24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/08/2017, 08.56

    INDIA

    Attivisti al governo di Delhi: non deportate i 40mila musulmani Rohingya



    Il sottosegretario per gli Affari interni ha chiesto agli Stati di identificare ed espellere i profughi. Migliaia di persone sono fuggite dal Myanmar per evitare persecuzioni, stupri, esecuzioni sommarie. “L’India sa a cosa andrebbero incontro. Sarebbe vergognoso abbandonarli al proprio destino”.

    New Delhi (AsiaNews) – Attivisti per i diritti umani chiedono al governo dell’India di rispettare le leggi internazionali e non deportare i circa 40mila musulmani Rohingya presenti sul proprio territorio. L’allarme è stato lanciato questa settimana da alcune organizzazioni umanitarie, tra cui Human Rights Watch e Amnesty International, che hanno espresso preoccupazione per le recenti dichiarazioni di Kiren Rijiju, sottosegretario per gli Affari interni. Davanti al Parlamento, egli ha detto che il governo ha chiesto alle autorità statali di identificare ed espellere i Rohingya, la minoranza etnica originaria del Bangladesh ma residente in prevalenza in Myanmar. Se così dovesse avvenire, lamentano gli attivisti, essi sarebbero esposti a gravi forme di discriminazione e violenza.

    Negli anni scorsi migliaia di Rohingya hanno attraversato la frontiera cercando rifugio in India. Per gran parte, la comunità vive in Myanmar, ma le autorità non ne riconosce la cittadinanza. I suoi membri – circa un milione di esponenti – abitano in campi profughi sparsi in più parti del Paese birmano, dove da mesi sono vittime di violenze. La popolazione Rohingya parla di esecuzioni sommarie, arresti arbitrari, stupri, case date alle fiamme nel contesto di una campagna ribattezzata dal governo “operazione di pulizia”.

    Meenakshi Ganguly, direttrice per l’Asia del sud di Human Rights Watch, ha dichiarato: “Le autorità indiane devono attenersi agli obblighi internazionale e non rimpatriare in maniera forzata i Rohingya verso il Myanmar. Devono prima valutare in maniera onesta la loro domanda di essere considerati come rifugiati”.

    Anche se non esistono cifre esatte, il sottosegretario Rijiju ha affermato che il numero dei migranti musulmani è aumentato negli ultimi anni e ha parlato di circa 40mila persone che vivono in maniera illegale nel territorio dell’Unione. L’ondata più consistente è avvenuta in seguito al giro di vite dei militari, lanciato nell’ottobre 2016 come reazione ad un attacco armato di gruppi ribelli contro i soldati.

    Raghu Menon, rappresentante di Amnesty International India, ha affermato: “Dipingere i rifugiati e i richiedenti asilo Rohingya come immigrati illegali non tiene conto delle motivazioni per le quali essi sono stati costretti a fuggire dalle proprie case e i gravi rischi cui incorrerebbero se fossero espulsi in modo forzato”. “Le autorità indiane – ha concluso – sono ben consapevoli delle violazioni dei diritti umani che i Rohingya affronterebbero in Myanmar. Sarebbe vergognoso abbandonarli al proprio destino”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/04/2013 MYANMAR – UE
    L'Ue apre al Myanmar, Naypyidaw libera 56 attivisti. Leader cattolica: Non basta
    Il governo birmano ha ordinato il rilascio di oltre 50 detenuti politici, in risposta alla scelta del Parlamento europeo di sollevare le sanzioni economiche e commerciali al Myanmar. Resta il bando alla vendita di armi. Attivista Kachin critica la mossa di Bruxelles, perché “non vi è ancora un vero desiderio di cambiamento”.

    26/09/2017 08:56:00 ONU - MYANMAR
    Il Myanmar all’Assemblea dell’Onu: ‘Nessuna pulizia etnica o genocidio in Rakhine’

    L’ambasciatore birmano: “La questione è estremamente complessa”. Stati membri e comunità internazionale esortati ad un’analisi “oggettiva ed imparziale”. Il “fattore paura” e “la tattica della terra bruciata” adottata dai terroristi sono le ragioni per l’esodo Rohingya. La priorità del governo è la risoluzione dell’emergenza umanitaria. Avviati programmi di assistenza agli sfollati in collaborazione con la Croce Rossa.



    04/09/2017 13:25:00 BANGLADESH – MYANMAR – VATICANO
    Cox’s Bazar, musulmani Rohingya chiedono aiuto a papa Francesco (Video e Foto)

    La notizia della visita del pontefice riaccende le speranze tra i profughi. “Egli è un uomo misericordioso”; “chiediamo che riporti la pace”. Le guardie di frontiera lasciano passare gli sfollati. Tra le vittime nello Stato birmano di Rakhine, anche molti indù. Le violenze bloccano le celebrazioni per la festa islamica di Eid al-Adha. Testimonianze dal nostro inviato.



    23/11/2016 08:57:00 BANGLADESH - MYANMAR
    Dhaka, leader cristiani e musulmani contro il genocidio dei Rohingya

    Il Bangladesh ha deciso di respingere circa 400 profughi alla frontiera. Essi scappavano dalla nuova ondata di repressione in Myanmar. Leader islamico denuncia la pulizia etnica. Vescovo di Rajshahi: Il governo deve garantire tutte le minoranze.



    09/03/2010 MYANMAR – BANGLADESH
    Migliaia di profughi rohingya a rischio fame in Bangladesh
    L’allarme lanciato da una ong statunitense, secondo cui Dhaka blocca aiuti e cure ai rifugiati e li rinchiude in “prigioni a cielo aperto”. Essi appartengono a una minoranza musulmana del Myanmar e sono perseguitati dalla dittatura militare. Il governo bangladeshi respinge le accuse: “siamo noi le vittime”.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®