06/01/2008, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Attentati coordinati contro chiese cristiane a Baghdad e Mosul

Gli obiettivi sono state 4 chiese e 3 conventi di ordini religiosi. Nessun morto ma danni materiali a tutti gli edifici colpiti. Arcivesco caldeo di Kirkuk: gli attentati di oggi potrebbero far parte di un piano coordinato, volto a mandare un messaggio alla comunità.

Baghdad (AsiaNews) – “Rappresentano un messaggio preciso e probabilmente rientrano in un piano coordinato” gli attentati avvenuti oggi, nel giorno dell’Epifania, contro numerose chiese e istituzioni cristiane in Iraq. Ne è convinto l’arcivescovo caldeo di Kirkuk, mons. Loiuis Sako che ad AsiaNews conferma che le autobomba non hanno provocato morti, ma solo danni materiali e un ferito.

Gli obiettivi colpiti nella capitale sono: la chiesa caldea di san Giorgio nel quartiere di Ghadir, dove il Patriarca card. Emmanuel III Delly aveva da poco finito di celebrare la messa; una chiesa greco-ortodossa e il convento delle suore caldee a Zaafraniya. A Mosul, invece, le autobomba hanno investito la chiesa caldea di San Paolo, quasi distrutta, l’entrata dell’orfanotrofio gestito dalle suore caldee a Alnoor, una chiesa nestoriana e il convento delle suore dominicane di Mosul a Aljadida.

La comunità cristiana irakena quest'anno aveva potuto festeggiare il Natale in un clima di maggiore sicurezza e di rinnovata speranza. Alle messe avevano partecipato molti fedeli, anche a Mosul, che al momento è la città più insicura . Decine di migliaia di famiglie, rifugiatisi in Siria, sono anche tornati, vedendo il miglioramento della sicurezza. Gli attentati di oggi rischiano di gettare di nuovo sfiducia fra i cristiani.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Leader cristiani si uniscono all’appello del Patriarca Delly per salvare l’Iraq
10/05/2007
Vescovo di Kirkuk: l’Iraq si avvia verso la divisione
16/01/2007
Profughi iracheni: il Natale di Gesù, “l’alternativa alla violenza”
03/01/2008
Io, sacerdote irakeno, rapito e torturato perché sono cristiano
08/01/2008
Vescovo del Kurdistan: “la Chiesa in Iraq è in grande pericolo"
24/04/2007