19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/06/2017, 09.15

    AFGHANISTAN

    Afghanistan: Isis attacca una moschea e conquista il rifugio di Bin Laden



    La presa delle grotte di Tora Bora hanno un valore simbolico. Tre attentatori hanno attaccato una moschea sciita. I talebani condannano l’attacco a un luogo di culto.

    Kabul (AsiaNews/Agenzie) – I militanti dell’Isis hanno rivendicato il controllo di Tora Bora, le grotte nell’est dell’Afghanistan che erano state roccaforte del leader di al-Qaeda Osama Bin Laden, e un attentato contro una moschea sciita della capitale in cui sono morte almeno quattro persone.

    La rete di grotte è difficile da penetrare, e nel dicembre del 2001 era stato oggetto di un’aspra battaglia e di intensi bombardamenti. La presa ha un alto valore simbolico per l’Isis. Il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha confermato la conquista di Tora Bora da parte di Daesh (acronimo arabo di Stato islamico): "Abbiamo cercato di resistere, ma abbiamo fallito e sette dei nostri mujaheddin sono stati martirizzati nei combattimenti”. Tuttavia, secondo alcuni testimoni i talebani sarebbero fuggiti all’arrivo dei militanti dell’ISIS.

    L’Isis ha anche rivendicato un attacco alla moschea sciita Al Zahra in cui sono morti tre civili e un poliziotto, ferendo otto persone. I tre sospetti militanti hanno cercato di entrare nell’edificio, ma sono stati bloccati dalla polizia. Durante gli scontri si sono nascosti nella cucina, dove due sono stati uccisi dalle forze dell’ordine e il terzo si è fatto esplodere.

     I talebani hanno invece condannato l’attacco, sostenendo che essi non colpiscono luoghi di culto.

    Lo scorso anno diversi attentati contro gli sciiti afghani sono stati rivendicati dall’Isis, che li considera apostati. La capitale afghana ha subito sin dall’inizio del Ramadan diversi attentati, fra cui quello che ha provocato più di 150 vittime nel quartiere diplomatico di Kabul lo scorso 31 maggio.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/05/2017 08:55:00 AFGHANISTAN
    Kabul: autobomba uccide almeno 50 persone nel quartiere delle ambasciate

    L’esplosione è avvenuta vicino all’ambasciata tedesca. Ancora nessuna rivendicazione. In Afghanistan aumentano gli attacchi sia da parte dei talebani che dei militanti dello Stato islamico.



    24/07/2017 09:07:00 AFGHANISTAN
    Kabul: almeno 24 le vittime dell’attentato al quartiere sciita

    Un’auto carica di esplosivo si è scagliata contro un autobus ministeriale. Il numero delle vittime, per lo più civili, potrebbe salire. 



    01/06/2017 09:11:00 AFGHANISTAN
    Salgono a 90 le vittime dell’attentato di Kabul. Ancora nessuna rivendicazione

    I talebani negano il loro coinvolgimento. L’intelligence afghana potrebbe essere il gruppo Haqqani. Si estraggono ancora corpi dai detriti. Kabul ha il più alto numero di vittime dei primi tre mesi del 2017. 



    03/05/2011 AFGHANISTAN
    Per gli afghani Osama Bin Laden è solo un assassino e un "cattivo musulmano"
    Il durissimo giudizio del presidente Karzai su Osama Bin Laden è condiviso da buona parte della popolazione, specie a Kabul. Molti afghani lo ritengono “un cattivo musulmano”, altri un “eroe” contro le potenze occidentali. Ma la gente è più preoccupata per la disoccupazione e la povertà.

    27/07/2010 PAKISTAN – USA – AFGHANISTAN
    Il Pakistan contro Wikileaks: "Documenti falsi e senza basi reali"
    Il governo di Islamabad risponde con forza alla pubblicazione di oltre 92mila documenti apparsi ieri sulla Rete, che provano il suo coinvolgimento in attentati suicidi e che accusano i servizi segreti pakistani di "proteggere al Qaeda".



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®