19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/11/2016, 12.14

    MYANMAR

    Scontri e violenze contro i Rohingya. Card. Bo: Fermate la guerra



    Da ottobre sono almeno 60 i musulmani uccisi dall’esercito nello Stato. Impedita l’entrata di aiuti umanitari e osservatori indipendenti. Arcivescovo di Yangon: “L’unica religione di cui il Myanmar ha bisogno ora è la pace”.

    Yangon (AsiaNews) – Come rappresentanti di tutte le religioni che vivono in Myanmar “ci appelliamo ai nostri compatrioti e compatriote, ai nostri leader politici, ai nostri capi dell’esercito e dei gruppi armati, affinché cerchino il sentiero della riconciliazione e facciano della pace la religione comune di tutti noi”. È la richiesta avanzata dal card. Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon, preoccupato dalle recrudescenze del conflitto in atto fra esercito governativo (Tatamaadaw) e gruppi ribelli nello Stato Rakhine (ovest del Paese).

    Negli ultimi giorni sono aumentati gli scontri fra il Tatmadaaw e quello che i soldati definiscono “un gruppo militante di musulmani Rohingya”. Il 14 novembre fonti governative hanno reso nota la morte di almeno 30 combattenti islamici. I Rohingya sono una minoranza musulmana (poco più di un milione di persone) originaria del Bangladesh, alla quale il Myanmar non riconosce la cittadinanza e i cui membri abitano in campi profughi in più parti del Paese.

    Le operazioni dell’esercito si sono concentrate nell’area di Maungdaw, al confine con il Bangladesh. Le forze di sicurezza hanno isolato la regione impedendo l’ingresso di aiuti umanitari e di osservatori indipendenti. Dall’inizio di ottobre, il bilancio parla di 60 Rohingya morti e 17 soldati governativi deceduti. Il Tatmaadaw continua a passare di villaggio in villaggio ripulendo il territorio dagli elementi ribelli. Si tratta degli scontri peggiori nello Stato dal 2012, quando i morti furono centinaia.

    Residenti e attivisti per i diritti umani denunciano l’esercito, colpevole di esecuzioni sommarie, stupri e incendi dolosi. Secondo Human Rights Watch, almeno 430 case di rifugiati Rohingya sarebbero state date alle fiamme senza motivo.

    Ad un mese dall’ultimo appello per la cessazione dei conflitto (in corso anche nello Stati Kachin e Karen), il card. Bo è tornato a denunciare “l’incubo della guerra che continua. Ci sono più di 200mila sfollati nella loro terra […] e questo causa traffico umano, la minaccia della droga e ulteriore violenza nelle comunità”.

    Il Myanmar è composto 135 etnie che hanno sempre faticato a convivere in maniera pacifica con il governo centrale e la sua componente di maggioranza birmana. Dopo l’armistizio firmato dall’esercito con diversi gruppi ribelli nell’ottobre 2015, i dialoghi di pace sono ripresi a fine agosto durante la conferenza di Panglong (voluta da Aung San Suu Kyi), che per ora non ha dato i risultati sperati.

    Queste guerre, scrive l’arcivescovo di Yangon, “non si possono vincere. Più di 60 anni di conflitto lo hanno dimostrato. Esse hanno inflitto una sofferenza cronica a migliaia di persone e impedito lo sviluppo umano”. Ci appelliamo, conclude il card. Bo, “ai politici della Lega nazionale per la democrazia [Nld, partito guidato da Aung San Suu Kyi ndr], ai partiti politici etnici e ai gruppi della società civile perché cerchino una risoluzione consensuale dei conflitti. Ci appelliamo ai leader religiosi perché siano strumenti di pace. Il Myanmar ha bisogno di una sola religione oggi, ed è la pace”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/06/2016 13:03:00 MYANMAR
    Card. Bo: Basta violenze, lavoriamo insieme per la pace nello Stato Kachin

    L’arcivescovo di Yangon rivolge un appello al governo, ai ribelli e alla comunità internazionale per la cessazione del conflitto. Più di 150mila persone vivono in capi profughi in mezzo a campi minati. La conferenza di pace di luglio “un’occasione da non perdere”. I leader religiosi, cattolici e protestanti, “stanno fallendo nel lavorare a fianco del popolo per la pace”.

     



    04/10/2017 11:53:00 MYANMAR
    Rakhine, diplomatici in visita: ‘Condanna per le violenze’, sostegno ad Aung San Suu Kyi

    La delegazione chiede il pieno accesso di media e organizzazioni umanitarie alle aree del conflitto e un’inchiesta condotta da esperti Onu sulle violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito. L’urgenza di attuare il rapporto di Kofi Annan.



    28/09/2017 12:51:00 MYANMAR
    Rakhine, i militanti Rohingya negano i massacri degli indù: ‘Noi colpevolizzati’

    L’Arsa smentisce “ omicidi, violenze sessuali o reclutamenti forzati”. Gli abitanti del villaggio indù di Ye Baw Kya raccontano che le vittime sono oltre 100, i dispersi 48. Donne forzate alla conversione e al matrimonio. Oltre 400 villaggi Rohingya dati alle fiamme, il governo del Myanmar sovrintenderà la ricostruzione. Rilasciati ai rappresentanti delle agenzie dell’Onu i permessi per visitare il Rakhine.



    11/09/2017 09:01:00 MYANMAR
    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya

    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.



    30/12/2016 11:54:00 MYANMAR
    Card. Bo: il primo gennaio digiuno e preghiera per la pace

    Nel messaggio di fine anno l’arcivescovo di Yangon si appella a tutte le religioni: “Affolliamo monasteri, chiese, templi e moschee portando manifesti e bandiere con scritto ‘Stop a tutte le guerre!’”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®