16 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/06/2007
VATICANO
Appello del papa per i rapiti nel mondo, fra cui sacerdoti cattolici
Il papa ha ricordato in particolare alcuni sacerdoti rapiti in Colombia. Nella festa del Corpus Domini ha sottolineato il valore dell’adorazione eucaristica, da proporre soprattutto ai giovani, in un mondo troppo “rumoroso e dispersivo”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Proprio mentre in Italia e nel mondo si diffonde la notizia del rapimento di p. Giancarlo Bossi, PIME, avvenuto stamane nel sud delle Filippine, all’Angelus di oggi il papa ha lanciato un appello per le tante “persone, tra le quali anche sacerdoti cattolici, tenute sotto sequestro per diversi motivi e in varie parti del mondo”. Benedetto XVI ha aggiunto: “Porto tutti nel cuore e tutti tengo presenti nella mia preghiera” riferendosi in particolare ad alcuni casi dolorosi in Colombia. “Rivolgo – ha detto ancora il papa -  il mio accorato appello agli autori di tali atti esecrabili, affinché prendano coscienza del male compiuto e restituiscano al più presto all’affetto dei loro cari quanti tengono prigionieri. Affido le vittime alla materna protezione di Maria Santissima, Madre di tutti gli uomini”
 
In precedenza il papa ha ricordato la festa di oggi, il Corpus Domini. “L’odierna solennità del Corpus Domini, - ha detto Benedetto XVI - che in Vaticano e in altre Nazioni è stata già celebrata giovedì scorso, ci invita a contemplare il sommo Mistero della nostra fede: la Santissima Eucaristia, reale presenza del Signore Gesù Cristo nel Sacramento dell’altare. Ogni volta che il sacerdote rinnova il Sacrificio eucaristico, nella preghiera di consacrazione ripete: "Questo è il mio corpoquesto è il mio sangue". Lo dice prestando la voce, le mani e il cuore a Cristo, che ha voluto restare con noi ed essere il cuore pulsante della Chiesa. Ma anche dopo la Celebrazione dei divini misteri il Signore Gesù resta vivo nel tabernacolo; per questo a Lui viene resa lode specialmente con l’adorazione eucaristica, come ho voluto ricordare nella recente Esortazione apostolica post-sinodale Sacramentum caritatis (cfr nn. 66-69). Anzi, esiste un legame intrinseco tra la celebrazione e l’adorazione. La Santa Messa infatti è in se stessa il più grande atto di adorazione della Chiesa: "Nessuno mangia questa carne – scrive sant’Agostino – se prima non l’ha adorata" (Enarr. in Ps. 98,9: CCL XXXIX, 1385). L’adorazione al di fuori della santa Messa prolunga e intensifica quanto è avvenuto nella celebrazione liturgica, e rende possibile un’accoglienza vera e profonda di Cristo”.
Il pontefice ha sottolineato l’importanza dell’adorazione eucaristica, anzitutto come testimonianza della presenza reale di Gesù, ma anche come riscoperta e alimento a un rapporto personale col Signore.
 
Vorrei cogliere l’opportunità che mi offre la solennità odierna per raccomandare vivamente ai Pastori e a tutti i fedeli la pratica dell’adorazione eucaristica. Esprimo il mio apprezzamento agli Istituti di Vita Consacrata, come pure alle associazioni e confraternite che vi si dedicano in modo speciale: esse offrono a tutti un richiamo alla centralità di Cristo nella nostra vita personale ed ecclesiale. Mi rallegro poi nel constatare che molti giovani stanno scoprendo la bellezza dell’adorazione, sia personale che comunitaria. Invito i sacerdoti a incoraggiare in questo i gruppi giovanili, ma anche a seguirli affinché le forme dell’adorazione comunitaria siano sempre appropriate e dignitose, con adeguati tempi di silenzio e di ascolto della Parola di Dio. Nella vita di oggi, spesso rumorosa e dispersiva, è più che mai importante recuperare la capacità di silenzio interiore e di raccoglimento: l’adorazione eucaristica permette di farlo non solo intorno all’"io", bensì in compagnia di quel "Tu" pieno d’amore che è Gesù Cristo, "il Dio a noi vicino".

