17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/09/2016, 10.19

    FILIPPINE

    Ausiliare di Manila: Ombre di Marcos sul Paese, ma la Chiesa vigila



    La “guerra alla droga” lanciata dal presidente Duterte nelle Filippine “ha scatenato un ampio dibattito. Non sappiamo neanche se le vittime fossero tutte davvero coinvolte in traffici illeciti, ma comunque non si può permettere una giustizia così sommaria”. Il vescovo ausiliare della capitale, mons. Broderick S. Pabillo, lancia attraverso AsiaNews un appello all’unità nazionale: “Abbiamo bisogno di essere compatti contro la deriva che sta prendendo il governo”.

    Manila (AsiaNews) – Le ombre della dittatura militare di Fernando Marcos “potrebbero tornare ad avvolgere le Filippine. Ma la Chiesa vigila perché questo non avvenga. Tuttavia è necessaria unità e compattezza nel denunciare la deriva giustizialista di questo governo”. Lo dice ad AsiaNews il vescovo ausiliare di Manila, mons. Broderick Soncuaco Pabillo, commentando la “mattanza” di presunti narcotrafficanti nel Paese.

    Le vittime di questa guerra, lanciata dal nuovo presidente Rodrigo Duterte sin dalla sua campagna elettorale, si contano oramai a migliaia. Gli esecutori materiali di questi omicidi extra-giudiziari sono le forze di polizia o i gruppi di vigilantes che – impuniti – compiono veri e propri raid nell’ambito del mondo della droga.

    I diritti umani nelle Filippine, spiega mons. Pabillo ad AsiaNews, “sembrano essere divenuti un problema. Tra l’altro non è ben chiaro se queste vittime siano davvero trafficanti di droga o se vengano uccise dalla polizia per altri motivi e in altri ambiti. È vero che si sono levate molte voci nella Chiesa e nella società civile che condannano questi avvenimenti: moltissimi si sono alzati in piedi per difendere i diritti civili della popolazione”. Tuttavia queste voci “non sembrano essere abbastanza rumorose: abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, anche della comunità internazionale, per essere sicuri che chi è al potere ascolti quanto abbiamo da dire sull’operato del nostro presidente”.

    Allo stesso tempo, aggiunge il presule, è necessario “registrare anche un altro fenomeno meno rassicurante: ci sono infatti molte altre persone, nell’opinione pubblica e nella popolazione in generale, che sembrano essere d’accordo con l’operato di Duterte. Ritengono che la sua campagna sia condivisibile e chiudono un occhio su come viene messa in atto”.

    La guerra alla droga, riflette ancora mons. Pabillo, “non può essere l’unico focus del governo in carica. Il nuovo esecutivo si è insediato oramai da quasi due mesi, e in questo periodo non sembra aver fatto altro. È chiaro che la tossicodipendenza e il commercio di stupefacenti sono un problema enorme per le Filippine, forse addirittura il più grave. Ma non ci si può concentrare soltanto su questo problema”.

    La posizione della Chiesa al riguardo “è molto chiara. Noi siamo contrari a queste uccisioni, così come siamo contrari al ritorno della pena di morte nella nazione. Stiamo incoraggiando tutti i gruppi cattolici a presentare ognuno la propria posizione, perché vi possono essere suggerimenti e spunti importanti per risolvere la situazione. Dobbiamo, alla fine di questo percorso, individuare una ‘voce comune’ che sia quella della Chiesa e del popolo che rappresenta”.

    La campagna elettorale di Duterte si è incentrata sulla figura dell’uomo solo al comando, un “uomo forte” che secondo la sua propaganda “è quello di cui la nazione ha bisogno”. La sua decisione di far seppellire l’ex dittatore Fernando Marcos nel cimitero degli eroi di Manila ha provocato ampio risentimento fra i sopravvissuti e i familiari delle vittime delle sue purghe. Ma ha fatto anche intravedere una volontà poco democratica.

    Secondo mons. Pabillo “le ombre di Marcos potrebbero avvolgere l’attuale situazione delle Filippine. Noi non sappiamo neanche se oggi la polizia sia sotto il controllo dell’esecutivo o se non vi sia piuttosto una sorta di ‘comando condiviso’. Ma la Chiesa vigila e vigilerà affinché non tornino quegli anni bui”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2017 13:15:00 FILIPPINE
    Vescovo di Manila: è ‘vendetta politica’ l’arresto della senatrice De Lima

    La senatrice aveva indagato il presidente. Mons. Pabillo: “Vogliono fargliela pagare”. La Chiesa filippina unita contro una cultura di morte: “Educare le persone e raddoppiare gli sforzi per affrontare i problemi”.



    26/08/2016 11:38:00 FILIPPINE
    Vescovi filippini: Basta con gli omicidi impuniti, servono giustizia e unità

    La campagna contro la droga lanciata dal presidente Duterte è sfociata in una sanguinosa guerra senza alcun rispetto per il diritto e la democrazia. Oltre 2mila presunti spacciatori sono stati uccisi da poliziotti e vigilantes, rimasti del tutto impuniti. Il presidente della Conferenza episcopale: “Non possiamo mollare, una preghiera per curare i mali della nazione. Dio ci ascolterà”. I religiosi: “Il silenzio degli uomini buoni permette al male di prosperare”.



    12/09/2017 14:45:00 FILIPPINE
    Manila, mons. Pabillo: ‘Ingiustificabile’ la guerra alla droga di Duterte

    “Non è altro che una serie di assassinii extragiudiziali”. Più di 12mila vittime nelle operazioni di polizia. Tossicodipendenti e famiglie, l’azione della Chiesa per l’assistenza ed il recupero. Gonfiati i dati del governo sull’utilizzo di droghe nel Paese.



    03/03/2017 12:48:00 FILIPPINE
    Manila, in via di approvazione la pena di morte. L’ultimo appello dei vescovi filippini

    La proposta di legge è passata ieri in seconda lettura. Martedì 7 marzo la definitiva approvazione. La Chiesa richiama i parlamentari ai valori cristiani e ad opporsi al provvedimento. I vescovi chiedono la votazione nominale. Il cardinale Luis Antonio Tagle: “La vita umana è un dono di Dio, non possiamo far finta di essere dèi".



    21/09/2017 09:03:00 FILIPPINE
    Manila, Duterte al figlio: ‘Se colpevole, sei morto’

    Paolo Duterte è accusato di associazione a delinquere e traffico di droga. Il giovane politico nega di aver introdotto nel Paese metamfetamina per 120milioni di euro. Deputati dell'opposizione affermano che presidente e famiglia sono da tempo coinvolti in attività illecite. 





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®