23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/02/2017, 12.09

    EGITTO - VATICANO - ISLAM

    Al Azhar e il Vaticano rilanciano il dialogo interreligioso e la lotta al fondamentalismo



    Si è concluso ieri al Cairo il simposio promosso dal Centro di Al Azhar per il dialogo e dal Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso. Dai partecipanti l’invito a contrastare “alla radice” i fenomeni alla base di “violenza e povertà”. L’impegno alla tutela dei giovani, più esposti alle ideologie estremiste. Prosciugare i fondi e fermare il rifornimento di armi ai gruppi terroristi. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - Contrastare “alla radice” i fenomeni che sono alla base “dell’estremismo, della violenza, della povertà, dell’ignoranza e dell’uso politico della religione”; rafforzare il dialogo fra le principali istituzioni cristiana e musulmana sunnita; rilanciare il valore delle “differenze” a livello di culto, che vanno rispettate e preservate. Sono questi alcuni degli obiettivi programmatici emersi a conclusione del simposio islamo-cristiano, che si è tenuto il 22 e il 23 febbraio all’università di Al Azhar, massima istituzione dell’islam sunnita, al Cairo.

    Su iniziativa del  Comitato congiunto formato dal Centro di Al Azhar per il dialogo e dal Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, alcune personalità di primo piano delle due fedi si sono riunite nella capitale egiziana per discutere sul tema: “Il ruolo di Al Azhar Al- Sharif e del Vaticano nell’opera di contrasto dei fenomeni del fanatismo, dell’estremismo e della violenza”. 

    Al simposio sono intervenuti, fra gli altri, il prof. Abbas Shauman, vice di Al Azhar, il prof. Mahmoud Hamdi Zakzouk, capo del centro per il dialogo dell’università e il card. Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso. 

    Gli interventi dei relatori si sono concentrati attorno a tre temi peculiari: il fanatismo, l’estremismo e la violenza. Ciascuno dei relatori ha quindi individuato possibili percorsi comuni per contrastare questi fenomeni alla base di violenze e oppressione in diverse regioni della terra. 

    Nel documento finale, diffuso ieri sera a chiusura del simposio, i partecipanti ricordano “la necessità” di “prestare attenzione alle istanze del mondo giovanile” aprendo “canali” di dialogo e illustrando loro i precetti di ciascuna religione, perché la possano comprendere e rispettare. Per questo è necessario rafforzare “i curriculum scolastici”, fornendo una “base comune” sui “valori” dell’essere umano e rilanciando il cammino di emancipazione della donna, insieme alla “cura dei bambini”. 

    “Misericordia, amore e rispetto” sono la via per contrastare le violenze e il fanatismo, cui si deve affiancare una sempre maggiore “collaborazione” fra Al Azhar e il Vaticano “al fine di promuovere la coesistenza e la comunicazione” fra le due realtà. “Il dialogo - spiega il comunicato finale - è la base delle relazioni fra le persone, fra individui, fra civiltà e religioni”. Esso è la sola via per “stabilire la pace, la sicurezza e la stabilità”. 

    Sottolineando l’importanza degli incontri fra personalità di primo piano del Vaticano e di Al Azhar, essenziali per “dissipare malintesi” e rafforzare “la tolleranza”, i partecipanti chiedono di lottare con maggiore forza contro “gruppi” che minano la stabilità e la convivenza. Inoltre, è necessario “alleviare” le sofferenze di quanti subiscono violenze in nome della religione in molte parti del mondo ed “eliminare” l’odio e l’animosità “fra religioni e la profanazione dei simboli religiosi”. 

    “Bisogna stabilire una seria collaborazione - conclude il comunicato - per contrastare, in un modo realistico e fattivo, il terrorismo e le organizzazioni terroristiche. Lavorare per prosciugare le loro fonti di sostentamento, fermare i rifornimenti di denaro e di armi, chiudere le porte dei social e delle comunicazioni, per proteggere i giovani dalle loro ideologie devastanti”. 

    Da tempo Al Azhar è criticato dagli stessi musulmani perchè non condanna con nettezza il fondamentalismo islamico violento e perchè i testi usati nelle sue scuole sono impregnati della visione fondamentalista.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/05/2013 EGITTO - VATICANO
    Tawadros II: con papa Francesco affrontata la drammatica situazione dell'Egitto
    Nel suo primo viaggio all'estero, il patriarca della Chiesa copta ortodossa incontra il papa e lo invita a visitare l'Egitto. Fra i temi dell'udienza il dialogo interreligioso e rapporti fra cattolici e ortodossi.

    12/05/2017 08:47:00 EGITTO - ISLAM
    Il Cairo, predicatore islamico sospeso e processato per attacchi contro cristiani ed ebrei

    In una trasmissione tv Salem Abdel Galil ha affermato che essi seguono culti “corrotti” e “non andranno in paradiso”. Le sue parole hanno sollevato proteste e indignazione. Un avvocato cristiano ha presentato un esposto contro il predicatore: Parole diffamatorie e minaccia all’unità del Paese. Le scuse dell’emittente che ospitava il programma. 

     



    06/03/2017 12:04:00 EGITTO - ISLAM
    Béchara Raï sul congresso ad Al-Azhar: Sparisca la parola ‘minoranza’

    La soddisfazione del patriarca, di ritorno dall’Egitto: “Parlata la lingua di un mondo che ha bisogno di respirare, un mondo che ha bisogno di libertà, diversità e complementarità". Antoine Courban: “Al-Azhar tappa importante nella riforma del pensiero musulmano”. La salvezza del mondo arabo viene dall’unità tra cristiani e musulmani.



    03/03/2017 14:44:00 EGITTO - ISLAM
    Al-Azhar: pluralismo e cittadinanza alla base dell’islam. Ma manca uno Stato civile

    Per Ahmad el-Tayyeb la fede musulmana non è incompatibile con il pluralismo religioso. E i cristiani non vanno considerati come elemento minoritario o “negativo”. Tuttavia, manca l’affermazione di uno Stato civile e laico. Serve un rinnovato impegno per una effettiva parità nella diversità.

     



    02/03/2017 11:54:00 EGITTO - ISLAM
    Al-Azhar condanna agli attacchi ai cristiani. Cittadinanza e uguaglianza contro l’estremismo

    Si è conclusa la due giorni promossa dall’università sunnita al Cairo. All’evento hanno aderito oltre 600 personalità cristiane e musulmane in rappresentanza di oltre 50 nazioni. Grande imam Al Tayeb: Associare religione e terrorismo è un “pretesto” degli “ultra-modernisti” per cancellare le fedi dalla società. Patriarca Sako: “Valori condivisi” per “tutti i cittadini, religioni, culture”.

     





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®