20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/03/2016, 22.30

    TURCHIA

    Ankara colpita da un’esplosione: almeno 34 morti e 125 feriti

    Ömer Önder

    Ankara (AsiaNews) – La capitale turca è stata colpita al cuore con un’auto-bomba esplosa stasera nel cuore commerciale della città, Kızılay, vicino al parco Güvenpark, all’incirca alle 6.35 (ora locale). L’esplosione ha ucciso almeno 34 persone e ferito altri 125.

    Secondo le dichiarazioni ufficiali, 30 persone sono morte subito, altre quattro sono morte durante il loro trasporto all’ospedale. Le 125 persone ferite sono state trasportate in diversi ospedali della città. Fra loro 19 sono in gravissime condizioni.

    Testimoni oculari raccontano sui social media che l’esplosione è avvenuta con esplosivi all’interno di un veicolo andato a scontrarsi contro un autobus vicino a Güvenpark, nel centro di Kizilay. Il boato è stato sentito in tutta la città. La Radio e la Televisione del Consiglio supremo (RTÜK) ha imposto il silenzio stampa minuti dopo l’esplosione.

    L’attentato era pianificato per colpire il parcheggio dove autobus e minibus sostano e una stazione centrale della metropolitana. Un giornalista del canale privato Habertürk ha detto che l’esplosione è avvenuta vicino a un luogo döve erano parcheggiati 10 autobus. Dopo l’attentato, le forze di sicurezza hanno evacuato l’area in caso di una seconda esplosione.

    Il governatore di Ankara Mehmet Kiliclar è giunto sulla scena per un sopralluogo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha parlato al telefono con il ministro degli interni Efkan Ala, che lo ha aggiornato sull’incidente.

    Secondo fonti del gabinetto, il primo ministro Ahmet Davutoglu ha presieduto un incontro sulla sicurezza nella tarda serata per chiarire quanto successo e discutere sul da farsi.

    L’esplosione di stasera giunge a pochi giorni da una comunicazione dell’ambasciata Usa ad Ankara, in cui si parlava di “possibili minacce” nella capitale.

    La comunicazione, pubblicata due giorni fa sul sito dell’ambasciata, diceva: “L’ambasciata degli Stati Uniti informa i cittadini Usa che vi sono informazioni su un potenziale piano terrorista di attaccare edifici del governo turco e case situate nell’area di Bahcelievler di Ankara. I cittadini Usa dovrebbero evitare di recarsi in questa zona”.

    Dall’ottobre 2015, quello di stasera è il terzo grande attentato che colpisce la capitale turca. Il 10 ottobre 2015, militanti dello Stato islamico di Iraq e del Levante (Isis) hanno colpito un raduno pacifico vicino alla stazione ferroviaria di Ankara, uno dei punti più affollati della città, facendo almeno 103 morti.

    Quattro mesi più tardi, lo scorso 17 febbraio, un’auto-bomba guidata da un kamikaze ha attaccato un convoglio militare nella capitale uccidendo almeno 29 persone e ferendone 81. Il convoglio trasportava sia militari che ciivili, impiegati nel quartier generale dell’esercito.

     

    Twitter: @OmerOnderEng

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/03/2016 13:07:00 TURCHIA
    Attacco suicida nel centro di Istanbul


    21/03/2016 08:32:00 TURCHIA
    L’attentato di Istanbul attribuito ai jihadisti

    Nel timore di nuovi attacchi, cancellato il match fra Galatasaray e Fenerbahçe. Proibite le feste per Nouruz, il capodanno kurdo. Israele raccomanda ai suoi connazionali di non andare in Turchia. L’attentatore sarebbe un giovane turco dello Stato islamico che ha combattuto in Siria. Fermati altri cinque sospetti.



    14/03/2016 08:34:00 TURCHIA
    Ancora nessuna rivendicazione per l’attentato di Ankara. Il governo sospetta i curdi

    Fra i più probabili esecutori vi è il gruppo dei Tak, i Falchi alati per la libertà del Kurdistan, un ramo ancora più radicale del Pkk. Dubbi sul ruolo geopolitico  della Turchia nello scacchiere medio-orientale. La grande popolarità di Erdogan.



    06/06/2015 TURCHIA
    Elezioni: l’incognita curda e il sogno neo-ottomano di Erdogan
    Clima incandescente: esplosione (attentato?) nella regione curda con 4 morti e 100 feriti al discorso conclusivo del leader del partito curdo. Il presidente – che dovrebbe essere super partes – ha svolto una pesante campagna elettorale a favore del suo partito. Necessari 330 deputati per cambiare la costituzione e rendere la Turchia una repubblica presidenziale.

    06/05/2016 10:24:00 TURCHIA
    Terremoto politico ad Ankara. Cronaca di un divorzio annunciato fra Erdogan e Davutoglu

    Da diverso tempo si sussurrava di un conflitto fra il “Rais” Erdogan e lo “Hoja” (professore) Davutoglu. Il premier non vede bene le mire presidenzialiste del suo capo; il presidente non ama gli atteggiamenti pro-europei di Davutoglu. Erdogan rafforza l’alleanza con l’esercito in funzione anti-curda e anti-religiosa.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®