24 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/02/2017, 12.09

    EGITTO - VATICANO - ISLAM

    Al Azhar e il Vaticano rilanciano il dialogo interreligioso e la lotta al fondamentalismo



    Si è concluso ieri al Cairo il simposio promosso dal Centro di Al Azhar per il dialogo e dal Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso. Dai partecipanti l’invito a contrastare “alla radice” i fenomeni alla base di “violenza e povertà”. L’impegno alla tutela dei giovani, più esposti alle ideologie estremiste. Prosciugare i fondi e fermare il rifornimento di armi ai gruppi terroristi. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - Contrastare “alla radice” i fenomeni che sono alla base “dell’estremismo, della violenza, della povertà, dell’ignoranza e dell’uso politico della religione”; rafforzare il dialogo fra le principali istituzioni cristiana e musulmana sunnita; rilanciare il valore delle “differenze” a livello di culto, che vanno rispettate e preservate. Sono questi alcuni degli obiettivi programmatici emersi a conclusione del simposio islamo-cristiano, che si è tenuto il 22 e il 23 febbraio all’università di Al Azhar, massima istituzione dell’islam sunnita, al Cairo.

    Su iniziativa del  Comitato congiunto formato dal Centro di Al Azhar per il dialogo e dal Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, alcune personalità di primo piano delle due fedi si sono riunite nella capitale egiziana per discutere sul tema: “Il ruolo di Al Azhar Al- Sharif e del Vaticano nell’opera di contrasto dei fenomeni del fanatismo, dell’estremismo e della violenza”. 

    Al simposio sono intervenuti, fra gli altri, il prof. Abbas Shauman, vice di Al Azhar, il prof. Mahmoud Hamdi Zakzouk, capo del centro per il dialogo dell’università e il card. Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso. 

    Gli interventi dei relatori si sono concentrati attorno a tre temi peculiari: il fanatismo, l’estremismo e la violenza. Ciascuno dei relatori ha quindi individuato possibili percorsi comuni per contrastare questi fenomeni alla base di violenze e oppressione in diverse regioni della terra. 

    Nel documento finale, diffuso ieri sera a chiusura del simposio, i partecipanti ricordano “la necessità” di “prestare attenzione alle istanze del mondo giovanile” aprendo “canali” di dialogo e illustrando loro i precetti di ciascuna religione, perché la possano comprendere e rispettare. Per questo è necessario rafforzare “i curriculum scolastici”, fornendo una “base comune” sui “valori” dell’essere umano e rilanciando il cammino di emancipazione della donna, insieme alla “cura dei bambini”. 

    “Misericordia, amore e rispetto” sono la via per contrastare le violenze e il fanatismo, cui si deve affiancare una sempre maggiore “collaborazione” fra Al Azhar e il Vaticano “al fine di promuovere la coesistenza e la comunicazione” fra le due realtà. “Il dialogo - spiega il comunicato finale - è la base delle relazioni fra le persone, fra individui, fra civiltà e religioni”. Esso è la sola via per “stabilire la pace, la sicurezza e la stabilità”. 

    Sottolineando l’importanza degli incontri fra personalità di primo piano del Vaticano e di Al Azhar, essenziali per “dissipare malintesi” e rafforzare “la tolleranza”, i partecipanti chiedono di lottare con maggiore forza contro “gruppi” che minano la stabilità e la convivenza. Inoltre, è necessario “alleviare” le sofferenze di quanti subiscono violenze in nome della religione in molte parti del mondo ed “eliminare” l’odio e l’animosità “fra religioni e la profanazione dei simboli religiosi”. 

    “Bisogna stabilire una seria collaborazione - conclude il comunicato - per contrastare, in un modo realistico e fattivo, il terrorismo e le organizzazioni terroristiche. Lavorare per prosciugare le loro fonti di sostentamento, fermare i rifornimenti di denaro e di armi, chiudere le porte dei social e delle comunicazioni, per proteggere i giovani dalle loro ideologie devastanti”. 

    Da tempo Al Azhar è criticato dagli stessi musulmani perchè non condanna con nettezza il fondamentalismo islamico violento e perchè i testi usati nelle sue scuole sono impregnati della visione fondamentalista.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/05/2013 EGITTO - VATICANO
    Tawadros II: con papa Francesco affrontata la drammatica situazione dell'Egitto
    Nel suo primo viaggio all'estero, il patriarca della Chiesa copta ortodossa incontra il papa e lo invita a visitare l'Egitto. Fra i temi dell'udienza il dialogo interreligioso e rapporti fra cattolici e ortodossi.

    06/03/2017 12:04:00 EGITTO - ISLAM
    Béchara Raï sul congresso ad Al-Azhar: Sparisca la parola ‘minoranza’

    La soddisfazione del patriarca, di ritorno dall’Egitto: “Parlata la lingua di un mondo che ha bisogno di respirare, un mondo che ha bisogno di libertà, diversità e complementarità". Antoine Courban: “Al-Azhar tappa importante nella riforma del pensiero musulmano”. La salvezza del mondo arabo viene dall’unità tra cristiani e musulmani.



    03/03/2017 14:44:00 EGITTO - ISLAM
    Al-Azhar: pluralismo e cittadinanza alla base dell’islam. Ma manca uno Stato civile

    Per Ahmad el-Tayyeb la fede musulmana non è incompatibile con il pluralismo religioso. E i cristiani non vanno considerati come elemento minoritario o “negativo”. Tuttavia, manca l’affermazione di uno Stato civile e laico. Serve un rinnovato impegno per una effettiva parità nella diversità.

     



    02/03/2017 11:54:00 EGITTO - ISLAM
    Al-Azhar condanna agli attacchi ai cristiani. Cittadinanza e uguaglianza contro l’estremismo

    Si è conclusa la due giorni promossa dall’università sunnita al Cairo. All’evento hanno aderito oltre 600 personalità cristiane e musulmane in rappresentanza di oltre 50 nazioni. Grande imam Al Tayeb: Associare religione e terrorismo è un “pretesto” degli “ultra-modernisti” per cancellare le fedi dalla società. Patriarca Sako: “Valori condivisi” per “tutti i cittadini, religioni, culture”.

     



    16/04/2013 EGITTO
    Egitto, Tawadros II incontra le vittime di al-Khosous
    L'incontro con i familiari dei sette cristiani morti negli scontri interreligiosi è avvenuto ieri al Cairo. Il presidente Morsi invia i suoi delegati per tentare un riavvicinamento con il patriarca dopo gli attacchi alla cattedrale di S. Marco. A metà maggio Tawadros II sarà a Roma per incontrare papa Francesco.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®