28 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/01/2012
BANGLADESH
Arrestato un insegnante: aveva una copia di un libro di Taslima Nasrin
Nella biblioteca scolastica la polizia ha trovato una copia di Lajja (Shame), il famoso romanzo di vietato dal 1993 perché “blasfemo”. Costretta a scappare dal 1994 per minacce di morte, l’autrice commenta: “Questo arresto prova che il Bangladesh non è una democrazia, ma un regime totalitario”.

Dhaka (AsiaNews) – Il preside di una scuola tecnica nel distretto di Pirojpur (sud del Bangladesh) è stato arrestato perché in possesso di una copia di Lajja (Shame, “vergogna”), il noto romanzo della scrittrice Taslima Nasrin. Il libro è proibito in Bangladesh dal 1993 perché ritenuto blasfemo nei confronti dell’islam, religione di Stato. L’insegnante, Yunus Ali, rischia fino a tre anni di carcere.

La polizia ha portato via l’uomo dal KC Technical and Business Management College dopo aver trovato una copia del libro nella biblioteca della scuola. Ali si è difeso dalle accuse sostenendo di essere vittima di un complotto. L’ispettore Abdul Malek ha dichiarato: “Lajja è un libro vietato. Ciononostante, il preside lo teneva nella biblioteca. Dovrà rispondere di questo reato”.

In Lajja, Taslima Nasrin, 49 anni, racconta la vita di una famiglia indù perseguitata da musulmani. L’autrice è dovuta fuggire dal Paese nel 1994, dopo aver ricevuto minacce di morte da parte di fondamentalisti islamici. Da allora, si divide tra India ed Europa, senza poter tornare in Bangladesh. La sua famiglia è musulmana, ma oggi lei si proclama atea.

Contattata da AsiaNews, la Nasrin ha commentato: “L’arresto di questo insegnante è il segno che il Bangladesh non è una democrazia, ma un regime totalitario a tutti gli effetti. Dal 1990, i fondamentalisti islamici hanno zittito la mia libertà d’espressione e provato a uccidermi, fino a costringermi a fuggire dal mio Paese e dalla mia famiglia”.

Adesso, conclude l’autrice, “qualcuno è in pericolo ‘per colpa’ di un mio libro e rischia la sua libertà. Ma Lajja non è un romanzo blasfemo: è solo la difesa piena di una minoranza religiosa [quella indù] perseguitata e tormentata di continuo dalla maggioranza musulmana. Spero il meglio per quest’uomo e per quanti ogni giorno sono privati della loro libertà d’espressione”. (GM)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/02/2008 INDIA
New Delhi prolunga il visto della Nasreen, scrittrice anti-velo
23/11/2007 INDIA
Ancora in fuga Taslima Nasreen, la scrittrice anti-velo
di Nirmala Carvalho
24/01/2008 INDIA – FRANCIA
Sarkozy non potrà premiare la scrittrice Nasreem, nel mirino del fondamentalismo
di Nirmala Carvalho
17/01/2012 BANGLADESH
Taslima Nasrin: In fuga da un regime totalitario e corrotto
di Giulia Mazza
04/03/2010 INDIA
Conquiste delle donne islamiche possibili anche con il velo
di Asghar Ali Engineer

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate