25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/01/2016, 00.00

    CINA

    Ancora in forte discesa le borse cinesi

    Paul Wang

    Shanghai perde il 3,2%; Shenzhen il 4,4; Hong Kong il 2,4. L’economia cinese del 2016 è “il peggior incubo”. Scendono anche le altre borse dell’Asia.

    Hong Kong (AsiaNews) – Le borse in Asia hanno ripreso a vacillare anche all’inizio di questa settimana continuando le perdite innescate nei giorni scorsi dalla borsa di Shanghai e di Shenzhen. In una nota di oggi, la Haitong Research ha definito la Cina del 2016 “il peggior incubo per tutti”.

    Alla sessione mattutina l’indice di Shanghai era sceso del 3,2%; quello di Shenzhen del 4,4%, quello di Hong Kong del 2,4. La scorsa settimana l’indice di Shanghai aveva perso il 10%; Hong Kong ha perso il 6%, ritornando a valori del 2013.

    Per gli altri mercati, Tokyo è chiusa per una festa nazionale, mentre Seoul registra una perdita dell’1,2%; in Australia, l’indice ha chiuso a meno 1,2%; in India vi è un calo dello 0,4%.

    La scorsa settimana, la prima di quest’anno, i mercati azionari cinesi sono stati chiusi con un procedimento di “circuit breaker”, che ferma le transazioni se le perdite sono oltre il 5%. Alla fine la Cina ha deciso di non utilizzare più questo meccanismo e l’8 gennaio scorso ha utilizzato altri mezzi per sostenere le azioni delle sue compagnie, con una “squadra nazionale” che ha acquistato azioni sul mercato, facendo rialzare l’indice. Secondo gli analisti questi interventi distorcono il mercato e non aiutano il Paese ad affrontare i suoi problemi. Da tempo la leadership cinese è spinta a ripensare il suo modello di sviluppo basato su manodopera a basso costo, export, pesante sostegno alle imprese statali divenute dei mammut antieconomici.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2012 CINA - HONG KONG
    Scendono le borse: Pechino esclude un nuovo pacchetto di stimoli all'economia
    Esperti ed economisti mettono in guardia dal prestito facile, che ha provocato sovrappiù di investimenti, bolle speculative nel settore edilizio e inflazione. Occorre cambiare il modello di sviluppo.

    05/01/2016 ASIA-CINA
    La borsa di Shanghai in lievissimo recupero dopo le enormi perdite di ieri
    Gli indici a metà giornata sono leggermente positivi. Ma quelli di Hong Kong e Shezhen sono leggermente negativi. Lieve recupero anche a Seoul e a Tokyo. Ieri la caduta di oltre il 7% degli indici ha portato al blocco delle transazioni, trascinando in negativo al altre borse mondiali. Per gli analisti quest’anno in Cina vi saranno molte scosse nel mercato azionario.

    20/04/2012 CINA
    Bancarotta nell'edilizia; profitti delle aziende di Stato a meno 13,6 per cento
    Due ditte di costruzione hanno dichiarato bancarotta per impossibilità a pagare i debiti. Il 50% delle costruzioni cinesi rimane invenduto e la stretta creditizia delle banche getta le ditte in crisi di liquidità. Sulle industrie statali pesa la diminuzione della domanda dall'estero. Per alcune compagnie marittime i trasporti sono scesi quasi a zero e i profitti diminuiti quasi del 100%.

    16/11/2011 CINA
    Il flop degli hotel cinesi, vuoti per metà
    Gli alberghi di Shanghai occupati al 50%; quelli di Singapore e Hong Kong all’80%. Negli anni ’80-’90 e prima delle Olimpiadi vi è stato il boom degli alberghi. Per il 2013 vi sarà un aumento del 52% nell’offerta di ospitalità. Ma si teme una bolla speculativa come per gli immobili.

    15/07/2010 CINA
    Scende (di poco) l’economia cinese: 10,3 per cento
    Le leggere variazioni verso il basso sono in linea con la linea di controllo del governo. Ma sono pure un segnale che l’economia non “drogata” coi prestiti statali fa fatica.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®