26/05/2011, 00.00
INDIA

Almeno 2mila dalit si convertono al buddismo, per sfuggire all’emarginazione

di Nirmala Carvalho
Secondo lo Scheduled Castes Order, solo i dalit indù e buddisti godono dei diritti previsti per il loro status. Cristiani e musulmani perdono ogni diritto, tra cui quello sulla rappresentanza politica. Ma anche all’interno del cristianesimo, i non dalit allontanano i loro fratelli fuoricasta.
Udupi (AsiaNews) – Con una cerimonia di Stato (Dhamma Dheekshe) almeno 2mila dalit si sono convertiti al buddismo in Karnataka, il 24 maggio scorso. I monaci Manorakhit Bhanteji, Lobsana e Tenguru hanno officiato la funzione, organizzata dal Karnataka Baudha Maha Sabha e dal Karnataka Dalit Sangharsha Samiti (Ambedkar Vada). Il “Dhamma Dheekshe” faceva parte delle celebrazioni per il “Vesak”, il 2.600mo anniversario dell’illuminazione di Buddha.

In India i dalit sono fuori casta, “intoccabili”, ma dal 1950 secondo il paragrafo n.3 del Constitution (Scheduled Castes) Order solo indù e buddisti godono dello status e dei diritti previsti per i dalit. Al contrario, i dalit convertiti al cristianesimo o all’islam perdono ogni diritto, tra cui quello alla rappresentanza politica. Per questo, la maggior parte dei dalit sceglie di convertirsi al buddismo.

Tuttavia, secondo Sri Vishweshateertha Swamiji, bramino buddista a capo del monastero di Pejavar, questa conversione “non darà alcun vantaggio ai fuoricasta”. Il monaco spiega: “Ad esclusione dei dalit, i buddisti in India sono pochi. La questione dell’intoccabilità è indipendente dalla religione”.

L’attivista indiano Vincent Manoharan, presidente della National Federation of Dalits Land Rights Movement (Nfdlrm) non è d’accordo con Swamiji: “Il buddismo e altre religioni non santificano il sistema delle caste, come accade nell’induismo. Per i dalit, questo è sufficiente per lasciare l’induismo”.

La Nfdlrm si batte da anni per abolire almeno il paragrafo dello Scheduled Castes Order contro i dalit cristiani e musulmani. Manoharan spiega: “Tutti i dalit sono discriminati, come sancito dalla legge del 1950. Ma i fuoricasta cristiani vengono emarginati anche dai cristiani non dalit, che li allontanano per una questione sociale”. E conclude: “I dalit sono segregati, allontanati, umiliati e perseguitati in ogni aspetto della loro vita: sociale, economico, politico e religioso. Finché esisterà questa legge, i fuoricasta cristiani subiranno una tripla discriminazione: da cristiani di altre caste, da non dalit di altre religioni e dal governo”.
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Migliaia di indù si convertono al buddismo “per essere trattati da esseri umani”
28/05/2007
Card. Gracias ai leader dalit: La Chiesa cattolica in India è al 100% con i cristiani dalit
20/03/2017 13:05
India, nuovo rinvio della Corte Suprema sui diritti dei dalit cristiani
25/08/2005
Giudici del Tamil Nadu: diritti ai fuori casta, ma solo se indù
13/11/2006
Cinquemila Dalit cristiani e musulmani contro la discriminazione
21/07/2010