07/12/2004, 00.00
CINA - UNIONE EUROPEA
Invia ad un amico

Attivisti internazionali: in Cina liberare i diritti umani, non le armi

Roma (AsiaNews) – Invece di pensare a vendere armi, più impegno per i diritti umani. È quello che chiedono all'Europa gruppi di tutela dei diritti della persona, alla vigilia del 7° summit tra Unione europea e Cina (Aja, Olanda, 8 dicembre). Amnesty International e Human Rights Watch (HRW) hanno chiesto alla UE di rimanere ferma sull'embargo europeo alla vendita di armi a Pechino, come prova della priorità dei diritti della persona sugli interessi economici. 

Secondo Brad Adams, direttore di Human Rights Watch (HRW) in Asia, bisogna ricordare qual'è la ragione dell'embargo: il veto sulla vendita di armi era stato imposto come reazione al massacro di 15 anni fa a Piazza Tiananmen (4 giugno 1989), "quando l'esercito cinese ha puntato le armi contro la sua gente; chi ci assicura che questo non accadrà più? Le riforme necessarie ancora non sono avvenute". HRW chiede all'UE di insistere sulla questione dei diritti umani spingendo Pechino a istituire nuovi processi con osservatori internazionali per tutti i detenuti a causa della partecipazione alle proteste dell'89.

Ieri, Amnesty International ha pubblicato un rapporto che testimonia il numero crescente di attivisti per i diritti umani nel Paese di Mezzo e i rischi continui a cui sono sottoposte le loro vite. Nel testo di 42 pagine si ricorda che, chi si batte per libertà religiosa, diritti dei lavoratori, diritto alla sanità, Aids o minoranze in Cina, viene accusato dei vaghi crimini di "furto di segreti di Stato" o "sovversione" e sottoposto a incarcerazione arbitraria e torture. Amnesty chiede alla comunità internazionale, inclusa l'UE, di premere sulla Cina, affinché liberi gli attivisti detenuti e preveda una riforma delle leggi utilizzate per incarcerarli.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bush: "L'embargo sulla vendita delle armi a Pechino deve rimanere"
22/02/2005
UE : l'embargo sulle armi alla Cina deve continuare
15/04/2005
L'Europa non cancella l'embargo sulle armi per Pechino
08/12/2004
Bruxelles vuole cancellare le sanzioni economiche e commerciali al Myanmar
19/04/2013
All'Unione Europea la Cina chiede nuove tecnologie di difesa
15/12/2004