05/09/2017, 09.10
PALESTINA
Invia ad un amico

Autorità nazionale palestinese arresta attivista per i diritti umani

Aveva denunciato il fermo di un giornalista, colpevole di aver criticato il presidente Mahmoud Abbas. Giro di vite contro il dissenso. Carcere, lavori forzati e multe.

Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Issa Amro, attivista per i diritti umani e coordinatore per l’Ong Youth Against Settlements, è stato arrestato ieri per aver criticato l’Autorità nazionale palestinese su Facebook. Nel post sul social network, Amro denunciava il fermo di Ayman Qawasmi, direttore della stazione radio di Hebron Manbar al-Hurriya. Qawasmi aveva criticato il presidente dell’Anp, chiedendone le dimissioni perché incapace a proteggere i palestinesi.

Amro è conosciuto per il suo attivismo non-violento, per il quale è processato anche da una corte militare israeliana. Dopo un’udienza il 9 luglio, le prossime sono previste per ottobre e novembre.

I due vanno ad unirsi alla fila dei palestinesi trattenuti per aver criticato le autorità da quando Abbas ha approvato la Legge contro i crimini cibernetici, in giugno. La legge è definita “la peggior legge nella storia dell’Anp” da gruppi per i diritti umani. Essa impone carcere, lavori forzati e multe per la creazione, pubblicazione e la condivisione di informazioni considerate pericolose dall’autorità palestinese.

Da luglio, l’Anp ha chiuso 29 siti internet basati in Cisgiordania.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mahmoud Abbas: non mi candido alle prossime presidenziali dell’Anp
06/11/2009
Israele riduce la fornitura elettrica a Gaza. Le autorità palestinesi si accusano l’un l’altra
13/06/2017 09:10
Rinviate le elezioni palestinesi. A dicembre l'annuncio di una nuova data
21/11/2009
Ancora in forse la data delle elezioni presidenziali palestinesi
12/11/2009
Palestinesi "disillusi e disgustati” dai dissidi tra Hamas e Fatah
18/12/2009