Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/12/2011, 00.00

    FILIPPINE

    Arcivescovo di Cagayan de Oro: Aiutate le vittime dell’alluvione



    L’appello di mons. Antonio J. Ledesma. A tutt’oggi il bilancio della tempesta Washi è di 700 morti e oltre 800 dispersi. L’invito a pregare per le migliaia di senza tetto. Caritas e associazioni cattoliche in prima fila nel portare aiuto alle popolazioni alluvionate.
    Cagayan de Oro (AsiaNews) – “La situazione nelle aree alluvionate è critica. Invito tutti a pregare per le migliaia di famiglie colpite dal disastro e a inviare contributi per l’acquisto di aiuti umanitari”. È l’appello di mons. Antonio J. Ledesma, arcivescovo di Cagayan de Oro. La città è una delle aree più danneggiate dal passaggio della tempesta Washi, avvenuto lo scorso 17 dicembre. A tutt’oggi il bilancio è di circa 700 morti e oltre 800 dispersi. La maggior parte delle vittime sono soprattutto bambini. Per evitare il diffondersi di epidemie, hanno seppellito in fosse comuni centinaia di cadaveri ancora in attesa di identificazione. Ieri, alla preghiera dell’Angelus, il Papa ha ricordato le vittime del disastro e le migliaia di senza tetto.

    Mons. Ledesma afferma ad AsiaNews che la Chiesa filippina è in prima fila per portare aiuto agli oltre 35mila senza tetto. “Centinaia di volontari della Caritas e di altre associazioni cattoliche locali – spiega – lavorano giorno e notte nei nove centri di raccolta allestiti dalle autorità locali nelle scuole pubbliche di Cagayan de Oro e Illigan City”. Nei prossimi giorni, tutte le parrocchie del Paese organizzeranno raccolte di aiuti e veglie di preghiera per le popolazioni colpite.

    Nella notte del 16 dicembre, la tempesta Washi ha scaricato in poche ore la quantità di acqua di un mese, facendo straripare fiumi e torrenti. A ciò si aggiungono le decine di frane e smottamenti, che nelle zone collinari hanno spazzato via interi villaggi. Sulla costa, le raffiche di vento a oltre 90 km/h hanno mandato alle deriva centinaia di imbarcazioni, scese in mare per la pesca. Da ieri, la guardia costiera sta raccogliendo i cadaveri risucchiati dalla corrente. Al momento circa 10mila soldati sono impegnati nelle operazioni di soccorso.

    Secondo fonti di AsiaNews, il disastro è stato però causato dall’incuria delle autorità che negli anni hanno permesso la costruzione di baracche ed abitazioni lungo i fiumi e sulla costa. Esse denunciano anche l’inefficienza dei soccorsi, impreparati ad affrontare una catastrofe di queste dimensioni. “Nonostante l’allerta meteo – affermano - le autorità non hanno organizzato un piano di evacuazione. Molte persone sono morte annegate nel sonno”.

    Ogni anno decine di tifoni colpiscono le Filippine, provocando morti e gravi danni a coltivazioni e infrastrutture. A fine settembre il passaggio del tifone Nesat ha fatto oltre 100 morti. Nel 2009, il Paese è stato messo in ginocchio dal passaggio della tempesta tropicale Ketsana e del tifone Parma che nella sola Manila hanno fatto oltre 100 morti e 3 milioni di sfollati. Alcune zone della città e del nord delle Filippine sono rimaste allagate per mesi e a tutt’oggi patiscono ancora per i danni provocati dalla tempesta e dal tifone. (S.C.)

    Su richiesta di mons. Ledesma, riportiamo di seguito le coordinate bancarie, per chi desidera inviare il proprio contributo agli alluvionati:

    Branch: BPI CDO
    Account name: Roman Catholic Archbp of CDO Inc.
    Account: 9330-0014-42 TNX 4 D
    Aid to flood Victims.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/12/2011 FILIPPINE
    Tifone Washi, Manila dichiara l’emergenza nazionale. Prime sepolture di fosse comuni
    Il bilancio sale a mille morti e decine di migliaia senzatetto. Il presidente Benigno Aquino dichiara la calamità per accedere a fondi speciali di intervento. A Iligan (Mindanao) primi funerali di gruppo per scongiurare epidemie, sotterrate 50 persone. Contrari i cittadini di Cagayan de Oro. Continua la raccolta fondi lanciata da mons. Ledesma.

    10/02/2012 FILIPPINE
    Caritas e cattolici in soccorso ai terremotati di Negros e Cebu
    Nelle aree più colpite scarseggiano acqua potabile, cibo, medicine e tende per ospitare gli sfollati. In totale sono almeno 14mila le famiglie affette dal sisma. Iniziata una raccolta fondi per gli interventi di emergenza. Le diocesi della zona aprono le porte e forniscono cibi e beni di prima necessità.

    08/02/2012 FILIPPINE
    Sale a 48 morti e 92 dispersi il bilancio del sisma di Negros e Cebu
    Nella città della costa orientale dell’isola centinaia di persone sono ancora sepolte sotto le macerie e si scava a mani nude. La Caritas filippina avverte che le scorte di cibo stanno esaurendo. Frane e smottamenti bloccano le strade e rendono impossibile l’arrivo degli aiuti umanitari. La chiesa cattolica locale apre chiese, cappelle e scuole per dare rifugio alle centinaia di famiglie sfollate.

    16/10/2009 FILIPPINE
    Dopo 7 giorni, si cercano ancora dispersi del tifone Parma
    Finora i morti sono 375 e i villaggi sono raggiungibili dai soccorsi solo in elicottero. Nelle province di Pangasinan e Benguet la Chiesa distribuisce aiuti a oltre 1000 famiglie di sfollati. Ribelli maoisti ed esercito annunciano un temporaneo cessate il fuoco per intensificare gli aiuti.

    27/12/2011 FILIPPINE
    Mindanao: gara di solidarietà per le vittime dell’alluvione
    Per aiutare i sopravissuti, la popolazione ha rinunciato ad addobbi e fuochi d’artificio. Nella parrocchie ricchi e poveri donano cibo, vestiti e denaro per gli oltre 700mila sfollati. Sale a 1400 il numero dei morti.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®