02/05/2006, 00.00
cina - vaticano - ue
Invia ad un amico

Al Parlamento europeo: La Cina deve finirla con la Chiesa di stato, segno di regime

L'on. Tajani domani dibatte alla Commissione esteri i 30 anni dei rapporti fra Cina e UE. A tema anche i diritti umani e la libertà religiosa.

Bruxelles (AsiaNews) – Le nuove ordinazioni a catena di vescovi, senza l'appoggio del Vaticano sono segno di "una chiesa di Stato" tipica dei regimi e delle dittature": lo ha detto ad AsiaNews l'on. Antonio Tajani, commentando la programmata ordinazione di un vescovo a Wuhu nell'Anhui e quella avvenuta il 30 aprile a Kunming. Entrambe le ordinazioni sono avvenute senza il permesso della Santa Sede. L'on. Tajani, di Forza Italia, del gruppo del Partito Popolare europeo,  domani presenterà come relatore-ombra un rapporto sulle relazioni fra Cina ed UE davanti alla Commissione esteri del Parlamento europeo. Il rapporto, stilato in occasione dei 30 anni delle relazioni fra Pechino e l'UE mette sotto esame la situazione economica e lo status dei diritti umani in Cina, compresa la libertà religiosa.

"Queste nuove ordinazioni – ha aggiunto l'on Tajani – non agevolano il dialogo fra Cina e Vaticano. La Cina non è un nemico, ma come ha accettato di dialogare sull'economia, occorre anche che dialoghi sui diritti umani e sulla libertà religiosa. E come accetta regole economiche partecipando al Wto, così deve accettare alcune regole del Vaticano in materia di fede. Non può volere relazioni diplomatiche con la Santa Sede e poi costruire una Chiesa di stato. Le Chiese di stato esistono solo nei regimi e nelle dittature".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Incontro in Vaticano sulla Chiesa in Cina
18/01/2007
Ordinato il nuovo vescovo dell'Anhui senza permesso del papa
03/05/2006
"Schiaffo in faccia al Vaticano": nuova ordinazione episcopale senza il permesso del papa
02/05/2006
Santa Sede: le illecite ordinazioni in Cina una "grave violazione della libertà religiosa"
04/05/2006
Vescovo agli arresti domiciliari: si rifiutava di celebrare con un altro vescovo scomunicato
08/04/2010