24 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/06/2007, 00.00

    VATICANO

    Appello del papa per i rapiti nel mondo, fra cui sacerdoti cattolici



    Il papa ha ricordato in particolare alcuni sacerdoti rapiti in Colombia. Nella festa del Corpus Domini ha sottolineato il valore dell’adorazione eucaristica, da proporre soprattutto ai giovani, in un mondo troppo “rumoroso e dispersivo”.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – Proprio mentre in Italia e nel mondo si diffonde la notizia del rapimento di p. Giancarlo Bossi, PIME, avvenuto stamane nel sud delle Filippine, all’Angelus di oggi il papa ha lanciato un appello per le tante “persone, tra le quali anche sacerdoti cattolici, tenute sotto sequestro per diversi motivi e in varie parti del mondo”. Benedetto XVI ha aggiunto: “Porto tutti nel cuore e tutti tengo presenti nella mia preghiera” riferendosi in particolare ad alcuni casi dolorosi in Colombia. “Rivolgo – ha detto ancora il papa -  il mio accorato appello agli autori di tali atti esecrabili, affinché prendano coscienza del male compiuto e restituiscano al più presto all’affetto dei loro cari quanti tengono prigionieri. Affido le vittime alla materna protezione di Maria Santissima, Madre di tutti gli uomini”
     
    In precedenza il papa ha ricordato la festa di oggi, il Corpus Domini. “L’odierna solennità del Corpus Domini, - ha detto Benedetto XVI - che in Vaticano e in altre Nazioni è stata già celebrata giovedì scorso, ci invita a contemplare il sommo Mistero della nostra fede: la Santissima Eucaristia, reale presenza del Signore Gesù Cristo nel Sacramento dell’altare. Ogni volta che il sacerdote rinnova il Sacrificio eucaristico, nella preghiera di consacrazione ripete: "Questo è il mio corpoquesto è il mio sangue". Lo dice prestando la voce, le mani e il cuore a Cristo, che ha voluto restare con noi ed essere il cuore pulsante della Chiesa. Ma anche dopo la Celebrazione dei divini misteri il Signore Gesù resta vivo nel tabernacolo; per questo a Lui viene resa lode specialmente con l’adorazione eucaristica, come ho voluto ricordare nella recente Esortazione apostolica post-sinodale Sacramentum caritatis (cfr nn. 66-69). Anzi, esiste un legame intrinseco tra la celebrazione e l’adorazione. La Santa Messa infatti è in se stessa il più grande atto di adorazione della Chiesa: "Nessuno mangia questa carne – scrive sant’Agostino – se prima non l’ha adorata" (Enarr. in Ps. 98,9: CCL XXXIX, 1385). L’adorazione al di fuori della santa Messa prolunga e intensifica quanto è avvenuto nella celebrazione liturgica, e rende possibile un’accoglienza vera e profonda di Cristo”.
    Il pontefice ha sottolineato l’importanza dell’adorazione eucaristica, anzitutto come testimonianza della presenza reale di Gesù, ma anche come riscoperta e alimento a un rapporto personale col Signore.
     
    Vorrei cogliere l’opportunità che mi offre la solennità odierna per raccomandare vivamente ai Pastori e a tutti i fedeli la pratica dell’adorazione eucaristica. Esprimo il mio apprezzamento agli Istituti di Vita Consacrata, come pure alle associazioni e confraternite che vi si dedicano in modo speciale: esse offrono a tutti un richiamo alla centralità di Cristo nella nostra vita personale ed ecclesiale. Mi rallegro poi nel constatare che molti giovani stanno scoprendo la bellezza dell’adorazione, sia personale che comunitaria. Invito i sacerdoti a incoraggiare in questo i gruppi giovanili, ma anche a seguirli affinché le forme dell’adorazione comunitaria siano sempre appropriate e dignitose, con adeguati tempi di silenzio e di ascolto della Parola di Dio. Nella vita di oggi, spesso rumorosa e dispersiva, è più che mai importante recuperare la capacità di silenzio interiore e di raccoglimento: l’adorazione eucaristica permette di farlo non solo intorno all’"io", bensì in compagnia di quel "Tu" pieno d’amore che è Gesù Cristo, "il Dio a noi vicino".
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/02/2006 vaticano-filippine
    Cordoglio del Papa per le vittime della frana di Leyte

    Benedetto XVI chiede alla comunità internazionale interventi "generosi" e "rapidi".



    20/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
    P. Bossi: “Mi hanno trattato bene e ho pregato per loro”
    Benedetto XVI è stato avvertito della liberazione già ieri sera e ha espresso “grande gioia per tutta la Chiesa”. Contrastanti versioni delle autorità filippine sui responsabili del sequestro.

    17/07/2011 VATICANO
    Papa: Appello per la carestia in Somalia e Corno d’Africa
    Benedetto XVI chiede a tutta la comunità internazionale soccorsi tempestivi per le popolazioni che fuggono “in cerca di cibo e aiuti”. Il seme del Regno di Dio ha “un’insopprimibile forza vitale” e matura “malgrado tutti gli ostacoli”.

    06/08/2006 Vaticano
    Papa: Pace per le popolazioni del Medio Oriente sconvolte da lotte fratricide!

    Benedetto XVI non si ferma di fronte alla sordità della comunità internazionale e sprona tutti gli uomini di buona volontà a chiedere il cessate-il fuoco e una soluzione di pace "giusta e duratura" per il Medio Oriente.



    09/07/2007 VATICANO – FILIPPINE
    Papa: ogni giorno penso a padre Bossi
    “Speriamo, preghiamo che il Signore ci aiuti”, ha detto Benedetto XVI rispondendo alla domanda di un giornalista, al momento del suo arrivo nel paese di montagna dove trascorrerà un periodo di riposo.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®