01 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/07/2016, 16.34

    SIRIA

    Aleppo: peggiora la crisi umanitaria, 200mila persone a rischio fame



    Da giorni mancano cibo, pane e altri generi di prima necessità. Preoccupazione delle Nazioni Unite che denunciano il blocco della distribuzione di aiuti. L’assedio governativo alla zona est della città potrebbe rappresentare una svolta nel conflitto siriano. Nel nord-est del Paese alle fiamme una chiesa siro-ortodossa; dietro il raid (forse) miliziani dello Stato islamico.

     

    Aleppo (AsiaNews/Agenzie) - Ad Aleppo si fa sempre più critica la situazione umanitaria, soprattutto nei quartieri della zona orientale in mano ai ribelli dove vivono oltre 200mila civili sotto assedio dell’esercito regolare siriano. Fonti locali riferiscono che, da giorni, mancano cibo e generi di prima necessità. Lo scorso fine settimana truppe governative si sono impadronite della strada del Castello, isolando i quartieri est della seconda città della Siria.

    Per gli esperti l’avanzata ad Aleppo dell’esercito di Damasco, sostenuto dai raid dell’aviazione russa, è stata un duro colpo per le mire dei ribelli; essa potrebbe costituire un punto di svolta di un conflitto che, finora, ha causato 280mila morti.

    Anche le Nazioni Unite esprimono preoccupazione per la situazione. L’assedio impedisce la libertà di movimento e blocca la distribuzione di aiuti, rendendo impossibile per le agenzie umanitarie rispondere ai bisogni in tema di medicine, cibo, acqua e carburante.

    Gran parte di Aleppo, un tempo hub economico e commerciale della Siria, dal 2012 diviso in due settori - governativo e ribelle - è teatro da mesi di pesanti combattimenti. Gli scontri si sono intensificati con il fallimento dei negoziati indiretti di pace Onu e la mancata applicazione della tregua parziale promossa da Stati Uniti e Russia a inizio anno.

    Secondo fonti delle Nazioni Unite oltre 600mila persone in Siria vivono in aree sotto assedio, in maggioranza circondate da reparti dell’esercito governativo. In queste aree si moltiplicano casi di malnutrizione. Secondo l’Ufficio Onu per gli affari umanitari (Ocha), ad Aleppo vi è cibo per sfamare 145mila persone per un solo mese, poi le scorte si possono ritenere esaurite.

    Dal 7 luglio scorso la zona est della metropoli non riceve più alcun tipo di aiuto.

    Intanto un gruppo di uomini armati nella serata di ieri ha attaccato una chiesa siro-ortodossa a Qamishli, città nel nord-est del Paese. Testimoni locali riferiscono che gli assalitori hanno colpito la chiesa di St. Charnel, nel distretto di Watwatiyah, “verso la mezzanotte, distruggendone gran parte del contenuto”. I miliziani avrebbero fatto esplodere delle granate all’interno della chiesa, causando gravi danni alla struttura che è andata “completamente distrutta”. Al momento non sono ancora stati identificati gli attentatori, sebbene attivisti e fedeli della zona puntano il dito contro i miliziani dello Stato islamico (SI), con tutta probabilità gli autori dell’attentato.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2016 11:43:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Troppa violenza, sospendiamo le attività. Ma la chiesa resta aperta

    Per tutta la giornata di ieri si sono susseguiti pesanti bombardamenti. Diverse vittime fra la popolazione civile. Mons. Abou Khazen: il fronte è altrove, si tratta di attacchi sferrati dai ribelli verso i quartieri governativi “per spirito di vendetta”. Il vicariato ferma le attività e i campi estivi per i ragazzi; resta aperta solo la chiesa per la preghiera e le funzioni. 



    07/07/2016 10:53:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo: La tregua porti sollievo a una popolazione stremata dai bombardamenti

    Per mons. Georges Abou Khazen nella metropoli del nord la situazione “continua a essere dura”. La gente ha paura a festeggiare in strada l’Eid al-Fitr nel timore di attacchi. Migliora l’erogazione di luce e acqua. Dalla Chiesa campi estivi e momenti di svago per una comunità martoriata. Il grazie a papa Francesco per il sostegno e la solidarietà. 



    23/12/2016 12:44:00 SIRIA
    Al Bab, la porta di Aleppo, il nuovo fronte di scontro fra turchi, siriani e curdi

    Mentre Damasco festeggia la riconquista della seconda città del Paese, i turchi bombardano alle porte della città. Nei raid aerei sono morti 29 civili, fra cui otto bambini. Illesi i miliziani di Daesh. Al Bab il prezzo ceduto alla Turchia per convincere i jihadisti e i ribelli a evacuare Aleppo Est.

     



    23/09/2016 08:36:00 SIRIA
    Aleppo, appello del leader di al Nusra: Unità fra jihadisti per la battaglia decisiva

    Il muftì Al Muhaissni si rivolge ai gruppi combattenti del Paese. Egli auspica “unione, organizzazione e ravvicinamento” basandosi sui “fondamenti generali dell’islam”. Nemico giurato dello Stato islamico, il giudice coranico cerca di ingraziarsi le simpatie degli sciiti di Hezbollah. Ma il suo linguaggio unificatore non convince nessuno dei gruppi jihadisti.  



    04/04/2016 11:14:00 SIRIA
    Pasqua a Damasco: Cristiani e musulmani in piazza per una festa di pace

    Riad Sargi, ingegnere cattolico, racconta ad AsiaNews le feste appena passate "Un’atmosfera fantastica, chiese gremite di fedeli”. Cristiani e musulmani si sono scambiati visite e messaggi di auguri, augurandosi il ritorno ad “una vita normale”. Una delegazione francese ha sperimentato il carattere multi-culturale della Siria e l’ideale di “laicità araba”.





    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®