29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/04/2009, 00.00

    SRI LANKA

    Arcivescovo di Colombo: singalesi e tamil, divisi periranno, uniti fioriranno

    Melani Manel Perera

    Mons. Oswald Gomis afferma che il conflitto tra esercito e Tigri tamil che sta riducendo il Paese “come alla fine della Seconda guerra mondiale”. L’impegno della Chiesa per aiutare i profughi ed il compito della riconciliazione
    Colombo (AsiaNews) - “Divisi periremo, uniti fioriremo”. Sono le parole di mons. Oswald Gomis, arcivescovo di Colombo, sulla situazione del Paese che sta vivendo la tragedia dei profughi di guerra e si interroga sul futuro della convivenza tra singalesi e tamil.
     
    Dalla zona teatro del conflitto giungono notizie di nuovi scontri e altre vittime, nonostante le Tigri abbiano dichiarato il cessate-il-fuoco unilaterale e l’esercito affermi di aver sospeso i bombardamenti aerei e l’utilizzo di armi pesanti. È fallito l’intervento per raggiungere una tregua di Inghilterra e Francia, che hanno mandato a Colombo i rispettivi ministri degli esteri, David Miliband e Bernard Kouchner. La guerra continua e continua lo sforzo per rispondere all’emergenza umanitaria che vede coinvolte centinaia di migliaia di persone (nella foto profughi raccolti nella Maniki Farm).
     
    “La mia speranza è che la guerra finisca prima possibile e che venga presto il tempo in cui la gente realizzi quanto sia folle combattere”, afferma mons. Gomis, che confida di pregare ogni giorno perché la violenza finisca prima possibile e che tutti “si facciano ragionevoli senza lasciare che ancora che altri innocenti muoiano”.
     
    “Abbiamo chiesto a entrambe le parti in causa di risparmiare la popolazione inerme - afferma l’arcivescovo - ma l’Ltte, come ultima spiaggia, ha scelto di usare i civili come scudi umani. Ora molti posti sono distrutti e danneggiati come alla fine della Seconda guerra mondiale. Nemmeno scuole e ospedali sono risparmiati; moltissime persone e tanti bambini hanno bisogno di cure mediche e assistenza. C’è bisogno di ricostruire le case e la voglia di vivere della gente”.
     
    Il presidenteMahinda Rajapaksa ha rifiutato anche l’ennesima richiesta di tregua a fini umanitari avanzata dall’Onu e sostenuta anche dall’Unione europea, ma mons. Gomis ripete che “il governo dovrebbe trovare una soluzione politica accettabile per entrambe le parti e aiutare i rifugiati a risistemarsi in aree vicine alle loro zone di provenienza”. La Chiesa di Colombo, come tutta la comunità cattolica dello Sri Lanka, è impegnata da tempo nel raccogliere cibo, medicine e anche soldi da destinare agli sfollati del nord. Ma l’arcivescovo afferma che il lavoro più importante a cui si sta dedicando è quello della riconciliazione. Porre le basi per la convivenza pacifica di singalesi e tamil, le due popolazioni che abitano l’isola e che il conflitto ha reso nemiche.
     
    Proseguono intanto i gesti di solidarietà verso la popolazione tamil e le pressioni sul governo di Colombo anche da parte di movimenti e associazioni. In India, organizzazioni non governative e gruppi di religiosi continuano ad organizzare manifestazioni, spedire appelli alle autorità srilankesi e indiane perché sia messa fine al conflitto. A Chennai, capitale del Tamil Nadu, lo stato con la più alta concentrazione di popolazione di etnia tamil in India, venti donne hanno indetto uno sciopero della fame ad oltranza sino a che la guerra non verrà sospesa.
     
    Il National Alliance of Pepole’s Movements (Napm), un network di organizzazioni sparse per tutta l’India, ha raccolto firme per chiedere al governo di Colombo la sospensione immediata delle ostilità; lo sminamento e la ricostruzione dei villaggi distrutti; il diritto all’auto determinazione della popolazione tamil dello Sri Lanka.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2009 SRI LANKA
    Sri Lanka: Meno spese per la festa di S. Antonio e più aiuti ai profughi
    Nella parrocchia di Dalupoth a Negomobo, vicino alla capitale Colombo, i fedeli hanno usato le celebrazioni del santo per raccogliere aiuti per i rifugiati.

    19/03/2009 SRI LANKA
    Religiosi in visita ai rifugiati, prigionieri dei campi profughi
    Una rappresentanza della Conferenza dei superiori maggiori visita gli sfollati a Vavuniya. Nel racconto inviato ai vescovi descrivono una situazione drammatica. Chiedono un’azione di solidarietà della Chiesa a livello nazionale. Non basta raccogliere cibo e soldi, bisogna andare in missione tra la popolazione del nord.

    25/06/2009 SRI LANKA
    Sei sacerdoti prigionieri e in isolamento nei campi profughi tamil
    Sono quattro preti della diocesi di Jaffna e 2 missionari Omi che hanno vissuto tra la popolazione tamil sino agli ultimi istanti della guerra. Le condizioni sono al collasso e le organizzazioni umanitarie hanno le mani legate. L’esercito sorveglia i rifugiati in cerca di tracce delle Tigri tamil.

    27/05/2009 SRI LANKA
    P. Sarathjeevan: morto nel giorno della fine della guerra tra i profughi della no fire zone
    Sacerdote tamil di 41 anni. Era uno dei sette preti rimasti sino all’ultimo con i profughi intrappolati nella zona di guerra. Il ricordo dell’amico e formatore p. Manuelpillai: ha passato gli ultimi giorni in un bunker ed era preoccupato perché non poteva dire messa.

    24/08/2009 SRI LANKA
    In ricordo di p. Brown e degli operatori umanitari spariti durante la guerra con le Tigri Tamil
    Il sacerdote della diocesi di Jaffna è scomparso tre anni fa durante gli scontrinei pressi della sua parrocchia a Allaipiddy. Dal 2006 alla fine del conflitto i religiosi e gli operatori umanitari scomparsi o uccisi durante la guerra sono oltre 70. Il più totale silenzio da parte delle autorità.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®