23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/05/2017, 08.53

    INDONESIA

    Ahok condannato a due anni per blasfemia. Stupore e turbamento in Indonesia

    Mathias Hariyadi

    Il governatore di Jakarta è ora condotto alla prigione di Cipinang.  La condanna è più pesante delle richieste dei pubblici ministeri. Il caso ha diviso la nazione e ha dato vigore ai gruppi islamici radicali. Si accentuano i contrasti tra i movimenti radicali e i gruppi moderati. La situazione politica non è vantaggiosa per il presidente Joko Widodo.

    Jakarta (AsiaNews) – Il tribunale distrettuale di North Jakarta ha dichiarato il governatore uscente Basuki "Ahok" Tjahaja Purnama colpevole di blasfemia per aver suggerito che alcune persone hanno abusato di un versetto coranico per bloccare la sua rielezione. Il collegio di giudici condotto da Dwiarso Budi Santiarso ha condannato Ahok a due anni di carcere per tale reato. Il governatore cristiano, il cui mandato termina in ottobre, ha annunciato che farà appello al verdetto.

    Ahok era accusato in principio di blasfemia a norma dell'articolo 156a del codice penale e di diffamazione ai sensi dell'articolo 156. I procuratori, tuttavia, avevano fatto cadere l’accusa di blasfemia nella loro richiesta di sentenza, dicendo che non vi è alcuna prova che il governatore abbia commesso blasfemia. Essi, pertanto, hanno chiesto che Ahok fosse condannato a due anni con la condizionale e un anno di carcere qualora commettesse di nuovo il reato.

    L'accusa di blasfemia contro Ahok ha diviso la nazione e ha dato vigore ai gruppi islamici radicali. Essa è stata infatti strumentale alla sconfitta del governatore uscente nelle elezioni governative del 19 aprile scorso. In un suo discorso nella reggenza di Thousand Islands lo scorso settembre, Ahok aveva dichiarato che alcune persone erano state “ingannate” da coloro che usano per fini politici l’Al-Maidah 51, un versetto coranico che alcuni religiosi credono vieti ai musulmani di eleggere un leader non musulmano.

    Il verdetto ha suscitato emozioni contrastanti in tutto il Paese. La maggior parte delle persone esprimono sentimenti di angoscia e commentano che la sentenza emessa non è giusta, poiché per mesi i cinque giudici della corte distrettuale hanno subito una grande pressione sociale da parte degli avversari politici di Ahok. Ciò che colpisce è che la condanna è di gran lunga più pesante delle richieste dei procuratori.

    Durante l’udienza finale di oggi, Ahok ha spiegato che la corte ha politicamente distorto la natura del suo incontro con la popolazione locale nelle Thousand Islands dello scorso settembre 2016. Il giudice ha affermato che, invece di discutere questioni inerenti la pesca tra i pescatori locali, Ahok ha di proposito “deviato” il problema, rilasciando commenti offensivi che non erano “correlati” alla sua intenzione di incontrare gli abitanti del luogo.

    Con Ahok in prigione, il governatorato di Jakarta sarà consegnato al suo vice Djarot Saiful Hidayat, figura nazionalista del Partito democratico indonesiano (Pdip) fino ad ottobre 2017. Da quel momento comincerà il mandato di Anies Baswedan, che nelle ultime elezioni ha sconfitto il governatore uscente grazie al sostegno dei movimenti fondamentalisti islamici.

    Mentre i suoi legali tentano di presentare una causa legale presso il distretto di Stato maggiore per una sentenza più leggera, Ahok è ora condotto alla prigione di Cipinang,  il più grande complesso di detenzione di East Jakarta.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/05/2017 12:00:00 INDONESIA
    Processo Ahok: ‘Sentenza influenzata dall’attuale situazione politica’

    “La politica ha interferito col processo legale”. “La decisione dei giudici pericolosa per lo sviluppo della legge e della giustizia nel Paese”. “Come può l’Indonesia definirsi ‘una nazione secolare basata sullo Stato di diritto?’”. “Le implicazioni della condanna vanno ben oltre le mura del tribunale”. “Verdetto socialmente ‘amichevole’ per i giudici”.



    29/04/2017 12:22:00 INDONESIA
    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     



    19/04/2017 12:17:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta, sconfitta a sorpresa per Ahok. Vincono gli estremisti

    La vittoria di Anies Baswedan, candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Il voto popolare condizionato dalle manovre dei fondamentalisti.



    05/04/2017 12:54:00 INDONESIA
    Processo Ahok, ‘inammissibile’ il video che aveva incriminato il governatore cristiano

    Non potrà essere proiettato in nessuna delle prossime udienze. Il filmato modificato è ora parte di un procedimento penale contro il suo diffusore. Ahok offre le sue scuse per il caso di blasfemia orchestrato contro di lui. Non si fermano gli attacchi delle organizzazioni musulmane estremiste. Le forze di sicurezza arrestano cinque leader islamisti per tradimento.



    10/05/2017 16:40:00 INDONESIA
    La società civile: ‘Riscrivere’ la legge sulla blasfemia che ha condannato Ahok

    La sentenza contro il governatore cristiano solleva tensioni e polemiche. Il reato di blasfemia pretesto per esercitare pressioni sociali e politiche nei confronti dei propri avversari. Surya Chandra: “Nel collegio dei giudici nessuna indipendenza di giudizio”. Antonius Yudo Prihartono: “L’articolo 156a del Codice penale articolo di gomma”. Ismail Hasani: “Qualsiasi opinione o affermazione diversa da quella del Consiglio islamico può esser definita blasfema”.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®