26 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/02/2008
PAKISTAN
Aumentano le violenze contro le donne, primi colpevoli i familiari
Secondo il Rapporto annuale sulle violenze contro le donne compilato dalla Commissione nazionale per lo sviluppo dei diritti umani, aumentano omicidi, stupri, rapimenti e persino roghi di donne considerate “poco islamiche” o infedeli. Nel 70 % dei casi, i colpevoli sono familiari. La polizia non interviene quasi mai.

Lahore (AsiaNews) – Delitti d’onore, rapimenti, torture e persino roghi. Sono questi i casi più ricorrenti di violenza contro le donne in Pakistan, casi che nel 2007 sono aumentati in maniera impressionante e che, soprattutto, rimangono sempre più spesso impuniti. È il contenuto del Rapporto annuale sulle violenze contro le donne compilato dalla Commissione nazionale per lo sviluppo dei diritti umani e presentato ieri a Lahore.
 
Nel corso del 2007, il Pakistan ha assistito ad un tragico aumento delle violenze contro le donne. Al primo posto della casistica, per la prima volta nei 9 anni in cui la Commissione ha compilato il Rapporto, balzano gli omicidi: 901 casi, di cui 747 compiuti da familiari della vittima. Di questi omicidi, la polizia ha accettato di aprire le inchieste soltanto in 600 casi, ha arrestato 122 persone, ma soltanto 30 sono state condannate.
 
Al secondo posto si piazzano i rapimenti: 688 casi denunciati, 49 arresti. Quella del rapimento è una pratica consueta nel Pakistan, dove giovani maschi di tribù ricche si sentono autorizzati a rapire e sposare con la forza le donne di altre tribù ritenute socialmente inferiori. In questi casi, denuncia il Rapporto, “impressione l’apatia delle forze dell’ordine”.
 
A seguire vengono i suicidi – 500 casi – e gli stupri, 457 casi e 295 interventi della polizia. Anche qui, i familiari sono ritenuti colpevoli di violenza sessuale in almeno 293 episodi. Impressionante l’ultima voce della frequenza di casi: il rogo delle donne, infedeli o “poco musulmane”, si è verificato in 100 casi, soltanto 3 dei quali si sono conclusi con un arresto.
 
Secondo la Commissione, i dati – forniti dal governo – riguardano soltanto le aree centrali del Paese. Nelle zone tribali di confine, i casi sarebbero molti di più, ma “non vengono mai denunciati”. Inoltre, sottolineano ancora gli autori, gli omicidi ed i roghi “sono ormai considerati una punizione corretta per i comportamenti delle donne ritenuti non islamici anche dai semplici familiari. I giudici non intervengono più”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/11/2007 PAKISTAN
Cristiana 18enne violentata e costretta a convertirsi all’Islam
di Qaiser Felix
22/04/2013 INDIA
Medico cattolico: Una vergogna per l’India lo stupro di una bambina di 5 anni
di Nirmala Carvalho
16/04/2008 PAKISTAN
Torturata dal marito, ma per la polizia non si può aprire un caso
04/02/2006 PAKISTAN
Pakistan: nuova norma a tutela delle donne violentate
di Qaiser Felix
28/10/2008 PAKISTAN
Ancora un “delitto d’onore”: massacrata una ragazza pakistana di 17 anni
di Qaiser Felix

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate