26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/09/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Alluvioni nel Sindh: il premier pakistano cancella il viaggio all’Onu



    Yousaf Raza Gilani visiterà le zone colpite e verificherà le operazioni di soccorso alle vittime. Sei milioni di sfollati, 200mila senza casa, 1,7 milioni di acri di terra coltivabile sommersi. In aumento casi di malaria e dissenteria, almeno 7mila persone morse da serpenti. Rassegnazione fra la popolazione: “è la volontà di Allah”.
    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Il premier pakistano Yousaf Raza Gilani ha annullato il viaggio in programma la settimana prossima a New York, dove si terrà l’Assemblea generale delle Nazioni Unite. La cancellazione è dovuta alle recenti alluvioni che hanno colpito il sud del Paese, causando centinaia di morti e milioni di sfollati. Dall’entourage del Primo Ministro spiegano che Gilani resterà in Pakistan per coordinare l’opera di aiuti alla popolazione; il suo posto sarà preso dal ministro degli Esteri Hina Rabbani Khar. Una scelta che gli internauti sembrano apprezzare e condividere: molti i commenti dei lettori sui siti internet dei principali quotidiani, che definiscono “una buona idea” la decisione presa dal capo dell’esecutivo.

    Finora sono almeno sei milioni le persone colpite dalle alluvioni nel Sindh; il timore è che alcune zone della provincia resteranno sommerse per mesi. Le agenzie umanitarie e le Ong lanciano appelli e invitano a prendere provvedimenti per fronteggiare il disastro. Anche nel 2010 in Pakistan si è registrata una devastante alluvione e, in quel caso, la leadership politica – presidente e premier su tutti – ha subito critiche feroci per il mancato sostegno alle vittime. Ancora oggi gli interventi di recupero sono in ritardo di mesi rispetto al calendario dei lavori. Nei giorni scorsi il premier Gilani ha compiuto un viaggio ufficiale in Iran, mentre il presidente Asif Ali Zardari è volato a Londra per una visita privata. Oggi dall’ufficio del Primo Ministro è stata diffusa una nota secondo cui il premier “da domani sarà in visita nelle zone colpite dall’alluvione e supervisionerà l’opera di assistenza” alle vittime.

    Intanto fonti locali confermano che anche le alluvioni del 2011 nel Sindh sono “di vasta scala”, come quelle registrare lo scorso anno. Al momento vi sono sei milioni di sfollati, circa 200mila senza casa e le acque hanno inghiottito oltre 1,7 milioni di acri di terra coltivabile. Inoltre, due milioni di persone sono vittime di malattie legate alle piogge torrenziali, con casi di malaria e dissenteria in continuo aumento. Almeno 7mila persone sono state curate per morsi di serpenti.

    Il dipartimento meteo pakistano riferisce che i livelli di pioggia caduta in poche settimane nel Sindh sono di tre volte superiori alla media; nelle tre aree più colpite, il dato risulta di otto volte superiore al normale. Idrees Rajput, consulente del ministero provinciale dell’Irrigazione, spiega: “Quest’anno il fiume è tranquillo e la catastrofe arriva dal cielo”. Tra la popolazione regna un sentimento di rassegnazione, che supera persino la disperazione: “Abbiamo trascorso mesi [lontano da casa] lo scorso anno a causa delle alluvioni” racconta il 45enne Ashraf Jatoi “e siamo di nuovo punto a capo”. “Cosa possiamo fare” aggiunge “[se] questa è la volontà di Allah”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2017 08:52:00 THAILANDIA
    Thailandia, alluvioni nel sud: decine di morti, oltre un milione di persone colpite

    Per il premier thai sono le “peggiori piogge degli ultimi 30 anni”. La situazione è critica in 12 province meridionali del Paese. Secondo una prima stima si parla di 420 milioni di danni complessivi. Chiusi aeroporti e linee ferroviarie, strade e ponti crollati. Persiste l’allerta meteo per i prossimi giorni.



    25/08/2010 PAKISTAN
    Chiesa pakistana contro le alluvioni: giorno di preghiera e impegno con i musulmani
    L’appello dei vescovi pakistani e l’invito alla collaborazione fra cristiani e musulmani. A Faisalabad e a Gojra (dove vi è stato un massacro di cristiani) le due comunità raccolgono insieme fondi e aiuti per gli alluvionati. Le diocesi più colpite: Hyderabad, Multan, Rawalpindi e Quetta. I giovani aiutano i fabbricanti di mattoni che hanno perso case e lavoro. Notizie di discriminazioni.

    12/12/2011 ASIA
    Sfida del clima: a Durban un accordo senza obblighi per nessuno, né Cina né India
    I colloqui si sono chiusi ieri con una soluzione che riunisce per la prima volta tutti i maggiori Paesi inquinanti, Stati Uniti, Cina e India, ma senza stabilire per il momento alcun tetto preciso alle emissioni, in attesa di un accordo vincolante, da raggiungere nel 2015. L’Alleanza delle organizzazioni di sviluppo cattoliche (Cidse) : “Deve essere fatto molto di più”.

    14/07/2010 FILIPPINE
    Inizia la stagione dei tifoni nelle Filippine: 20 morti e decine dispersi
    Venti fino a 120 km l’ora; colpita la parte nord delle Filippine. Panico nelle baraccopoli di Manila, dove si registra il maggior numero di vittime. Il presidente Aquino critica il servizio meteo nazionale, accusato di non informare in tempo la popolazione.

    15/10/2011 NEPAL
    Riscaldamento globale: i laghi dell’Everest si allargano di 47 metri all’anno
    Lo scioglimento dei ghiacci ha aumentato le dimensioni dei 20mila laghi glaciali dell’Himalaya. La crescita del livello delle acque mette in pericolo la vita di migliaia di persone.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®