione. Le violenze in continuo aumento nella provincia.

Jakarta (AsiaNews) - Una folla di estremisti islamici ha attaccato una casa di preghiera cristiana nella provincia di Aceh, danneggiando l'edificio e costringendo i fedeli a interrompere le funzioni. Testimoni locali, che chiedono l'anonimato, raccontano che l'aggressione è avvenuta il 17 giugno, durante le celebrazioni della domenica. Il luogo di culto appartiene alla comunità protestante Indonesian Bethel Church; dietro l'assalto dei fondamentalisti pare vi sia la mancanza - accusa respinta dai cristiani - del permesso di costruzione della casa, il famigerato Imb (Izin Mendirikan Bangunan). A gettare ulteriore sconforto e paura fra i membri della chiesa, il fatto che la vicenda sia accaduta sotto gli occhi della polizia che non è intervenuta durante l'attacco e, in un secondo momento, ha posto i sigilli alla struttura.

L'attacco contro i cristiani della Indonesian Bethel Church è avvenuto a Peunayong, capoluogo della provincia di Banda Aceh. La folla ha colpito mentre era in corso la preghiera domenicale: centinaia di assalitori hanno scagliato pietre e sassi contro l'edificio, causando gravi danni. Testimoni oculari confermano che la polizia ha assistito alla scena senza intervenire, mentre i fedeli hanno dovuto evacuare la zona e cercare rifugio in un luogo più tranquillo. Attivisti per i diritti umani e associazioni condannano il raid estremista, sottolineando il fatto che è avvenuto in un "ambiente pluralista", conosciuto in passato per la relativa calma.

La provincia di Aceh, la più occidentale dell'arcipelago di Indonesia, è anche l'unica in cui vige la Shariah; il rispetto delle regole è inoltre assicurato dalla presenza per le strade della "polizia della morale", un corpo speciale che punisce le violazioni al costume. In passato sotto la guida del governatore Irwandy Yusuf - capo della guerriglia - vigeva una relativa calma e armonia interreligiosa fra maggioranza musulmana e "stranieri" di diverse confessioni non islamiche. Tuttavia, negli ultimi tempi la situazione è cambiata: sono iniziati gli attacchi contro le minoranze religiose, l'ala fondamentalista ha guadagnato sempre più potere e libertà di azione.

Alle elezioni dello scorso aprile ha trionfato Zaini Abdullah, anch'egli leader della guerriglia separatista a lungo in esilio in Svezia, che ha promesso lotta alla corruzione e applicazione della legge islamica (cfr. AsiaNews 18/04/2012 Zaini Abdullah, nuovo governatore di Aceh, promette più Shariah). A testimonianza della crescente tensione interreligiosa, nel recente passato l'area è stata teatro di attacchi e violenze contro le comunità cristiane, che hanno portato alla chiusura dei luoghi di culto (cfr. AsiaNews 07/05/2012 Minacce estremiste ad Aceh: le autorità chiudono tre chiese).

L'Indonesia è famosa per le sue campagne di moralizzazione, in nome della Shariah e del costume islamico, che assumono una connotazione particolarmente marcata ad Aceh: fra queste, la recente proposta di legge volta a proibire l'uso della minigonna (cfr. AsiaNews 29/03/12 Il governo indonesiano vuole proibire le minigonne), la campagna di moralizzazione degli ulema contro yoga e tabacco (cfr. AsiaNews 26/01/09 Musulmani indonesiani contro yoga, fumo e astensione dal voto) e i raid della polizia contro jeans e gonne attillate (cfr. AsiaNews 27/05/10 West Aceh: raid e posti di blocco della polizia contro jeans e gonne attillate).


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/05/2012 INDONESIA
Minacce estremiste ad Aceh: le autorità chiudono tre chiese
di Mathias Hariyadi
02/10/2014 INDONESIA - ISLAM
Aceh: attivisti e società civile contro la sharia anche per i non musulmani
di Mathias Hariyadi
24/09/2014 INDONESIA - ISLAM
Aceh: La sharia sarà applicata anche ai non musulmani
di Mathias Hariyadi
21/02/2014 INDONESIA
South Sumatra, centinaia di islamisti bloccano la costruzione di una chiesa protestante
di Mathias Hariyadi
13/06/2013 INDONESIA
Surabaya, estremisti assaltano una conferenza per la pace fra musulmani e cristiani
di Mathias Hariyadi

In evidenza
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”
ASIA
Pasqua: il silenzio degli innocenti e il bavaglio
di Bernardo CervelleraLe violazioni alla libertà religiosa e l'atteggiamento ipocrita dell'Occidente su questo argomento rischiano di trascinare il mondo in un caos mai visto prima. Ma anche nel silenzio – della morte accettata per amore o inflitta dal potere – Dio opera. Una speranza indistruttibile sorge al mattino di Pasqua e una piccola apertura del cuore basta per invadere in un attimo tutta la vita. Buona Pasqua.
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate