23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/08/2013, 00.00

    CINA

    Aggressioni e acido in faccia, la risposta di Pechino a chi denuncia i corrotti



    Il presidente Xi Jinping ha lanciato una crociata contro tangenti e malversazioni nel Partito, invitando la popolazione a partecipare smascherando chi si comporta male. Ma blogger e attivisti che lo hanno preso sul serio sono finiti in ospedale o sono spariti nel nulla. Li Jianxin, accoltellato e sfigurato con l’acido, ha perso un occhio.

    Pechino (AsiaNews) - Nonostante gli editti contro la corruzione emanati dal presidente cinese Xi Jinping, chi osa denunciare i quadri del Partito comunista finisce picchiato, incarcerato o sfigurato con l'acido. Secondo i dati di Ong e Associazioni per i diritti umani, infatti, negli ultimi due mesi almeno 6 fra blogger e attivisti anti-corruzione sono stati oggetto di attacchi da parte di "sconosciuti" o forze dell'ordine.

    Nel marzo 2013, parlando subito dopo la sua elezione a leader supremo della nazione, il neopresidente cinese ha avvertito i funzionari e la popolazione cinese: "Non saranno più tollerati malversazioni e tangenti, i dirigenti governativi devono smetterla con macchine lussuose e sprechi che colpiscono la nostra immagine. Serve la supervisione del popolo, se vogliamo combattere davvero la corruzione".

    Li Jianxin, blogger, ha preso sul serio l'invito del presidente e ha lanciato una serie di accuse su internet contro i funzionari governativi di Huizhou, nella ricca provincia meridionale del Guangdong, colpevoli di aver rubato fondi pubblici, confiscato terre ai legittimi proprietari e aver promosso i propri parenti in posti di responsabilità. L'8 luglio scorso, due uomini lo hanno accoltellato in faccia e gli hanno lanciato dell'acido sulla schiena.

    L'attivista è oggi ricoverato in ospedale proprio a Huizhou, cieco da un occhio (v. foto): "Il discorso di Xi alla nazione è stato come un balsamo per il cuore. Il leader di tutta la Cina ha dato importanza e sostegno ai nostri sforzi e alla nostra battaglia contro la corruzione". Tuttavia, la polizia non ha scoperto i colpevoli della sua aggressione e non ha mai dato seguito alle sue denunce politiche.

    Stessa storia per Zhu Guoyu, segretario generale dell'Associazione popolare di Maoming per l'Amicizia con le nazioni straniere e funzionario comunista. Attraverso internet ha denunciato la corruzione dei suoi colleghi: prima il suo capo lo ha avvertito di "lavorare di più e scrivere di meno". Poi, nel 2011, è stato accoltellato da sconosciuti ma è sopravvissuto. Nel settembre 2012 è stato investito ed è sopravvissuto di nuovo.

    Altre 4 persone, molto attive su internet, sono sparite nel nulla: secondo alcune Ong si trovano nelle "prigioni nere" della Cina, hotel o capannoni industriali dove la polizia trattiene senza mandato e senza ordine di arresto i cittadini "scomodi". Tuttavia, nonostante minacce e aggressioni, Zhu è convinto che la lotta contro la corruzione vincerà: "Ci sono troppe persone che osservano quello che succede, e sono convinto che un foglio di carta non possa nascondere un incendio".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/03/2006 CINA
    Pechino: centinaia di attivisti arrestati prima dell'Assemblea Nazionale del Popolo

    Portate via nella notte oltre 400 persone che volevano presentare delle petizioni. Arrestati dissidenti ed attivisti per i diritti umani per garantire un pacifico svolgimento della sessione dell'Anp.



    30/05/2013 CINA
    Xi Jinping vara alcune leggi interne al Partito comunista: le prime dal 1921
    Forse è un tentativo di Xi Jinping di moralizzare il Pcc, in crisi di legittimità per abusi di potere e corruzione. Ma vi è il rischio di un doppio binario: le leggi del Partito e quelle dello Stato.

    15/09/2004 cina
    Migliaia di dissidenti bastonati ed arrestati prima del Congresso


    25/09/2013 CINA
    Wei Jingsheng: La legge anti-blogger, peggiore della Rivoluzione culturale
    Il grande dissidente cinese commenta le nuove repressioni imposte dal governo di Xi Jinping alla libertà di espressione e attacca il regime comunista, interessato soltanto a salvaguardare i propri privilegi mentre continua a violare i diritti della popolazione: "Sono più sfacciati persino di Mao Zedong".

    30/03/2006 Cina
    Taishi, attivisti ed avvocati denunciano nuovi brogli elettorali

    Non si fermano le proteste all'interno del piccolo villaggio del Guangdong che "lotta per la democrazia". I candidati sconfitti alle elezioni locali denunciano nuovi brogli ai seggi e vengono difesi da 38 fra i più famosi avvocati cinesi.  





    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®