21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/02/2008
PAKISTAN
Aumentano le violenze contro le donne, primi colpevoli i familiari
Secondo il Rapporto annuale sulle violenze contro le donne compilato dalla Commissione nazionale per lo sviluppo dei diritti umani, aumentano omicidi, stupri, rapimenti e persino roghi di donne considerate “poco islamiche” o infedeli. Nel 70 % dei casi, i colpevoli sono familiari. La polizia non interviene quasi mai.

Lahore (AsiaNews) – Delitti d’onore, rapimenti, torture e persino roghi. Sono questi i casi più ricorrenti di violenza contro le donne in Pakistan, casi che nel 2007 sono aumentati in maniera impressionante e che, soprattutto, rimangono sempre più spesso impuniti. È il contenuto del Rapporto annuale sulle violenze contro le donne compilato dalla Commissione nazionale per lo sviluppo dei diritti umani e presentato ieri a Lahore.
 
Nel corso del 2007, il Pakistan ha assistito ad un tragico aumento delle violenze contro le donne. Al primo posto della casistica, per la prima volta nei 9 anni in cui la Commissione ha compilato il Rapporto, balzano gli omicidi: 901 casi, di cui 747 compiuti da familiari della vittima. Di questi omicidi, la polizia ha accettato di aprire le inchieste soltanto in 600 casi, ha arrestato 122 persone, ma soltanto 30 sono state condannate.
 
Al secondo posto si piazzano i rapimenti: 688 casi denunciati, 49 arresti. Quella del rapimento è una pratica consueta nel Pakistan, dove giovani maschi di tribù ricche si sentono autorizzati a rapire e sposare con la forza le donne di altre tribù ritenute socialmente inferiori. In questi casi, denuncia il Rapporto, “impressione l’apatia delle forze dell’ordine”.
 
A seguire vengono i suicidi – 500 casi – e gli stupri, 457 casi e 295 interventi della polizia. Anche qui, i familiari sono ritenuti colpevoli di violenza sessuale in almeno 293 episodi. Impressionante l’ultima voce della frequenza di casi: il rogo delle donne, infedeli o “poco musulmane”, si è verificato in 100 casi, soltanto 3 dei quali si sono conclusi con un arresto.
 
Secondo la Commissione, i dati – forniti dal governo – riguardano soltanto le aree centrali del Paese. Nelle zone tribali di confine, i casi sarebbero molti di più, ma “non vengono mai denunciati”. Inoltre, sottolineano ancora gli autori, gli omicidi ed i roghi “sono ormai considerati una punizione corretta per i comportamenti delle donne ritenuti non islamici anche dai semplici familiari. I giudici non intervengono più”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/11/2007 PAKISTAN
Cristiana 18enne violentata e costretta a convertirsi all’Islam
di Qaiser Felix
16/04/2008 PAKISTAN
Torturata dal marito, ma per la polizia non si può aprire un caso
22/04/2013 INDIA
Medico cattolico: Una vergogna per l’India lo stupro di una bambina di 5 anni
di Nirmala Carvalho
04/02/2006 PAKISTAN
Pakistan: nuova norma a tutela delle donne violentate
di Qaiser Felix
28/10/2008 PAKISTAN
Ancora un “delitto d’onore”: massacrata una ragazza pakistana di 17 anni
di Qaiser Felix

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate