4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/01/2012
BANGLADESH
Arrestato un insegnante: aveva una copia di un libro di Taslima Nasrin
Nella biblioteca scolastica la polizia ha trovato una copia di Lajja (Shame), il famoso romanzo di vietato dal 1993 perché “blasfemo”. Costretta a scappare dal 1994 per minacce di morte, l’autrice commenta: “Questo arresto prova che il Bangladesh non è una democrazia, ma un regime totalitario”.

Dhaka (AsiaNews) – Il preside di una scuola tecnica nel distretto di Pirojpur (sud del Bangladesh) è stato arrestato perché in possesso di una copia di Lajja (Shame, “vergogna”), il noto romanzo della scrittrice Taslima Nasrin. Il libro è proibito in Bangladesh dal 1993 perché ritenuto blasfemo nei confronti dell’islam, religione di Stato. L’insegnante, Yunus Ali, rischia fino a tre anni di carcere.

La polizia ha portato via l’uomo dal KC Technical and Business Management College dopo aver trovato una copia del libro nella biblioteca della scuola. Ali si è difeso dalle accuse sostenendo di essere vittima di un complotto. L’ispettore Abdul Malek ha dichiarato: “Lajja è un libro vietato. Ciononostante, il preside lo teneva nella biblioteca. Dovrà rispondere di questo reato”.

In Lajja, Taslima Nasrin, 49 anni, racconta la vita di una famiglia indù perseguitata da musulmani. L’autrice è dovuta fuggire dal Paese nel 1994, dopo aver ricevuto minacce di morte da parte di fondamentalisti islamici. Da allora, si divide tra India ed Europa, senza poter tornare in Bangladesh. La sua famiglia è musulmana, ma oggi lei si proclama atea.

Contattata da AsiaNews, la Nasrin ha commentato: “L’arresto di questo insegnante è il segno che il Bangladesh non è una democrazia, ma un regime totalitario a tutti gli effetti. Dal 1990, i fondamentalisti islamici hanno zittito la mia libertà d’espressione e provato a uccidermi, fino a costringermi a fuggire dal mio Paese e dalla mia famiglia”.

Adesso, conclude l’autrice, “qualcuno è in pericolo ‘per colpa’ di un mio libro e rischia la sua libertà. Ma Lajja non è un romanzo blasfemo: è solo la difesa piena di una minoranza religiosa [quella indù] perseguitata e tormentata di continuo dalla maggioranza musulmana. Spero il meglio per quest’uomo e per quanti ogni giorno sono privati della loro libertà d’espressione”. (GM)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/05/2015 BANGLADESH
Bangladesh, assassinato un altro blogger “anti-islam”: è il terzo dal 2015
di Sumon Corraya
15/02/2008 INDIA
New Delhi prolunga il visto della Nasreen, scrittrice anti-velo
23/11/2007 INDIA
Ancora in fuga Taslima Nasreen, la scrittrice anti-velo
di Nirmala Carvalho
24/01/2008 INDIA – FRANCIA
Sarkozy non potrà premiare la scrittrice Nasreem, nel mirino del fondamentalismo
di Nirmala Carvalho
17/01/2012 BANGLADESH
Taslima Nasrin: In fuga da un regime totalitario e corrotto
di Giulia Mazza

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate