21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/09/2017, 09.10

    PALESTINA

    Autorità nazionale palestinese arresta attivista per i diritti umani



    Aveva denunciato il fermo di un giornalista, colpevole di aver criticato il presidente Mahmoud Abbas. Giro di vite contro il dissenso. Carcere, lavori forzati e multe.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Issa Amro, attivista per i diritti umani e coordinatore per l’Ong Youth Against Settlements, è stato arrestato ieri per aver criticato l’Autorità nazionale palestinese su Facebook. Nel post sul social network, Amro denunciava il fermo di Ayman Qawasmi, direttore della stazione radio di Hebron Manbar al-Hurriya. Qawasmi aveva criticato il presidente dell’Anp, chiedendone le dimissioni perché incapace a proteggere i palestinesi.

    Amro è conosciuto per il suo attivismo non-violento, per il quale è processato anche da una corte militare israeliana. Dopo un’udienza il 9 luglio, le prossime sono previste per ottobre e novembre.

    I due vanno ad unirsi alla fila dei palestinesi trattenuti per aver criticato le autorità da quando Abbas ha approvato la Legge contro i crimini cibernetici, in giugno. La legge è definita “la peggior legge nella storia dell’Anp” da gruppi per i diritti umani. Essa impone carcere, lavori forzati e multe per la creazione, pubblicazione e la condivisione di informazioni considerate pericolose dall’autorità palestinese.

    Da luglio, l’Anp ha chiuso 29 siti internet basati in Cisgiordania.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2009 PALESTINA
    Rinviate le elezioni palestinesi. A dicembre l'annuncio di una nuova data
    Hamas e Fatah cercano l’accordo con la mediazione egiziana. Il presidente in carica Abbas conferma di non volersi ricandidare. Il suo mandato scade il 25 gennaio e l’Autorità nazionale palestinese dovrà trovare una soluzione temporanea per gestire il vuoto di potere sino al voto.

    12/11/2009 PALESTINA
    Ancora in forse la data delle elezioni presidenziali palestinesi
    Il posticipo sarebbe motivato dal “rifiuto delle elezioni di Hamas a Gaza”. Un indagine dell’Arab World for Research and Development rileva che il 74% della popolazione della West Bank e di Gaza vuole le elezioni a gennaio. Dal sondaggio critiche ad Hamas: la sua linea politica “rinforza la posizione di Israele sulla non esistenza di uno Stato palestinese”.

    06/11/2009 PALESTINA
    Mahmoud Abbas: non mi candido alle prossime presidenziali dell’Anp
    L’annuncio trasmesso in diretta tv. Il 74enne leader di Fatah accusa Hamas di minare l’unità interna dei palestinesi e gli Stati Uniti che “favoriscono le posizioni di Israele” . Sulla scelta pesa la sconfitta nel braccio di ferro sugli insediamenti ebraici nei Territori e le posizioni ambigue sostenute dal presidente dell’Anp nell’affare Goldstone.

    13/06/2017 09:10:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele riduce la fornitura elettrica a Gaza. Le autorità palestinesi si accusano l’un l’altra

    Autorità nazionale palestinese accusa Hamas di non rimborsare le spese e preme per riaprire dialogo sull’unità. Ministro israeliano: “Non pagheremo le bollette della luce di Gaza”. Peggiora la crisi umanitaria.



    18/12/2009 PALESTINA
    Palestinesi "disillusi e disgustati” dai dissidi tra Hamas e Fatah
    Il giornalista Samir Qumsieh: “Non si capisce dove stiamo andando”e “ogni giorno succedono molte cose, ma non cambia niente”; “sembra di essere in un vicolo cieco” : La comunità cristiana è quella che soffre di più dalla paralisi.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®