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/02/2006 vaticano-filippine
Cordoglio del Papa per le vittime della frana di Leyte
20/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “Mi hanno trattato bene e ho pregato per loro”
di Santos Digal
17/07/2011 VATICANO
Papa: Appello per la carestia in Somalia e Corno d’Africa
06/08/2006 Vaticano
Papa: Pace per le popolazioni del Medio Oriente sconvolte da lotte fratricide!
02/07/2006 Vaticano
Papa: "Famiglia, organismo vivente dove non deve mancare la parola di Dio"
Articoli del dossier
ITALIA – FILIPPINE
Nell’anniversario del PIME il "grazie" per la liberazione di p. Bossi
FILIPPINE – ITALIA
Payao, grande festa per il ritorno di p. Bossi
FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “A Loreto con il Papa e i giovani per raccontare l’esperienza di missione”
FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “Vorrei incontrare il Papa”
ITALIA – FILIPPINE
P. Bossi: su di lui si è taciuta una grande verità, è un missionario che testimonia Gesù
FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “Tornerò fra la mia gente”
ITALIA – FILIPPINE
P. Bossi: il 30 luglio Messe di ringraziamento del PIME
ITALIA – FILIPPINE
Il "grazie" del Pime a quanti hanno contribuito alla liberazione di p. Bossi
FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “Mi hanno trattato bene e ho pregato per loro”
FILIPPINE
P. Bossi: “Sto bene, vorrei tornare a salutare i miei parrocchiani”
FILIPPINE
P. Bossi 39 giorni in mano ai rapitori
FILIPPINE
Liberato p. Bossi
FILIPPINE
Un missionario islamico ucciso e fatto a pezzi a Basilan
FILIPPINE
P. Benedetti: per padre Bossi “attendiamo sviluppi positivi”
FILIPPINE
Continua la mediazione per la liberazione di padre Bossi
FILIPPINE
Raccolta firme per la liberazione di P. Bossi
FILIPPINE
Pime: libertà per p. Bossi, ma anche per i suoi rapitori
ITALIA – FILIPPINE
P. Zanchi: padre Bossi sta continuando la sua missione, in modo diverso, non programmato da lui
FILIPPINE
Zamboanga, messa per la liberazione di p. Bossi
VATICANO – FILIPPINE
Papa: ogni giorno penso a padre Bossi
FILIPPINE
P. Bossi, dubbi sul coinvolgimento di Abu Sayyaf
FILIPPINE
P. Bossi, le ricerche fra attesa e speranza
FILIPPINE
Nessuna certezza sull’identità dei rapitori di p. Bossi, si attendono contatti
FILIPPINE - ITALIA
Recapitate alcune foto di p. Bossi: il primo segno che è vivo
FILIPPINE
Vescovi filippini: tutto il possibile per la liberazione di p. Giancarlo Bossi
PIME – FILIPPINE
PIME: 10 luglio, giornata internazionale di preghiera per p. Bossi
FILIPPINE
Ritirata “strategica” del Milf, ma le ricerche di p. Bossi continuano
FILIPPINE - ITALIA
Comunicato del PIME su padre Giancarlo Bossi
FILIPPINE
Appello del PIME per la liberazione di P. Bossi
FILIPPINE
Mindanao, “preghiera continua e speranza” per p. Bossi
FILIPPINE
Nessun contatto con i rapitori, le ricerche di p. Bossi ripartono da Payao
FILIPPINE
P. Bossi, “ipotesi” di nuovi canali legati alla società civile
FILIPPINE
Ripartono le ricerche per p. Bossi
FILIPPINE
Interrotte le ricerche di p. Bossi, sciolta la cooperazione fra Milf ed esercito
FILIPPINE
Appello del Pime per la liberazione di p. Bossi
FILIPPINE
L’esercito dichiara di aver avvistato p. Bossi, il Pime non conferma
FILIPPINE
Un blog per chiedere la liberazione di p. Giancarlo Bossi
FILIPPINE
P. Bossi: testimone che il Regno appartiene ai piccoli
FILIPPINE
Mindanao, primi contatti con i rapitori di p. Bossi: sta bene
ITALIA – FILIPPINE
Fiaccolata in silenzio, candele alle finestre per la liberazione di p. Bossi
FILIPPINE
L’esercito blocca una zona di Mindanao, la Chiesa prega per p. Bossi
FILIPPINE
Mindanao, continuano le ricerche di p. Bossi
FILIPPINE
Vescovi filippini per la liberazione di p. Bossi, il Milf nega ogni coinvolgimento
FILIPPINE
P. Bossi, “gigante buono” della missione a Mindanao
FILIPPINE
Occidentali rapiti nelle Filippine del Sud (Scheda)
FILIPPINE
I rapitori di p. Bossi sarebbero guerriglieri islamici del Milf
FILIPPINE
P. Giancarlo Bossi, missionario PIME, è stato rapito a Mindanao

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate